Il leader italiano di estrema destra Meloni guida un’ondata di popolarità nei sondaggi d’opinione

Con un messaggio che mescola cristianesimo, maternità e patriottismo, Georgia Meloni sta godendo di un’ondata di popolarità che il prossimo mese potrebbe fare di lei la prima donna premier d’Italia e il primo leader di estrema destra dalla seconda guerra mondiale.

Sebbene il partito Fratelli d’Italia abbia radici neofasciste, Meloni ha cercato di dissipare le preoccupazioni sulla sua eredità, dicendo che gli elettori sono stanchi di tali dibattiti.

Tuttavia, ci sono segnali inquietanti che una simile eredità non è così facilmente smaltibile: il simbolo del suo partito include l’immagine di una fiamma tricolore, presa in prestito da un partito neofascista formatosi poco dopo la fine della guerra.

Se i Fratelli d’Italia vinceranno le urne il 25 settembre e il 45enne Meloni diventa primo ministro, arriveranno quasi 100 anni dopo che Benito Mussolini, il dittatore fascista italiano, salì al potere nell’ottobre 1922.

Nel 2019 Meloni ha presentato con orgoglio Caio Giulio Cesare Mussolini, nipote del dittatore, come uno dei suoi candidati al Parlamento europeo, nonostante alla fine lo abbia perso.

Per la maggior parte degli elettori italiani, le domande su antifascismo e neofascismo non sono “un fattore importante per chi votare”, ha affermato Lorenzo Brigliasco, presidente della società di sondaggi YouTrend. Non lo vedono come parte del presente. Lo vedono come parte del passato”.

Tuttavia, Meloni rimane sensibile al controllo internazionale sulla sua potenziale carica di premier e preferisce il termine conservatore piuttosto che l’estrema destra per descrivere il suo partito.

Di recente ho registrato videomessaggi in inglese, francese e spagnolo in cui si affermava che la destra italiana aveva “passato il fascismo alla storia ormai da decenni, condannando inequivocabilmente la soppressione della democrazia e le vergognose leggi antiebraiche”.

READ  Adam Newman, co-fondatore di WeWork, è vicino a un accordo Softbank da 500 milioni di dollari

Questo era un riferimento alle leggi del 1938 che vietavano alla piccola comunità ebraica italiana di impegnarsi in affari, istruzione e altri aspetti della vita quotidiana. Le leggi spianarono la strada alla deportazione di molti ebrei italiani nei campi di sterminio nazisti durante l’occupazione tedesca di Roma negli ultimi anni della seconda guerra mondiale.

Tuttavia, David Art, professore di scienze politiche alla Tufts University che studia l’estrema destra in Europa, ha affermato che mantenendo la fiamma tricolore nel logo del suo partito, “gioca simbolicamente su quell’eredità”. Ma poi vuole dire: ‘Non siamo razzisti.

A differenza della Germania, che ha lavorato per venire a patti con la sua devastante eredità nazista, il periodo fascista non è stato oggetto di scrutinio nelle scuole e nelle università italiane, afferma Gaston Malagotti. Ora 96enne, ha combattuto da adolescente contro le forze di Mussolini. Nei decenni trascorsi a visitare le aule per parlare della resistenza italiana contro il fascismo, ha trovato molti studenti “ignoranti” di questa storia.

Solo cinque anni fa, i Fratelli d’Italia – il cui nome è stato ispirato dalle parole di apertura dell’inno nazionale – erano visti come una forza marginale, conquistando il 4,4% dei voti. Ora, secondo i sondaggi, potrebbe arrivare primo a settembre e ottenere fino al 24% di consensi, davanti al Partito Democratico di centrosinistra dell’ex presidente del Consiglio Enrico Letta.

Sotto il sistema elettorale complesso e in parte proporzionale dell’Italia, le alleanze elettorali sono ciò che guida i leader dei partiti alla premiership, non solo i voti. I politici di destra hanno svolto un lavoro molto migliore quest’anno rispetto ai Democratici nello stabilire ampi partenariati elettorali.

FILE – Il leader del partito leghista Matteo Salvini, il leader del partito Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e il leader del partito di Forza Italia Silvio Berlusconi al termine del loro incontro a Roma il 20 ottobre 2021 (Foto di Claudio Peri/ANSA/AFP)

Meloni è alleata della Lega di destra guidata da Matteo Salvini, che, come lei, è favorevole alla repressione dell’immigrazione clandestina. L’altro suo alleato elettorale è il partito di centrodestra Forza Italia guidato dall’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

L’anno scorso, il suo partito è stato l’unico a rifiutarsi di aderire all’Alleanza nazionale italiana per l’unità epidemiologica guidata dal primo ministro Mario Draghi, ex capo della Banca centrale europea. Il governo di Draghi è crollato il mese scorso, bruscamente abbandonato da Salvini, Berlusconi e il leader a cinque stelle Giuseppe Conte, tutti preoccupati per le fortune vacillanti dei loro partiti nei sondaggi d’opinione e nelle elezioni locali.

Nei sondaggi d’opinione, “Melone è accreditato di un approccio coerente e coerente alla politica. Non è scesa a compromessi”, ha detto Brigliasco, aggiungendo che è vista anche come “una leader con le idee chiare – non tutti sono d’accordo con quelle idee, ovviamente. “

Si è scusata per il “tono” ma non per il contenuto del discorso violento che ha pronunciato a giugno in Spagna per raccogliere sostegno al partito di estrema destra Vox.

“Diranno che siamo pericolosi, estremisti, razzisti, fascisti, negazionisti e anti-gay”, ha scalato Meloni in un apparente riferimento ai negazionisti dell’Olocausto. Ha concluso cantando: “Sì alle famiglie normali! No ai litigi LGBT! Sì all’identità di genere! No all’ideologia di genere!”

Meloni ha criticato i “burocrati di Bruxelles” e il “fondamentalismo climatico”. Meloni, che ha una figlia piccola, ha affermato che la frase “più censurata” è “donna e maternità”.

L’aborto non è emerso come una questione elettorale in Italia, dove è legale. Ma Meloni ha criticato il calo delle nascite in Italia, che sarebbe più basso senza che le donne immigrate abbiano figli.

A una manifestazione di sostenitori di destra a Roma nel 2019, Meloni ha raccolto applausi quando ha esclamato a ritmi sporadici: “Sono Giorgia! Sono una donna. Sono una madre. Sono italiana e cristiana. E non puoi prenderlo da me!”

In pochi giorni, la sua pubblicità è diventata foraggio per i testi delle canzoni rap. Mentre alcuni lo vedevano come una parodia, Meloni lo adorava e alcuni bar cantavano in un programma radiofonico di stato.

Secondo il suo libro di memorie del 2021 I Am Giorgia, gran parte della sua identità è stata forgiata crescendo nel quartiere operaio della Garbatella a Roma. All’età di quindici anni entra a far parte del ramo giovanile del movimento sociale italiano, il partito neofascista che porta il simbolo della fiamma, e affigge manifesti politici nella capitale.

Quando aveva 31 anni, Berlusconi la nominò ministro della gioventù nel suo terzo e ultimo governo. Ma ha rapidamente fatto a modo suo, co-fondando Brothers of Italy nel 2012.

Sia Salvini che Meloni affermano di proteggere quella che chiamano l’identità cristiana dell’Europa. Salvini bacia il trampolino e spesso indossa una grande croce sul petto scoperto, mentre la piccola croce di Meloni a volte appare dalle sue camicette larghe.

Il suo partito ha sostenuto fermamente le mosse di Draghi di inviare armi in Ucraina, anche se Salvini e Berlusconi, espliciti ammiratori del presidente russo Vladimir Putin, hanno fornito solo un tiepido sostegno. Meloni sostiene anche la Nato istituita dagli Stati Uniti, un altro Stato membro del G7. Ma spesso vede le regole dell’UE come una violazione della sovranità italiana.

Arte ha affermato che se il prossimo governo italiano sarà dominato da forze di estrema destra guidate da Meloni, c’è preoccupazione per il sostegno che l’Italia fornirà ai governi di destra in Ungheria e Polonia per le loro “agende profondamente conservatrici” tra i timori di un ” sviamento democratico” nell’UE.

Dal canto suo, la Meloni dice che “si opporrà con forza a qualsiasi deviazione antidemocratica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.