Il discorso di Joe Biden alla nazione in un momento di profonda incertezza ha tentato di influenzare l’influenza degli Stati Uniti in Ucraina e le guerre tra Israele e Hamas | Notizie dagli Stati Uniti

Non è stato un discorso dalla narrazione semplice. In un momento in cui l’Occidente si trova ad affrontare due enormi sfide geopolitiche, ha cercato di semplificare, combinando l’invasione russa dell’Ucraina con l’attacco di Hamas a Israele.

di Mark Stone è un corrispondente americano @Stone_Sky Notizie


Venerdì 20 ottobre 2023 alle 08:15, Regno Unito

Era solo la seconda volta che il presidente Biden utilizzava lo Studio Ovale per rivolgersi alla nazione, un ambiente per sottolineare un periodo di profonda incertezza.

Erano appena passate le 20:00 quando parlò in diretta televisiva in prima serata. Da dietro il Resolute Desk dove molti presidenti americani hanno cercato di spiegare le loro decisioni, cercare il sostegno popolare e rassicurare la nazione, Il presidente 80enne Parla per meno di 20 minuti.

È stato scritto con cura, con un pubblico molto vasto a cui rivolgersi, e utilizzava frasi familiari di Biden. Il mondo è a un “punto di svolta” e “Noi siamo gli Stati Uniti d’America… non c’è nulla oltre il nostro potere” – frasi che ha usato molte volte in passato.

L’ultima tra Israele e Gaza: gli Stati Uniti abbattono missili “probabilmente” diretti verso Israele

Non è stato un discorso dalla narrazione semplice. In un momento in cui l’Occidente si trova ad affrontare due enormi sfide geopolitiche, ha cercato di semplificare.

Ha tessuto insieme l’invasione russa di Ucraina Mentre continua l’attacco di Hamas Israele.

Il presidente ha detto: “Hamas e Putin rappresentano minacce diverse, ma hanno questo in comune…” “…Entrambi vogliono eliminare completamente una democrazia vicina, eliminarla completamente.”

I conflitti e le storie sono distinti. Ma la sfida, ha detto, non è questa.

READ  I ministri degli esteri musulmani appello ai talebani per i diritti delle donne | Afghanistan

Sua moglie, la First Lady, sedeva fuori dalla telecamera alla sua sinistra. Si dice che sia la sua più stretta consigliera, parte di una ristretta cerchia ristretta di consiglieri alla Casa Bianca su cui fa affidamento in momenti come questi.

Questo era un discorso “I miei compagni americani…”. Sono parole usate solo nei momenti più impegnativi; Di solito è riservato ai momenti in cui il cosiddetto leader del mondo libero ha bisogno di rivolgersi a persone al di fuori dell’America.

Per saperne di più:
Qual è la soluzione dei due Stati?

Chi sono le vittime britanniche nella guerra tra Israele e Hamas?



immagine:
Joe Biden ha incontrato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu

Gli americani sono preoccupati, anche se divisi, riguardo alle sfide israelo-palestinesi

Ma questa volta, il pubblico principale fuori dallo schermo automobilistico sembrava il popolo americano. Sa che il sostegno all’Ucraina sta diminuendo. Sa che, per alcuni, sembra una lotta lontana. Sa che la nuova sfida in Medio Oriente potrebbe aumentare le loro paure.

Se sono titubanti riguardo all’Ucraina, sono certamente preoccupati, anche divisi, per le sfide più sottili che Israele e i palestinesi devono affrontare.

Il sondaggio, diffuso stanotte da CBS News, è interessante. Ciò indica che il 70% degli elettori democratici ritiene che l’America dovrebbe inviare aiuti umanitari a Gaza. Tra i repubblicani la percentuale scende al 41%.

Alla domanda se gli Stati Uniti debbano fornire armi a Israele, il 47% dei democratici ha risposto di sì. Circa il 57% dei repubblicani ha detto sì.

Conclusione: la percentuale del sostegno militare a Israele è di circa 50/50, ma è a favore degli aiuti forniti ai palestinesi, che non sono ancora arrivati. Il sondaggio non riflette l’attuale politica del governo statunitense.

“L’America è un faro per il mondo”

Il discorso sembrava un tentativo di convincere gli scettici americani. Per coloro che credono che non abbia più influenza o autorità.

“L’America è un faro per il mondo”, ha detto, “Tuttavia, continua a…”.

Ha parlato solo poche ore dopo Rimpatriati da Israele.

Ha detto: “La cosa più commovente è che ho incontrato israeliani che hanno vissuto personalmente il terribile attacco lanciato da Hamas il 7 ottobre”.

Aveva una profonda simpatia per i giorni più bui di Israele, ma per quanto riguarda un Medio Oriente in tumulto, un conflitto che potrebbe intensificarsi e due popoli consumati dalla rabbia e dal dolore, non aveva molto da offrire.

Ci sono stati ripetuti consigli a Israele. “Avverto il governo di Israele di non lasciarsi accecare dalla rabbia”, ha detto.

C’è stata solidarietà con i civili di Gaza, sotto il bombardamento delle armi fornite loro.

“Non possiamo ignorare l’umanità dei palestinesi innocenti che vogliono solo vivere in pace e avere una possibilità”.

Questa è un’edizione limitata della storia, quindi sfortunatamente questo contenuto non è disponibile.

Sblocca la versione completa

Il presidente unisce il sostegno all’Ucraina alle sfide affrontate da israeliani e palestinesi

C’era imbarazzo nel suo messaggio. Ha unito il suo sostegno all’Ucraina occupata con le sfide più sfumate affrontate da israeliani e palestinesi.

Tuttavia, ha cercato di semplificare il tutto perché ha bisogno del sostegno pubblico e dei finanziamenti dei politici di Capitol Hill.

Sta cercando di modellare l’influenza e il controllo americano su due conflitti con enormi implicazioni globali, mantenendo allo stesso tempo il sostegno in patria e con le elezioni presidenziali non lontane. Sfide di classe.

READ  Altri corpi sono stati trovati nel luogo dell'esplosione di una miniera di carbone in Nuova Zelanda che ha ucciso lavoratori scozzesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *