Il fumettista del Guardian Steve Bell è stato licenziato dopo aver accusato Netanyahu di…

16 ottobre 2023, 08:43 | Aggiornato: 16 ottobre 2023, 09:23

Bill è stato criticato per la sua caricatura di Netanyahu.

Immagine: Alamy


Steve Bell, fumettista del Guardian, ha detto di essere stato licenziato dopo aver disegnato una vignetta di Benjamin Netanyahu accusato di essere antisemita.

Bell, che ha suscitato polemiche in molti dei suoi lavori precedenti, ha raffigurato il primo ministro israeliano al lavoro sul suo corpo, che ha un ritaglio nel contorno della Striscia di Gaza.

La didascalia diceva: “Residenti di Gaza, uscite adesso” – un’indicazione che Israele sta chiedendo ai residenti di fuggire a sud prima della prevista invasione di terra.

I critici hanno detto che le sue immagini erano simili a Shylock, il prestatore ebreo ostile nel Mercante di Venezia di Shakespeare che insiste sulla “libbra di carne” che gli è dovuta.

Per saperne di più: Inseguire i sostenitori della Palestina con “striscioni di alianti pro-Hamas”, mentre Suella Braverman promette repressione

Bell, che ha lavorato al Guardian per quattro decenni, ha detto che il giornale ora si rifiuta di pubblicare il suo lavoro.

Ha difeso la vignetta di Netanyahu, dicendo che era “impossibile portare la questione al Guardian ora senza accusarlo falsamente di usare ‘tropi antisemiti'” e ha affermato che si trattava di un riferimento a una vignetta degli anni ’60 sull’ex presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson.

Il disegno di Netanyahu di Bell è stato criticato

Il disegno di Netanyahu di Bell è stato criticato.

Fotografia: The Guardian/Steve Bell


Bill è stato criticato per la sua vignetta di Priti Patel

Bill è stato criticato per la sua vignetta di Priti Patel.

Immagine: Alamy


“La vignetta riguarda specificamente il catastrofico fallimento politico di Benjamin Netanyahu che ha portato direttamente alle recenti orribili atrocità intorno a Gaza, e la sua proposta di risposta che ha annunciato, usando le sue vere parole rivolgendosi ai cittadini di Gaza”, ha detto Bell al Jewish Chronicle.

“Il Guardian ha tutto il diritto di non pubblicare le mie vignette se lo desidera, ma non dovrebbe farlo utilizzando ragioni inventate e completamente false.

“Tutto ciò che fa è impedire la discussione di un argomento orribile ma importante.”

Resterà al giornale fino ad aprile 2024.

Il Guardian ha dichiarato: “È stata presa la decisione di non rinnovare il contratto di Steve Bell. Le vignette di Steve Bell sono state una parte importante del Guardian negli ultimi 40 anni: lo ringraziamo e gli auguriamo tutto il meglio”.

Le precedenti vignette di Bell hanno suscitato polemiche. Nel 2020, ha disegnato Priti Patel come un grottesco toro grasso – insieme a Boris Johnson – suscitando indignazione poiché alcuni dicevano che fosse un riferimento alla sua eredità indù.

Per saperne di più: Gaza “prosciugata di vita”: le Nazioni Unite avvertono della carenza di cibo e acqua mentre Israele promette che si avvicina l’ora “fatidica” per Hamas

Questa vignetta ha portato a critiche nei confronti di Bell

Questa vignetta ha portato a critiche nei confronti di Bell.

Immagine: The Bell/The Guardian


Il quotidiano Guardian ha rifiutato di rimuovere l’immagine e l’immagine è rimasta sul suo sito web, dove il giornale ha affermato che la vignetta era un riferimento a Patel e Johnson accusati di bullismo nei confronti di un dipendente governativo.

Bill è stato anche criticato per un disegno che mostrava Sir Keir Starmer mentre teneva la testa di Jeremy Corbyn su un piatto.

I suoi critici dicevano che questo era un riferimento all’offerta della testa di Giovanni Battista alla figlia del re Erode, il re ebreo della Bibbia.

READ  The Chinese CDC study found that the Coronavirus infection in Wuhan may be 10 times higher than reported

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *