Il dollaro è sulla buona strada per il suo anno migliore dal 2015

di John McCrank

NEW YORK – L’indice del dollaro è sceso venerdì durante una vacanza tranquilla, ma il 2021 doveva concludersi con guadagni di quasi il 7% poiché gli investitori scommettono che la Federal Reserve aumenterà i tassi di interesse prima della maggior parte delle altre principali economie a causa dell’aumento dell’inflazione guidata dal coronavirus. 19 Iniziative motivazionali.

L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde contro sei principali concorrenti, è sceso dello 0,289% a 95,729.

(Grafico: valute globali rispetto al dollaro nel 2021 http://tmsnrt.rs/2egbfVh))

Impostato per il suo anno migliore dal 2015, il dollaro è stato sostenuto da un’economia statunitense in miglioramento e da un’inflazione persistente che ha portato a una svolta da falco da parte della Federal Reserve, che ora dovrebbe iniziare ad aumentare i tassi di interesse già a marzo. [FEDWATCH]

Il dollaro canadese è stato il miglior performer tra le principali valute nei confronti del dollaro nel 2021, che è stato quasi piatto per l’anno, sostenuto dalle aspettative che la Bank of Canada inizierà a inasprire la sua politica monetaria il prima possibile a gennaio.

La peggiore performance nei confronti del dollaro tra le principali valute è stata lo yen giapponese, che quest’anno è sceso di circa il 10%.

L’euro, che costituisce il peso maggiore nell’indice del dollaro, è sceso di poco più del 7% nel 2021, con la Banca centrale europea che si attiene a “impostazioni di politica monetaria altamente pessimistiche mentre la Fed sta accelerando il suo declino e sembra essere in rialzo”, analisti di Scotiabank ha detto in Nota ai clienti.

“Vediamo una continua debolezza della valuta comune il prossimo anno al livello di 1,10 e probabilmente oltre, poiché i venti contrari rimangono in vigore, poiché c’è solo una possibilità (altamente improbabile) che la BCE possa fornire un supporto”, hanno affermato.

READ  Le osservazioni del politico italiano sul "bersaglio" dello Xinjiang mentre più persone vedono attraverso la calunnia guidata dagli Stati Uniti: FM cinese

L’euro è sceso di circa il 6% nel corso dell’anno contro la sterlina, poiché le preoccupazioni in Gran Bretagna per l’impatto economico della pandemia hanno rafforzato la valuta britannica, con gli analisti che si aspettano ulteriori aumenti dei tassi di interesse dalla Banca d’Inghilterra nel 2022.

Mentre la sterlina è stata al suo livello più alto rispetto all’euro da febbraio 2020, è scesa di poco più dell’1% rispetto al dollaro per l’anno.

La lira turca, che è crollata di circa il 44% rispetto al dollaro nel suo peggior anno in due decenni, è stata finora la più grande crisi di quest’anno, sebbene non sia considerata una valuta importante, poiché è stata colpita dall’elevata inflazione e dal governo turco non convenzionale politica monetaria.

Venerdì l’euro è salito dello 0,33% a $ 1,1362.

La sterlina britannica è salita dello 0,21% a 1,3527 dollari.

Lo yen è scivolato dello 0,03% a 115,075 per dollaro.

La lira turca sale dello 0,98% a 13,1835 per dollaro.

Nelle criptovalute, Bitcoin è in rialzo dell’1,66% a $ 47931,97 e chiuderà l’anno con un guadagno di circa il 65%, ma ben al di sopra del suo picco di novembre di $ 69.000.

(Modifica di Jason Neely)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.