Il governo italiano vince il voto di fiducia alla Camera sulla Finanziaria 2023 di Reuters


©Reuters. FILE FOTO: La gente passa davanti a Palazzo Montestorio, la Camera dei Deputati, in vista delle elezioni anticipate del 25 settembre a Roma, Italia, il 22 settembre 2022. REUTERS/Guglielmo Mangiapane/File foto

ROMA (Reuters) – Venerdì il governo italiano ha ottenuto comodamente il voto di fiducia alla Camera dei Rappresentanti, che aveva convocato per accelerare l’approvazione del suo bilancio espansivo per il 2023 prima della scadenza di fine anno.

Il primo bilancio del primo ministro Georgia Meloni ha aumentato il deficit del prossimo anno al 4,5% del PIL dal 3,4% previsto a settembre e ha stanziato oltre 21 miliardi di euro (22,3 miliardi di dollari) in agevolazioni fiscali e bonus per aiutare le imprese e le famiglie a superare la crisi energetica. .

Tra le tante altre misure, il disegno di legge abbassa anche l’età pensionabile, prevede incentivi finanziari per incoraggiare il lavoro a contratto aperto e prevede 12 agevolazioni fiscali che consentono a privati ​​e aziende di recuperare i mancati pagamenti attraverso la riduzione delle sanzioni.

Il governo vinse con 221 voti contro 152.

Salvo sorprese, il Senato dovrà finalmente approvare il disegno di legge in seconda lettura la prossima settimana.

Se le discussioni continuano e il bilancio non viene approvato entro il 31 dicembre, le restrizioni alla spesa mensile del governo entreranno in vigore, limitando le misure discrezionali. Il ministro per gli Affari parlamentari Luca Siriani ha escluso il mancato rispetto del termine.

“Sarà dannoso per il governo e l’immagine internazionale del Paese”, ha detto ai giornalisti.

I governi italiani usano spesso i voti di fiducia per ritagliarsi polemiche sugli emendamenti e andare avanti con la legislazione. In caso di perdita della fiducia il governo deve dimettersi, ma la Meloni, con un’ampia maggioranza parlamentare, non ha rischiato.

READ  Spagna e Italia imbattute nelle semifinali di Euro 2020

I partiti di opposizione hanno accusato la coalizione di destra al governo di non aver concesso al parlamento abbastanza tempo per rivedere il bilancio. Il governo ha detto di non avere alternative perché ha preso il potere solo a fine ottobre, riducendo drasticamente il periodo normalmente impiegato per redigere e discutere il pacchetto.

“Quello che è successo in parlamento è la prova che il blocco di destra non era pronto (a governare)”, ha detto Enrico Letta, leader del Partito Democratico di centrosinistra.

($ 1 = 0,9433 euro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.