I ricercatori affermano che il vaccino antinfluenzale è collegato a un rischio inferiore del 40% di malattia di Alzheimer

Analizzando un ampio campione nazionale di anziani statunitensi (65 e più anziani), inclusi 935.887 pazienti con influenza vaccinati e 935.887 pazienti non vaccinati, i ricercatori hanno scoperto che un singolo vaccino antinfluenzale riduce il rischio di contrarre la malattia. “Per molti anni.” Non è tutto. Avram S. Bukhbinder, MD, un neolaureato della McGovern School of Medicine dell’UTHealth Houston, ha spiegato in una dichiarazione che “la forza di questo effetto protettivo aumenta con il numero di anni in cui una persona ha ricevuto un vaccino antinfluenzale annuale, in altre parole, il tasso di malattia di Alzheimer era il più basso tra coloro che si vaccinano ogni anno.

Durante gli appuntamenti di follow-up di quattro anni, è stato riscontrato che circa il 5,1% dei pazienti vaccinati contro l’influenza ha sviluppato il morbo di Alzheimer. Nel frattempo, l’8,5% dei pazienti non vaccinati ha sviluppato il morbo di Alzheimer durante il follow-up.

Il fatto è che è improbabile che il vaccino antinfluenzale stesso sia il fattore decisivo. È noto che esiste un legame tra le diverse vaccinazioni e il vaccino antinfluenzale con esiti di Alzheimer inferiori. Il ricercatore Paul Schulz ha spiegato in a dichiarazione:

“Poiché ci sono prove che molti vaccini possono proteggere dall’Alzheimer, riteniamo che non sia un effetto specifico del vaccino antinfluenzale. Riteniamo invece che il sistema immunitario sia complesso e che alcune modificazioni, come la polmonite, possano attivare in un modo che peggiora il morbo di Alzheimer”. Ma altre cose che attivano il sistema immunitario potrebbero farlo in modo diverso, un modo che protegge dal morbo di Alzheimer. Ovviamente abbiamo altro da imparare su come peggiorare il sistema immunitario o migliorare i risultati in questa malattia”.

I ricercatori affermano che testare se le vaccinazioni come il vaccino antinfluenzale possono anche aiutare a rallentare o ridurre la progressione del morbo di Alzheimer è uno dei prossimi passi da compiere. Per molti americani, farsi vaccinare contro le infezioni è un’importante responsabilità sociale per aiutare a proteggere coloro che ci circondano. Come qualcuno che crede nell’arresto della diffusione di massa, posso anche dirti che, avendo avuto l’influenza circa 8 anni fa, è meglio non prenderla affatto.

READ  Strane linee avvistate dal satellite della NASA in Russia sconcertano il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.