Il M5S italiano dice che Meloni è “isolata” a Bruxelles, van der Leyen ingannato da Uractive

Il governo del primo ministro italiano Giorgia Meloni è più isolato che mai a livello europeo, ha detto a Euractiv un parlamentare europeo del partito italiano Movimento Cinque Stelle (M5S).

“I partiti che compongono la maggioranza del governo Meloni sono sempre più isolati in Europa”, ha detto a Euractiv l'eurodeputata M5S Valentina Palmisano (a sinistra), aggiungendo che il suo gruppo ECR “è sotto esame in Europa”.

“Ursula van der Leyen non solo li ha ingannati, ma ha anche detto che non negozierà il loro piano”, ha aggiunto Palmisano.

La coalizione di governo italiana è composta da Fratelli d’Italia della Meloni (ECR), Forza Italia (PPE) e dalla Lega di estrema destra Matteo Salvini (Patrioti per l’Europa).

Con la Lega di Salvini di fronte al “Giardino Sanitario” nel gruppo dei Patrioti per l'Europa e a Fratelli d'Italia della Meloni, “spogliata della guida della Commissione Giustizia prevista dal sistema d'Hand”, le cose non si mettono tanto bene per Il governo italiano.

Euractiv all'inizio di questa settimana ha chiesto al gruppo ECR di Meloni di presiedere la commissione per i diritti civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE), ma i gruppi progressisti dell'UE (S&D, Renew, Verdi, Sinistra europea e parte del PPE) “hanno promesso di farlo. Max” Per evitare che lo capiscano.

“Ciò dimostra che l'Europa non ha fiducia nel governo Meloni. È assurdo nominare una commissione parlamentare per la lotta alla corruzione agli elettori in Italia per eliminare il reato di abuso d'ufficio con la legge Nordeo”, ha aggiunto.

La legge Nordeo approvata mercoledì introduce cambiamenti significativi nel sistema giudiziario italiano.

Abolisce il reato di abuso d'ufficio, modifica il reato di indebita influenza e limita la diffusione delle intercettazioni telefoniche da parte dei giornalisti.

READ  Un incredibile festival italiano vicino al Surrey con il parco pizza takeover "migliore di sempre".

La stessa Von der Leyen ha sottolineato durante l'incontro di mercoledì con Renew che “non ci sarà alcuna cooperazione strutturale con il gruppo ECR”, hanno confermato fonti presenti all'incontro.

La squadra di Meloni ha rifiutato di commentare quando richiesto da Uractive.

Nei suoi incontri con S&D e Renewal martedì e mercoledì, il presidente uscente della Commissione ha presentato il suo piano, ha ascoltato le loro richieste e ha cercato un accordo per assicurarsi il sostegno per il voto del 18 luglio.

Il sostegno per entrambi i gruppi è subordinato all’assenza di alleanza con partiti di estrema destra e di estrema destra.

Penso che questo sia molto chiaro anche dalla serie di visite che van der Leyen ha fatto questa settimana ai quattro gruppi politici. […] Van der Leyen vedrà l'ECR la prossima settimana, ha detto mercoledì il copresidente del gruppo Verdi/ALE Bas Eickhout, penso che lo dirà l'ordinanza.

Von Yen sta invece cercando il sostegno del Partito dei Verdi dell’UE, che ora conta 53 seggi. Melon ha recentemente evitato i partiti dei Verdi e ha collaborato con l'ECR, sostituendo Antonio Tajani (PPE), un partner della coalizione di centrodestra dell'ECR e di Fratelli d'Italia della Meloni.

Meloni, che non ha chiarito se sosterrà van der Leyen per un secondo mandato nel voto parlamentare Ue, ha tuttavia ribadito in più occasioni che all'Italia va riconosciuto un ruolo che “ci appartiene senza mendicare”.

Van der Leyen dovrebbe incontrare l'ECR il 16 luglio, giorno del primo voto parlamentare, ma si tratterà di un incontro informativo sui programmi della prossima legislatura, senza alcuna intenzione di raggiungere accordi.

READ  Il Giappone e l’Italia riaffermano il forte sostegno all’Ucraina

(Alessia Peretti | Euractiv.it)

Scopri di più con Euractiv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *