Il DNA di 13 Neanderthal rivela un’istantanea “guadagnata” dell’antica società | antropologo

La prima istantanea di una comunità di Neanderthal è stata realizzata da scienziati che hanno esaminato il DNA antico da frammenti di ossa e denti scoperti nelle grotte della Siberia meridionale.

I ricercatori hanno analizzato il DNA di 13 uomini, donne e bambini di Neanderthal e hanno trovato una rete interconnessa di relazioni, tra cui un padre e una figlia adolescente, un altro uomo imparentato con il padre e due parenti di secondo grado, forse una zia e suo nipote.

tutti di Neanderthal I ricercatori ritengono che si siano incrociati pesantemente, a causa delle piccole dimensioni della popolazione di Neanderthal, con comunità sparse su vaste distanze e che contano solo 10-30 individui.

Laurits Skov, primo autore dello studio al Max Planck Institute for Evolution antropologo A Lipsia, ha affermato che il fatto che i Neanderthal fossero vivi allo stesso tempo era “estremamente eccitante” e implicava che appartenessero a un’unica comunità sociale.

Resti di Neanderthal sono stati trovati in molte grotte dell’Eurasia occidentale, un’area che gli umani dalle sopracciglia pesanti occuparono circa 430.000 anni fa fino a quando non si estinsero 40.000 anni fa. In precedenza era impossibile dire se i Neanderthal trovati in determinati siti appartenessero o meno a società.

“I Neanderthal in generale, e quelli con DNA conservato in particolare, sono estremamente rari”, ha affermato Benjamin Peter, autore senior dello studio a Lipsia. “Tendiamo a ricevere single da località spesso distanti tra loro migliaia di chilometri e decine di migliaia di anni”.

Nell’ultimo lavoro, ricercatori tra cui Svante Papu, che ha vinto quest’anno Premio Nobel per la Medicina Per studi rivoluzionari sui genomi antichi, ha esaminato il DNA dei resti di Neanderthal trovati nella vicina grotta Chagirskaya e nella grotta di Okladnikov sui monti Altai nella Siberia meridionale.

READ  Hungary gives its first vaccine a day before the European Union launch

I Neanderthal si accovacciarono nelle caverne circa 54.000 anni fa, cercando rifugio per nutrirsi di caribù, cavalli e bisonti che cacciavano mentre gli animali migravano lungo le valli fluviali sovrastate dalle grotte. Oltre alle ossa di Neanderthal e animali, sono state trovate anche decine di migliaia di strumenti in pietra.

scrivere nella rivista di naturaIn questo articolo, gli scienziati descrivono come il DNA antico si riferisca ai Neanderthal che vissero nello stesso periodo, con alcuni membri della stessa famiglia.

Ulteriori analisi hanno rivelato una maggiore diversità genetica nei mitocondri di Neanderthal – le piccole strutture simili a batterie all’interno delle cellule che vengono trasmesse solo attraverso la linea materna – rispetto ai loro cromosomi Y, che vengono trasmessi da padre in figlio. I ricercatori affermano che la spiegazione più probabile è che le femmine di Neanderthal abbiano viaggiato dalle loro comunità locali per vivere con partner maschi. Ma se la forza sia coinvolta non è una domanda a cui il DNA può rispondere. “Personalmente, non credo che ci siano prove particolarmente valide che i Neanderthal fossero molto diversi dai primi umani moderni che vivevano allo stesso tempo”, ha detto Peter.

“Abbiamo scoperto che la comunità che stavamo studiando era probabilmente molto piccola, forse da 10 a 20 individui, e che i più ampi gruppi di Neanderthal nei Monti Altai erano molto pochi”, ha detto Peter. “Tuttavia, sono stati in grado di perseverare in un ambiente difficile per centinaia di migliaia di anni, cosa che credo meriti grande rispetto”.

La dottoressa Lara Cassidy, professoressa associata di genetica al Trinity College di Dublino, ha descritto lo studio come una “pietra miliare” come “la prima istantanea genomica di una comunità di Neanderthal”.

READ  Otto morti in due giorni dopo che la terza valanga mortale ha colpito l'Austria | Austria

“Capire come sono organizzate le loro comunità è importante per molte ragioni”, ha detto Cassidy. “Umanizza queste persone e dà un contesto ricco alle loro vite. Ma anche, se avessimo più studi come questo, potrebbe anche rivelare aspetti unici della nostra organizzazione sociale uomo sano di mente Ancestrale. Questo è fondamentale per capire perché siamo qui oggi e perché non c’erano i Neanderthal”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.