I rifugiati si riversano in Irlanda mentre Dublino incolpa la politica britannica in Ruanda

Dublino ha dichiarato sabato che la politica britannica sul Ruanda ha causato un aumento del numero di rifugiati che arrivano in Irlanda, apparentemente riconoscendo che un accordo per espellere i richiedenti asilo in Africa centrale impedisce alle persone di venire nel Regno Unito.

Figure di spicco nella coalizione di governo, compreso il primo ministro irlandese, hanno invece accusato le nuove misure di immigrazione britanniche di aumentare il numero di richiedenti asilo in Irlanda, provocando una crisi abitativa che ha costretto gli ucraini a rimanere nelle tende.

La politica del ministro dell’Interno Priti Patel nei confronti del Ruanda Mira a deportare gli immigrati illegali nel paese africano nel tentativo di scoraggiare le persone che effettuano attraversamenti pericolosi e illegali del canale verso la Gran Bretagna.

Il Ministero dell’Interno ha rifiutato di commentare le accuse di Taoiseach Michael Martin e Eamonn Ryan, leader del Partito dei Verdi, uno dei suoi partner di coalizione.

Ambiente meno accogliente

Un portavoce del governo irlandese ha dichiarato a The Telegraph: “I recenti cambiamenti politici in altre giurisdizioni, incluso il Regno Unito, come sottolineato da Taoiseach, possono creare la percezione di un ambiente di immigrazione e protezione internazionale meno accogliente, portando a movimenti secondari di richiedenti”.

“Si può vedere, e forse sentire, che questa dichiarazione politica, che pensavo fosse una dichiarazione politica sbagliata da parte del Regno Unito, un tipo di iniziativa scioccante a mio avviso, per raggiungere un accordo con il Ruanda, ovviamente avrebbe potuto motivare le persone usano la regione Viaggiare per entrare nella Repubblica – sì, penso che sia uno di una serie di fattori”, ha detto il signor Martin la scorsa settimana.

READ  Bangladesh: un "massiccio" incendio nei campi profughi Rohingya costringe 20mila persone a fuggire | Bangladesh

La Common Travel Area è un accordo di frontiera aperta di lunga data tra Dublino e Londra e ha accolto circa 95.400 rifugiati ucraini in un paese di 60 milioni di persone.

Circa il 60 per cento delle persone che chiedono protezione internazionale ora lo fa negli uffici di Dublino, piuttosto che in aeroporto. In genere, circa due terzi delle domande di asilo vengono presentate in aeroporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.