Il documentario “Hargrove” è un ritratto agrodolce della fine della vita di un trombettista rivoluzionario

Recensione: Un documentario su Roy Hargrove, proiettato al Tribeca Film Festival, celebra il defunto trombettista ma lascia dei buchi nella sua storia importante.

Quando il tastierista/compositore vincitore del Grammy Award Robert Glaspear ha visto per la prima volta Roy Hargrove esibirsi, aveva un’idea coerente di come fossero i musicisti jazz e di come suonassero. Quando l’allievo del liceo Glasper ha visto Hargrove con la sua band, il trombettista indossava stivali e tute Timberland. Era stupito ed emozionato!

“Lo chiamo sempre Allen Iverson dal jazz”, ha detto Glaspear. Questo è Hargrove. Un trombettista solitario che suonava con il proprio senso dello stile. Questo è magnificamente catturato in un documentario sulla sua vita, “Hargrove”, che ha debuttato al Tribeca Film Festival 2022 questo mese.

Con il paesaggio angelico dell’Italia sullo sfondo, il film, diretto da Eileen Henry, inizia con Hargrove alla fine di un tour europeo. Puoi vedere che è svuotato e stanco prima di aprire bocca per confermarlo. A loro insaputa, Hargrove morì pochi mesi dopo le riprese all’età di 49 anni.

La cosa interessante del trasferimento delle riprese di Hargrove dall’Italia, ad esempio, piuttosto che negli Stati Uniti, è che non si trattava necessariamente di una coincidenza o di una corretta procedura di programmazione. Come il rapper e collaboratore Yassin Bey – precedentemente noto come Mos Def – menzionato nel film, l’apprezzamento della musica di Black all’estero è molto più forte.

(LR) Dee Dee Bridgewater, Roy Hargrove, Esperanza Spalding e Troy Roberts si esibiscono sul palco il 30 aprile 2014 al concerto internazionale della Giornata mondiale del jazz 2014 a Osaka, in Giappone. (Foto di Keith Tsuji/Getty Images per Thelonious Monk Institute of Jazz)

“L’America è un posto molto vario, ma succede qualcosa che non rende l’arte una priorità, e non so perché”, ha detto Bay. “Hanno un pubblico molto più ricettivo in Europa. Penso che in America abbia più a che fare con quanto hai successo o quanto sei popolare, o quanta attrazione hai in un dato momento”.

READ  Il Volo rende omaggio al compositore italiano Ennio Morricone nello speciale PBS

Durante tutto il film, agli spettatori viene insegnata l’importanza di Hargrove per la musica nera ieri e oggi. Oltre al suo stile di gioco distintivo, le sue scelte di guardaroba, ispirate dal jazzista Idris Mohamed, hanno contribuito a portare musicisti neri e giovani consumatori nel jazz che altrimenti non l’avrebbero accolto così tanto.

Tuttavia, l’esperienza di guardare “Hargrove” non è facile.

Guardare “Hargrove” – ​​un punto fermo così vibrante della musica nera all’inizio del ventunesimo secolo – lottare per camminare per lunghe distanze, suonare un po’ deboli e a volte senza fiato, è una sfida. Questo fastidio è esacerbato solo dal filmato di un giovane Hargrove e dalla testimonianza dei suoi coetanei durante tutto il film.

Molti degli ex compagni di band di Hargrove parlano apertamente della sua educazione e della sua arte. Il sassofonista Ralph Moore ha menzionato come il produttore di Dallas Hargrove sia stato in grado di prendere la tradizione di grandi del jazz come Miles Davis e implementarla attraverso la lente delle sue influenze contemporanee negli anni ’80 e ’90. “A volte era un rimbalzo e un lancio in avanti allo stesso tempo”, ha detto Moore.

Il batterista Willie Jones III esprime questo sentimento con ancora più forza. “Non aveva paura di suonare jazz o quello che chiamano jazz”, ha detto Jones. “Ma ha suonato come qualcuno che viene da oggi, qualcuno produttivo della generazione hip-hop, la generazione R&B degli anni ’90”.

2013 Red Bull Music Academy - La notte della rotonda improvvisata di Deo Robin

Roy Hargrove si esibisce dal vivo a “A Night Of Improvised Round Robin Duets” il 1 maggio 2013 durante la Red Bull Academy of Music 2013 al Brooklyn Masonic Temple di Brooklyn, New York City. (Foto di Matthew Eisman/Getty Images)

Oltre al lavoro solista progressista di Hargrove, le sue collaborazioni con membri della comunità hip-hop come D’Angelo, The Roots, Bey, Talib Kweli e l’ex compagno di liceo Erykah Badu lo hanno aiutato a portarlo a un altro livello. La sua maestria nel suonare il voodoo D’Angelo, ad esempio, gli ha dato uno sfogo come arrangiatore e scrittore che ha dimostrato di fare la differenza per tali registrazioni.

READ  Il nuovo romanzo di Jhumpa Lahiri "Whereabouts" per sfuggire alla pandemia

C’è la big band di Roy. C’è il trio di Roy. C’è il Funk Roy. C’è la fusione anticonformista Roy. “C’è l’hip-hop Roy”, ha detto Koestloff, che ha suonato in diverse sessioni tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 con Hargrove. Alcuni dei suoi contemporanei erano Like Wynton Marsalis, il talentuoso bassista jazz mescolato con il rapper.

Marsalis, che ha ammesso la sua avversione per l’hip-hop e il rap nel film, ha rivelato che lui e Hargrove hanno avuto conversazioni approfondite sulle scelte che Hargrove stava facendo. Marsalis ha detto che Hargrove gli ha detto: “Mi piace suonare con i neri. Le persone non vengono a quel tipo di musica. Non riesco a isolarmi in quel modo”.

In “Hargrove”, insieme ai ricordi del genio di un uomo, c’è una sotto-storia polarizzante e imbarazzante: l’influenza del suo regista, Larry “Bagman” Clotheer. Tutti chiedevano di parlare di Clothier, lui aveva poco, se non nulla, positivo da dire. Tutti gli ex amici di Hargrove – Jones, Moore, Mark Curry, Gerald Cannon e Frank Lacey – hanno tutti accennato al fatto che Clothier gli avesse sparato o si fosse dimesso a causa sua. “Nessuno ha lasciato la band di Roy a causa di Roy”, ha detto Cannon.

Con Hargrove che muore durante le riprese, Henry ha chiesto a Lacey perché sentiva che Hargrove non era ricco quando è morto. Lacey non ha pronunciato le sue parole quando si è trattato di incolpare i vestiti. “Mancanza di creatività nella gestione. In realtà, signora, può mettere tutto questo nel suo film. disse Lacey con rabbia. Non fare altro che raccogliere il cotone. Perché tutti noi artisti lavoriamo fino alla morte? “

READ  Made in Italy Perfettamente realizzato da Farren Timoteo

Il film presenta una conversazione scomoda tra Clothier e Hargrove. A Henry e alla sua troupe non è stato permesso di filmare nessuno degli spettacoli europei di Hargrove durante il tour, scatenando un acceso scambio di imprecazioni e insulti tra i due uomini.

È interessante notare, tuttavia, che l’unica persona che ha cose carine da dire su Clothes è lo stesso Hargrove. Era chiamato una figura paterna e una persona onesta, e aveva piena fiducia nei vestiti. “Può essere un pozzo, ma è una mamma etero”, ha detto Hargrove di Clothier.

Il fatto che tutta la musica di Hargrove sia stata soggetta al controllo postumo di Clother e alla sua riluttanza a prestare nessuna delle composizioni originali di Hargrove per il film è evidente.

Quando tutto è stato detto e fatto, ciò che ‘Hargrove’ fa bene è dare al creatore il suo fiore. Ma non si poteva fare a meno di andarsene con un sentimento incompleto.

È la musica di Hargrove che ha avuto un tale impatto e il fatto che non sia stata ascoltata nel film, ad eccezione delle cover e delle clip in tempo reale da fonti secondarie, lascerà gli spettatori vuoti.

TheGrio è gratuito sulla tua TV su Apple TV, Amazon Fire, Roku e Android TV. anche, Si prega di scaricare le app mobili di Grio oggi!

la posta Il documentario “Hargrove” è un ritratto agrodolce della fine della vita di un trombettista rivoluzionario apparve per la prima volta Il Grio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.