Il Dipartimento della Salute del Wisconsin conferma il primo caso di virus West Nile

Il Dipartimento dei servizi sanitari del Wisconsin ha segnalato il primo caso umano di virus del Nilo occidentale quest’anno in un residente della contea di Sheboygan e casi di virus del Nilo occidentale sono stati segnalati anche in tre animali del Wisconsin, due cavalli e un uccello. Questi casi di animali sono stati trovati nelle contee di Trempealeau, Monroe e Milwaukee. Il Ministero della Salute ricorda alle persone di proteggersi dalle punture di zanzara. Nonostante le temperature più basse, l’attività delle zanzare e il rischio di infezione da virus West Nile persisteranno fino alle prime gelate (temperature inferiori a 28 gradi per almeno quattro ore consecutive). “Questo rapporto sul primo caso di virus del Nilo occidentale di una persona ricorda l’importanza continua di prendere precauzioni per prevenire le punture di zanzara e i virus che trasportano durante la transizione verso l’autunno”, ha affermato l’ufficiale sanitario statale Paula Tran. “Mentre il virus del Nilo occidentale e altri virus diffusi dalle zanzare rappresentano un rischio per tutti i residenti del Wisconsin, le persone con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi”. Il virus del Nilo occidentale si diffonde attraverso la puntura di una zanzara infetta. Il virus non si trasmette direttamente da persona a persona, da animale ad animale o da animale ad animale.

Il Dipartimento dei servizi sanitari del Wisconsin ha segnalato il primo caso umano di virus del Nilo occidentale quest’anno in un residente della contea di Sheboygan.

Sono stati segnalati casi di virus del Nilo occidentale anche in tre animali del Wisconsin, un cavallo e un uccello. Questi casi di animali sono stati trovati nelle contee di Trempealeau, Monroe e Milwaukee.

READ  Luci nel cielo? Il satellite SpaceX Starlink passa sopra l'area di Kansas City

Il Ministero della Salute ricorda alle persone di proteggersi dalle punture di zanzara. Nonostante le temperature più basse, l’attività delle zanzare e il rischio di infezione da virus West Nile persisteranno fino alle prime gelate (temperature inferiori a 28 gradi per almeno quattro ore consecutive).

“Questo rapporto sul primo caso di virus del Nilo occidentale di una persona ricorda l’importanza continua di prendere precauzioni per prevenire le punture di zanzara e i virus che trasportano durante la transizione verso l’autunno”, ha affermato l’ufficiale sanitario statale Paula Tran. “Mentre il virus del Nilo occidentale e altri virus diffusi dalle zanzare rappresentano un rischio per tutti i residenti del Wisconsin, le persone con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi”.

Il virus del Nilo occidentale si diffonde tramite la puntura di una zanzara infetta. Il virus non si trasmette direttamente da persona a persona, da animale ad animale o da animale ad animale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.