Il killer norvegese Anders Breivik inizia la sua udienza sulla libertà vigilata con un saluto nazista

n

L’assassino di massa norvegese Anders Breivik ha fatto un saluto nazista mentre è entrato in tribunale chiedendo il suo rilascio in cambio di una grazia condizionale.

L’estremista di estrema destra ha scontato almeno 10 anni di una condanna a 20 anni È stato premiato per i suoi due attacchi terroristici nel 2011, che hanno provocato la morte di 77 persone.

Ciò significa che può beneficiare della libertà condizionale, a condizione che possa dimostrare di non rappresentare più un pericolo per la comunità.

Breivik, 42 ​​anni, ha fatto un gesto da suprematista bianco con le dita prima di alzare il braccio destro in un saluto nazista mentre entrava in tribunale.

Portava anche cartelli contenenti messaggi dei suprematisti bianchi come “Stop al genocidio del nostro popolo bianco” e “Guerra civile nazista”.

NTB/AFP tramite Getty Images

Successivamente gli è stato ordinato di smettere di esporre striscioni. “Non voglio vedere niente del genere quando l’accusa parla”, ha detto il giudice Dag Purvik.

Breivik Bar Oberg, un importante neonazista svedese, è stato invitato a testimoniare all’udienza.

Oberg, del movimento di resistenza neonazista del nord, è stato condannato l’anno scorso per crimini d’odio, dopo essere stato registrato in un film che cantava lo slogan nazista “Sieg Heil!” A un festival politico nel 2017.

L’udienza, che si terrà in una palestra nella prigione di Skene a sud-ovest di Oslo sotto gli auspici del tribunale distrettuale di Telemark, dovrebbe durare tre giorni.

Nel 2012 Breivik è stato condannato a un massimo di 21 anni di carcere con una disposizione – usata raramente nel sistema giudiziario norvegese – che poteva essere trattenuto a tempo indeterminato se rappresentava ancora un pericolo per la società.

“Secondo la legge norvegese, ora ha il diritto di comparire davanti a un giudice”, ha affermato Osten Storvik, avvocato di Breivik. Conferma questo diritto. E le sue motivazioni per farlo sono difficili per me avere un’opinione”.

Breivik ha un’ottima forma per cercare di promuovere i suoi obiettivi estremisti.

Durante il processo nel 2012, è entrato in aula ogni giorno salutando a pugno chiuso, dicendo ai genitori in lutto che avrebbe voluto aver ucciso di più.

Tentò di formare un partito fascista in carcere e comunicò per posta con estremisti di destra in Europa e negli Stati Uniti.

I funzionari della prigione hanno confiscato molte di queste lettere per paura che Breivik potesse ispirare altri a commettere attacchi violenti.

Nel 2016, ha intentato una causa contro il governo, affermando che il suo isolamento dagli altri prigionieri, le sue frequenti perquisizioni e il fatto che è stato spesso ammanettato durante la prima parte della sua reclusione hanno violato i suoi diritti umani.

fare un saluto nazista nei confronti dei giornalisti durante il caso, che inizialmente ha vinto, ma è stato ribaltato dalle corti superiori nel 2017.

READ  Negli ultimi due anni Israele ha bombardato dozzine di navi che trasportavano petrolio o armi iraniane Israele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.