Il calcio torna nell’Ucraina dilaniata dalla guerra: rifugi antiaerei, sirene, attacchi aerei, niente tifosi

Il calcio premium è tornato oggi in Ucraina, con lo Shakhtar Donetsk che sta affrontando il Metalist 1925 allo Stadio Olimpico di Kiev mentre l’invasione russa del paese continua.

La partita – la prima della Premier League ucraina da metà dicembre – è comunque abbastanza impressionante, ma la storia aggiunge ancora più significato a questa fantastica rimonta. Oggi è la Giornata Nazionale della Bandiera dell’Ucraina.

Domani, 24 agosto, segneranno i sei mesi dall’inizio dell'”operazione militare speciale” di Vladimir Putin, ma cadrà anche nel giorno dell’indipendenza dell’Ucraina. Non c’è momento più favorevole per dimostrare che l’Ucraina non si arrenderà.

Posta sportiva Ha informazioni sul ritorno della Premier League ucraina e cosa aspettarsi.

I giocatori dello Shakhtar Donetsk e del Metalist 1925 si schierano allo Stadio Olimpico di Kiev

Il capitano dello Shakhtar Taras Stepanenko (a destra) combatte per la palla con Yaroslav Martinyuk (a sinistra)

Il capitano dello Shakhtar Taras Stepanenko (a destra) combatte per la palla con Yaroslav Martinyuk (a sinistra)

Perché torna la Premier League ucraina?

L’idea di giocare a calcio a livello d’élite in un paese dilaniato dalla guerra è insolita. La Premier League ucraina è stata sospesa la scorsa stagione quando la Russia ha lanciato la sua invasione a febbraio.

Le squadre che alzano il sipario, Shakhtar Donetsk e Metalist 1925 di Kharkiv, sono tra le città che lottano per salvarsi l’esistenza.

Sullo sfondo della perdita di vite umane, della distruzione delle case, della disgregazione delle famiglie, tre punti non contano molto.

Ma negli ultimi sei mesi del conflitto, il messaggio principale dell’Ucraina è sempre stato quello della speranza. Il riavvio della Prima Divisione è una dimostrazione di sfida di fronte all’aggressione russa.

READ  Un aereo russo del giorno del giudizio universale vola nel cielo alla parata del giorno della vittoria a Mosca

Sono stato in Ucraina nelle ultime settimane lavorando con la President’s Charitable Foundation to Rebuild e il calcio ha sempre avuto il potere di unire e dare speranza, motivo per cui ricominciare il campionato di calcio è così importante per il paese, leggendario attaccante ucraino Andriy Shevchenko ha detto, secondo quanto hai menzionato volte.

“Ci dà speranza e determinazione che ci sarà vita dopo questa guerra”.

I giocatori e gli ufficiali di gara indossavano bandiere ucraine mentre veniva suonato l'inno nazionale

I giocatori e gli ufficiali di gara indossavano bandiere ucraine mentre veniva suonato l’inno nazionale

Nessun fan assisterà alle partite a causa dei pericoli di bombe e attacchi missilistici

Nessun fan assisterà alle partite a causa dei pericoli di bombe e attacchi missilistici

Il calcio ha il potere di fornire luce nei momenti di oscurità e i giocatori dell’UPL sperano di sollevare gli animi del paese, ricordando anche al resto del mondo che l’Ucraina è più di un semplice campo di battaglia.

“Questo è il nostro lavoro e lo consideriamo professionalmente come una grande responsabilità mostrare al mondo che la vita in Ucraina non si ferma, va avanti”, ha affermato Igor Yoseevich, direttore dello Shakhtar.

“Il calcio è uno dei fattori che dà sentimenti a tutto il Paese e alle persone che stanno lottando per tutti noi”.

Nel frattempo, il presidente della Federcalcio ucraina Andrei Pavlko ha dichiarato a giugno: “Ho parlato con il nostro presidente, Volodymyr Zelensky, dell’importanza del calcio come distrazione.

Abbiamo parlato di come il calcio può aiutarci a pensare al futuro.

Il presidente dello Shakhtar Igor Yoseevich afferma di essere in grado di

Il presidente dello Shakhtar Igor Yoseevich afferma di essere in grado di “mostrare al mondo che la vita in Ucraina non si ferma”

Quali adeguamenti devono essere effettuati?

Non sorprende che questa stagione sia stata leggermente diversa dal solito in Ucraina.

READ  La First Lady dell'Ucraina Olena Zelenska rilascia una rara intervista al presidente Zelensky e dice: “Nessuno mi porta via mio marito, nemmeno la guerra” | notizie dal mondo

In primo luogo, nessun fan assisterà alle partite a causa dei pericoli di bombe e attacchi missilistici.

I fan potranno comunque guardare la loro squadra, poiché Setanta Sports ha concordato un accordo di 13,4 milioni di sterline per i diritti TV delle partite della Premier League ucraina per le prossime tre stagioni.

Anche gli spettatori di tutto il mondo potranno sintonizzarsi, con almeno quattro partite trasmesse in diretta sui canali di linea dell’emittente in ogni turno di partite e due trasmesse in diretta sul suo canale YouTube.

I giocatori dello Shakhtar si preparano prima del ritorno della loro prima partita di campionato contro il Metalist 1925

I giocatori dello Shakhtar si preparano prima del ritorno della loro prima partita di campionato contro il Metalist 1925

Tutte le partite si giocheranno nella capitale ucraina, Kiev, nella regione circostante e in due province occidentali.

Gli stadi dovrebbero avere rifugi antiaerei, così i giocatori, lo staff e gli ufficiali di gara possono mettersi al riparo quando le sirene del raid aereo suonano. Questo accade quotidianamente nella maggior parte delle regioni dell’Ucraina, quindi è molto probabile che le partite si interrompano.

Ovviamente questo non è l’ideale per i giocatori, che dovranno riscaldarsi di nuovo se ci vorrà un po’ prima che tutto venga servito.

“Sarà difficile se durerà più di un’ora”, ha detto il capitano dello Shakhtar Taras Stepanenko. “Forse dovrebbero prepararci delle biciclette (nei rifugi).”

Ufficiali militari saranno presenti ad ogni partita. Se la sirena dura più di un’ora, si discuterà con l’arbitro per decidere se rinviare o meno la partita.

Quali sono le squadre e i giocatori coinvolti?

La Premier League ucraina ha mantenuto il suo formato a 16 squadre, ma ha dovuto sostituire due squadre della scorsa stagione – Desna Chernihiv e FC Mariupol – le cui città e stadi sono stati gravemente colpiti dalla guerra.

READ  Sebbene le restrizioni di blocco siano state allentate, le linee guida sul "lavoro da casa" rimangono in vigore

Sono stati sostituiti da Metalist Kharkiv e Kryvbas Kryvyi Rih, che sono state le prime due squadre della seconda divisione la scorsa stagione prima della sospensione del campionato.

Shakhtar e Dynamo Kyiv probabilmente si batteranno di nuovo per il titolo, ma le due squadre e il resto del campionato hanno perso quasi tutti i loro giocatori dall’estero.

A giugno, la FIFA ha stabilito che i giocatori e gli allenatori stranieri in Ucraina potevano sospendere i contratti con i club fino al 30 giugno 2023, alla luce dell’invasione russa del paese.

Tutte le partite si giocheranno a Kiev, nell’area circostante e in due province occidentali

Questo non è andato bene con i club e lo Shakhtar ha chiesto al consiglio di amministrazione 50 milioni di euro (43 milioni di sterline) di compensazione per la quota di trasferimento persa.

Per ora, questo significa che le squadre devono fare affidamento sui talenti locali e sui giovani nomi delle loro accademie.

La squadra dello Shakhtar si è formata per molti anni da un gruppo centrale di giocatori brasiliani, ma hanno lasciato come free agent o sono andati in prestito.

L’unico rimasto è il terzino destro Lucas Taylor – in prestito dal PAOK – ed è uno dei pochi stranieri nella rosa dello Shakhtar per la partita di oggi contro il Metalist 1925, insieme al centrocampista croato Neven Duracek.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.