Il campione olimpico di slalom maschile Odermatt vince ancora in Italia

Questa volta Marco non ha fermato Odermatt.

Un giorno dopo aver terminato un insolito terzo sullo stesso percorso, la campionessa olimpica ha vinto un altro slalom gigante lunedì in Alta Padia in Italia per la sua 15a vittoria in Coppa del Mondo.

Il campione in carica della Coppa del Mondo e attuale leader Odermat ha mantenuto il vantaggio della prima manche durante la seconda manche del Gran Raisa.

Lo sciatore svizzero ha chiuso con 0,20 secondi di vantaggio sul norvegese Henrik Kristoffersen e 0,92 secondi sulla medaglia d’argento olimpica Jan Granjek.

“Probabilmente è il più grande combattimento di sempre”, ha detto Odermatt, che ha vinto tre dei quattro slalom giganti in questa stagione. “Ero molto stanco, già stanco all’inizio, e poi non è migliorato.”

Eric Reid di Calgary è stato l’unico canadese a qualificarsi per la seconda manche, finendo 28esimo con un tempo totale di due minuti e 44,36 secondi.

Il vincitore della gara di domenica, il norvegese Lucas Bratton, ha perso il controllo in cima durante la sua manche di apertura, è andato in testacoda ed è stato avvistato attraverso un cancello arretrato.

“Come mai. Notte e giorno, un tale contrasto”, disse Pradhan. “Quell’errore è venuto fuori dal nulla. Quindi sono rimasto un po’ sorpreso e ancora più sorpreso di non essere riuscito a salvarlo. Ma queste sono le corse, è al limite. Oggi ero dalla parte sbagliata”.

Stanco dopo due discese nella vicina Val Gardena, Odermat è scivolato al nono posto nella manche di apertura di domenica ed è salito sul podio nella seconda manche.

“È stato un grande miglioramento rispetto a ieri. Oggi ero sveglio”, ha detto Odermatt dopo una prima manche dominante. “So che con la pipa numero 2 è stato un grande vantaggio oggi e ho dovuto usarla”.

READ  L'Italia disabilita la legge per bandire i gelati scadenti

“Può conquistare tutto”

Dopo la seconda tappa, Odermatt non vedeva l’ora di fare una pausa prima delle sue prossime gare a Bormio a fine mese.

“Duro, duro, faticoso”, ha detto della Gran Risa. “Già dopo una settimana in Val Gardena, ora vengo qui, due gare di fila su un percorso davvero duro. … Un GS di un minuto e 20 secondi è davvero lungo e faticoso per le gambe.”

L’otto volte campione della Coppa del Mondo in pensione Marcel Hirscher, che ha vinto la gara sei volte e ora gestisce l’azienda di sci che fornisce Kristofferson, non ha avuto altro che elogi per il 25enne Odermatt.

“Se è sano, può vincere e realizzare qualsiasi cosa”, ha detto Hirscher.

I corridori americani River Radamus e Tommy Ford sono arrivati ​​rispettivamente 10° e 15°, con la seconda manche impostata dall’allenatore americano Ian Garner.

Ci sono stati anche i migliori in carriera dello sciatore belga Sam Mays all’11° posto e di Joan Verdeau di Andorra, che ha chiuso al 12° posto per il secondo giorno consecutivo.

La prossima gara maschile è lo slalom notturno di Madonna di Campiglio giovedì, anche se Odermat non correrà lo slalom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.