Il club italiano di rugby sospende il giocatore per il regalo di Natale razzista

ROMA (Reuters) – La Benetton Treviso rugby club ha dichiarato giovedì di aver sospeso uno dei suoi giocatori dopo che un membro della squadra nera ha rivelato di aver ricevuto una banana come regalo di Natale da un collega, nell’ultimo atto di razzismo che ha colpito l’Italia. gli sport.

Cherif Traore, che rappresenta anche l’Italia a livello nazionale, mercoledì ha scritto su Instagram che alcuni giocatori hanno riso quando ha aperto lo spettacolo. In seguito ha detto di aver accettato le scuse per l’accaduto.

Il suo club ha rilasciato due dichiarazioni sul caso mercoledì, ma non ha indicato piani per indagare sull’incidente o intraprendere azioni contro il giocatore responsabile.

Con un cambio di tono, giovedì hanno rilasciato un terzo comunicato in cui si afferma che la Procura della Repubblica Sportiva esaminerà l’accaduto “al fine di tutelare i valori fondanti e la reputazione del gioco”.

E ha aggiunto: “Contemporaneamente la Benetton Rugby ha deciso di sospendere, in via cautelare, per la durata delle indagini della Procura, un suo giocatore”.

Non hanno menzionato il nome del giocatore.

Benetton-Treviso ha affermato che spetta agli inquirenti federali imporre eventuali sanzioni sportive o amministrative.

Traore è nato in Guinea ma vive in Italia dall’età di sette anni. Ha scritto su Instagram che di solito non reagisce alle “battute razziste” per non farsi nemici.

“Ho deciso di non rimanere in silenzio questa volta per garantire che tali eventi non si ripetano”, ha detto, aggiungendo che un simile comportamento “sarebbe condannato con forza fuori dall’Italia”.

Ci sono stati molti casi di atleti neri in Italia che hanno subito abusi razzisti.

READ  L'ex capitano marocchino Mehdi Benatia si ritira dal calcio

Nel calcio, i giocatori di colore vengono regolarmente derisi dai tifosi, mentre a ottobre, la giocatrice di pallavolo nera Paola Egono ha annunciato che si sarebbe presa una pausa dalla nazionale italiana dopo i commenti che mettevano in dubbio la sua nazionalità.

(Segnalazione di Crispian Palmer), Montaggio di Ed Osmond

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.