Il condor in cattività dopo la sua nascita da una vergine nonostante la presenza di maschi

Un nuovo studio ha rivelato che i condor della California in via di estinzione potrebbero avere “nascite vergini”.

I ricercatori della San Diego Zoo Wildlife Alliance hanno affermato che i test genetici hanno confermato che due pulcini maschi sono nati nel 2001 e nel 2009 da uova non fecondate attaccate alle loro madri. Non ha nulla a che fare con la menzione.

Lo studio è stato pubblicato giovedì sulla rivista Genetics. È il primo rapporto di riproduzione asessuata nei condor della California, sebbene la partenogenesi possa verificarsi in altre specie che vanno dagli squali alle api ai draghi di Komodo.

Ma negli uccelli, questo di solito accade solo quando le femmine non hanno accesso ai maschi. In questo caso, ogni madre condor era stata precedentemente allevata con maschi, e ha prodotto 34 pulcini, ognuno dei quali aveva un maschio fertile nel momento in cui hanno prodotto le uova per partenogenesi.

I ricercatori hanno affermato di ritenere che questo sia il primo caso di riproduzione asessuata in qualsiasi specie di uccelli in cui una femmina ha avuto accesso a un compagno.

“Questi risultati ora sollevano dubbi sul fatto che ciò possa accadere inosservato in altre specie”, ha affermato Oliver Rider, coautore dello studio e direttore della genetica di conservazione presso la San Diego Zoo Wildlife Alliance.

L’alleanza senza scopo di lucro gestisce lo zoo e il parco safari di San Diego ed è stata coinvolta in un programma di allevamento di condor della California che ha contribuito a riportare indietro gli avvoltoi giganti dall’imminente estinzione.

Con un’apertura alare di 10 piedi (3 metri), i condor della California sono i più grandi uccelli volanti del Nord America. Una volta ho girato per tutta la costa occidentale. Ma solo 22 persone sono sopravvissute negli anni ’80 quando il governo degli Stati Uniti le ha catturate e collocate negli zoo per la riproduzione in cattività. Circa 160 sono stati allevati allo zoo di San Diego e al Safari Park.

READ  L'Iran recluta milizie straniere estremiste per aiutare a eliminare i rivoltosi di Teheran

Ora ci sono più di 500 condor in California, inclusi più di 300 rilasciati in natura in California, Arizona, Utah e Messico.

La riproduzione asessuata è stata scoperta alcuni anni fa durante test approfonditi su materiale genetico raccolto nel corso di decenni da condor, sia vivi che morti, nei programmi di riproduzione e in natura.

Dei 467 condor maschi della California testati nell’analisi del pedigree, nessun maschio è qualificato per essere un potenziale padre” per gli uccelli, secondo lo studio.

I condor della California possono vivere fino a 60 anni, ma entrambi i maschi erano malati. Uno alla sua morte aveva meno di due anni e l’altro visse meno di otto anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.