I Saints rallentano la carica del City e le Magpies si muovono: argomenti di discussione della Premier League

Con la rarità di un programma ininterrotto, la Premier League ha regalato ancora una volta un fine settimana di eccitazione e intrighi.

Con le storie in cima e in fondo alla classifica, l’agenzia di stampa PA dà un’occhiata ad alcuni dei punti chiave di discussione dell’ultimo turno di partite prima della pausa internazionale.

La vita è un passo

La serie di 12 vittorie consecutive del Manchester City si è interrotta a Southampton quando sabato sera sono stati trattenuti da un pareggio a sorpresa per 1-1, ma il boss Pep Guardiola ha dichiarato che la prestazione “di gran lunga” la migliore della stagione. Aymeric Laporte ha annullato l’apertura in anticipo di Kyle Walker-Peters poiché i visitatori non hanno potuto pagare una pressione implacabile. Laporte ha continuato a incolpare il campo di St Mary, dicendo che era troppo piccolo. Nonostante la perdita di punti per la prima volta da ottobre, il City ha ancora un comodo vantaggio in cima alla classifica, seduto a nove punti sopra il Liverpool, che ha vinto 3-1 al Crystal Palace, in parte grazie a un’altra decisione del VAR graffiante sulla testa, e 10 sopra il Chelsea, che ha battuto il Tottenham.

Stessa vecchia storia allo Stamford Bridge

Antonio Conte rimane l’unico allenatore del Chelsea nell’era della Premier League ad aver perso una partita contro il Tottenham allo Stamford Bridge mentre continuava il dominio casalingo del club di West London sui rivali cittadini. La vittoria degli Spurs nel 2018 al Bridge sotto Mauricio Pochettino è l’unica volta che hanno vinto lì in Premier League e anche con Conte ora in panchina che non poteva cambiare quando i padroni di casa hanno vinto 2-0. Le cose sarebbero potute essere diverse se il gol di Harry Kane nel primo tempo non fosse stato controverso, ma i gol di Hakim Ziyech e Thiago Silva dopo l’intervallo hanno assicurato ai Blues di mantenere il sopravvento nella corsa per i primi quattro.

READ  Il boss del Watford Claudio Ranieri insiste che la disputa con la Nigeria su Emmanuel Denis sia finita

Ranieri al sacco?

La sconfitta interna per 3-0 di venerdì sera contro i rivali della retrocessione del Norwich potrebbe essere terminale per Claudio Ranieri, che deve entrare nella pausa per le Nazionali con paura. Gli allenatori hanno perso il lavoro al Watford per molto meno della triste prestazione contro le Canarie, ma quella sconfitta significa che l’italiano ha preso solo sette punti in 11 partite in carica a Vicarage Road. E con il Newcastle che ha vinto – solo per la seconda volta in questa stagione – e Burnley che ha preso un punto impressionante all’Arsenal, è stato un brutto fine settimana per gli Hornets.

Newcastle che fa mosse

Dopo una serie di partite difficili, il Newcastle sapeva che avrebbe dovuto iniziare a mettere punti sul tabellone contro le squadre intorno a loro in classifica e lo ha fatto. Dopo aver pareggiato contro il Watford la scorsa settimana, hanno ottenuto solo la loro seconda vittoria stagionale quando hanno battuto il Leeds 1-0 a Elland Road. Ciò li ha spostati in un punto di sicurezza e ha anche riportato il club dello Yorkshire più vicino ai guai. La loro prossima partita ha ancora più importanza in quanto accolgono l’Everton al St James’ Park, con i Magpies presumibilmente rinfrescati dopo un viaggio in Arabia Saudita.

Il sinistro spettacolo in ritardo dello United

Sembrava essere un altro risultato deludente per il Manchester United quando ha affrontato i primi quattro rivali del West Ham all’Old Trafford mentre lavoravano per un pareggio a reti inviolate. Ma Marcus Rashford è apparso praticamente con l’ultimo calcio della partita per vincerlo in un modo che è sinonimo del club dell’Old Trafford nell’era della Premier League. Ciò li ha portati tra i primi quattro e ha dato loro la convinzione di poter dare il via alla loro stagione e andare avanti dopo la ripresa.

READ  "Più decisivo lo scontro con il Napoli per l'Inter, che non può permettersi di perdere più terreno"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.