Il CEO di Striking Distance Studios pubblica, quindi elimina, un tweet che alcuni ritengono promuova la cultura della crisi

Il fondatore di Striking Distance Studios, Glen Schofield, ha cancellato un tweet che alcuni ritenevano promuovesse una cultura della “crisi” nello sviluppo del gioco.

In un tweet pubblicato oggi, Schofield, il cui team sta attualmente lavorando all’imminente film horror di fantascienza, Callisto Protocol, ha parlato di lavorare 12-15 ore al giorno, da sei a sette giorni alla settimana, e di lavorare a pranzo e cena, giustificando dicendo “Lo fai.” Perché la ami.”


8 nuovi dettagli sul Protocollo Callisto – PROTOCOLLO CALLISTO NEW GAMEPLAY GAMESCOM 2022.

“Sto parlando del gioco solo durante un evento”, ha detto Schofield in un tweet cancellato. “noi [are] Lavoriamo da sei a sette giorni alla settimana e nessuno ci obbliga.

“Sfiniti, stanchi, affamati, ma stiamo lavorando”, continua. “Bug, problemi tecnici, correzioni di prestazioni. Un ultimo passaggio attraverso l’audio. 12-15 ore al giorno. Questi sono giochi. Duro lavoro. Pranzo, lavoro a cena. Lo fai perché ami.”

Il giornalista Jason Shearer ha fatto uno screenshot del tweet prima che fosse cancellato, aggiungendo:

“Quello, dal capo dello studio, è definito dalla cultura della crisi. Ovviamente nessuno è ‘costretto’ a lavorare ad orari folli. Ma immagina bonus scontati e mancanza di opportunità di promozione se non lo fai?” Lo fai perché lo ami.” Passione armata, ecco perché le persone esauriscono i giocattoli.

READ  I giocatori di Super Smash Bros. si divertono. Ultimate su Twitter con l'esilarante creep di Sora

“È una strana coincidenza il modo in cui un ragazzo si vanta di come lavora la sua squadra 6-7 giorni alla settimana 12-15 ore al giorno perché adora anche il fatto che sia la persona che controlla tutti i suoi stipendi, titoli e stato attuale del lavoro”, ha aggiunto in un tweet successivo.

Nelle notizie correlate, David Cage ha risposto di recente per me Accuse di cultura malsana in studio e comportamento inappropriato in Quantic Dreamche in precedenza ha descritto come una “campagna diffamatoria”.

“Non credo che abbiamo una posizione aggressiva”, ha detto. “Quando vieni accusato di cose che vanno contro tutto ciò in cui credi, tutto ciò che hai fatto nella tua vita, fa male. È più che attaccare la cultura dello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.