Il capitano canadese di rugby femminile è felice di essere a casa quando il Canada ospita l’Italia

Contenuto dell’articolo

LONGFORD, BC – Il Test match di rugby femminile di domenica con la visita di Canada e Italia sarà un affare di famiglia per Sophie de Goide.

Contenuto dell’articolo

Il capitano canadese, che è anche un giocatore di rugby e basket varsity con i Queen’s Gaels, non vede l’ora di avere una rara opportunità di giocare in casa e dare ad alcuni membri della sua famiglia la possibilità di vederla giocare per la prima volta.

“È fantastico per me perché è la prima volta che suono in casa in cinque o sei anni, essendo stato all’università, quindi sono davvero entusiasta di avere tutta la mia famiglia e i miei amici in giro e vedere volti familiari tra la folla”, Egli ha detto. Il 23enne n. 8.

“I miei genitori fanno un grande sforzo per vedermi suonare, ma i miei fratelli, zie e zii non mi vedono suonare dal vivo da anni, quindi sarà davvero speciale suonare di fronte a loro”.

Il no. 4 per il Canada e n. Il match tra i 6 italiani è stato un test match di messa a punto.

Sarà anche il primo test sul suolo canadese in sette anni, seguito dal secondo test il 18 agosto. Il 27 il Canada affronterà il Galles n. 9 ad Halifax.

De Koet gioca a rugby e a canestro alla Queen’s University di Kingston, dove è stata recentemente nominata U Sports Female Athlete of the Year per il 2022. La stella nascente ha giocato a rugby professionistico in Inghilterra per i Saracens.

De Koet dice che diventare capitano della squadra è stato facilitato dalla presenza del resto della squadra.

READ  Francois, Carro e Russetti portano l'Italia in 13 posizioni olimpiche

“Abbiamo una grande squadra di leadership e molti giocatori esperti che mi hanno accolto nel ruolo”, ha detto De Goit.

Contenuto dell’articolo

“È un ruolo condiviso. Abbiamo 44 persone nel campo, quindi c’è solo così tanto che una persona può fare, e penso che facciamo un buon lavoro in questo gruppo condividendo questa responsabilità.

“Essere capitano è un grande onore sulla carta, ma la guida della squadra è decisamente condivisa”.

I talenti di De Gode vengono naturalmente. Suo padre, nato in Olanda, ha fatto parte della squadra All-World due volte e ha capitanato il Canada alla prima Coppa del Mondo maschile nel 1987.

Madre Stephanie White ha capitanato il Canada nella prima Coppa del Mondo femminile e ha giocato in altri due tornei. Il fratello Thyssen de Goede è stato convocato per il Canada a 15 anni e ha giocato in sette ai Giochi del Commonwealth del 2010.

Sophie de Goede ha detto che era difficile scegliere un percorso atletico dopo il liceo.

“È speciale vincere il premio U Sports Athlete of the Year e avevo dei dubbi tra i due sport sia a Oak Bay che nel Queens, ma il rugby si adatta a me e sono fiducioso con quella selezione”, ha detto. Dopo una sessione di prove libere al caldo di mercoledì. “Ma ogni volta che qualcuno vuole giocare a pick-up hoop, io ci sono.”

Assistente nel programma prima che l’allenatore del Canada Kevin Routt fosse promosso a capo a marzo, De Koet è un leader naturale ed è in campo.

“Che io alleni o meno, Sophie de Gote sarà il capitano del Canada per anni e anni”, ha detto.

READ  Partenza posticipata. Ecco come effettuare una prenotazione

La Coppa del Mondo era originariamente prevista per il 2021, ma è stata posticipata di un anno a causa della pandemia.

“All’inizio è stato deludente. Ma se accade qualcosa di negativo nel gioco, riprogetti ed è quello che abbiamo fatto”, ha detto De Goit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.