Il Messico arresta l’ex pubblico ministero per caso di studente scomparso | notizie dal mondo

Un ex procuratore generale messicano è stato arrestato ed è stato emesso un mandato per 83 soldati e ufficiali dell’esercito per la famigerata scomparsa di 43 studenti nel 2014.

Jesus Murillo è stato arrestato nella sua casa di Città del Messico con l’accusa di sparizione forzata, tortura e ostruzione alla giustizia nel rapimento e scomparsa di studenti e insegnanti nello stato sudoccidentale di Guerrero.

La Procura della Repubblica ha anche emesso altri 83 mandati di cattura per soldati, polizia, funzionari di Guerrero e membri di bande in relazione al caso.

Murillo è stato procuratore generale dal 2012 al 2015 sotto l’allora presidente Enrique Peña Nieto, supervisionando l’indagine tanto criticata sulla scomparsa il 26 settembre 2014 di studenti del Rural Teachers College di Ayotzinapa.

Sono stati trovati e identificati solo i resti di tre studenti e da allora il caso perseguita il Messico.

Murillo ha annunciato nel 2014 che gli studenti erano stati uccisi e bruciati in una discarica da una banda di narcotrafficanti, ma l’indagine avrebbe utilizzato tortura, detenzione inappropriata e cattiva gestione delle prove, lasciando la maggior parte dei sospetti liberi.

Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador è entrato in carica nel 2018 e si è impegnato a chiarire cosa è successo. La sua amministrazione ha tentato di arrestare un altro ex alto funzionario, Thomas Zeron, dal 2020, anche chiedendo a Israele di estradarlo l’anno scorso.

L’ufficio del procuratore generale ha detto che Murillo ha collaborato “senza resistenza”.

Arriva il giorno dopo che un funzionario messicano per i diritti umani, Alejandro Encinas, ha definito la scomparsa un “crimine di stato” con il coinvolgimento di funzionari locali e federali.

READ  Gli Stati Uniti iniziano a restituire 10 milioni di dollari in manufatti rubati all'Italia | Italia

“Cos’è successo? La sparizione forzata dei ragazzi quella notte da parte delle autorità governative e dei gruppi criminali”, ha detto Encinas in una conferenza stampa.

Encinas ha affermato che i massimi livelli dell’amministrazione Peña Nieto hanno orchestrato l’insabbiamento, compresa l’alterazione delle scene del crimine e l’occultamento dei collegamenti tra autorità e criminali.

Murillo ha preso il caso nel 2014 e ha soprannominato le scoperte del governo “verità storica”.

Secondo quel resoconto, una banda di narcotrafficanti locale ha scambiato gli studenti per membri di un gruppo rivale prima di ucciderli, bruciando i loro corpi in una discarica e poi trasportando i loro resti in un fiume.

Ma un gruppo di esperti internazionali ha individuato delle scappatoie nel resoconto e le Nazioni Unite hanno denunciato arresti arbitrari e torture durante le indagini.

La frase “verità storica” ​​divenne sinonimo del concetto di corruzione e impunità sotto il signor Peña Nieto.

L’avvocato dei genitori degli studenti di Ayotzinapa, Vidolfo Rosales, ha invitato il governo a fare più arresti.

“C’è ancora molto da fare prima di pensare che questo problema sia stato risolto”, ha detto Rosales alla televisione messicana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.