I rendimenti obbligazionari dell’Eurozona scendono a causa delle preoccupazioni per le prospettive economiche

Immagine illustrativa delle banconote in euro, 25 aprile 2014. REUTERS/Dado Rovich/

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – I rendimenti dei titoli di Stato dell’Eurozona sono scesi martedì, poiché i mercati finanziari hanno ridimensionato le aspettative di un aumento dei tassi di interesse da parte della Banca centrale europea, tra le preoccupazioni per le prospettive economiche dovute all’aumento dei prezzi dell’energia e ai possibili tagli alla fornitura di gas.

Il flusso di gas fisico attraverso il gasdotto Nord Stream 1 dalla Russia alla Germania è sceso a zero lunedì. Leggi di più

Alcuni analisti prevedono un rapido inasprimento monetario nel 2022 e un possibile arresto nel 2023 poiché si aspettano che l’economia dell’Eurozona rallenti in modo significativo a causa dell’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia e di una possibile riduzione delle forniture di gas.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il tasso di interesse finale per novembre 2023, secondo il tasso a termine euro a breve termine (ESTR), era di circa l’1,2% dal 2,6% di metà giugno.

Nomura prevede che la Banca centrale europea alzerà i tassi di interesse di 175 punti base entro marzo 2023. Ma con il proseguimento della prevista recessione, si aspetta un taglio dei tassi di 25 punti base a giugno. Leggi di più

Il rendimento del titolo di Stato tedesco a 10 anni è sceso di 13 punti base al livello più basso in quasi una settimana a 1,179%. La scorsa settimana ha raggiunto il livello più basso dal 31 maggio all’1,072%.

I mercati monetari stanno attualmente scontando un aumento del tasso della BCE di 137 punti base nel 2022, in calo da 145 punti base di lunedì, e 180 punti base per stringere entro la fine del 2023 dai circa 195 punti base del giorno prima.

READ  L'India critica la decisione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite di trasferire l'operazione IGN

“Riteniamo che i rendimenti obbligazionari scendano al di sotto della gamma recente”, ha affermato Mohamed Kazemi, portfolio manager di Union Bancaire Privée (UBP).

I prezzi delle obbligazioni oceaniche – che si muovono inversamente ai rendimenti – hanno leggermente sottoperformato i loro concorrenti a causa delle preoccupazioni per il cosiddetto strumento anti-retail della Banca centrale europea e la politica italiana.

Il rendimento del decennale italiano è sceso di 10 punti base al 3,202%, mentre lo spread tra il rendimento del decennale italiano e quello tedesco si è ampliato di 3,5 punti base a 208 punti base.

I margini di rendimento di portoghesi e spagnoli sono aumentati di 2,5 e 3 punti base a 107,5 e 108,3 punti base. E il.

La Banca Centrale Europea si è impegnata ad acquistare più obbligazioni da paesi fortemente indebitati come l’Italia per contenere il crescente differenziale tra costi finanziari e costi della Germania che potrebbero impedire la trasmissione della politica monetaria in tutto il blocco.

Il policy maker Hawkish Joachim Nagel ha affermato che la BCE dovrebbe basare il suo piano di acquisto di obbligazioni su quello annunciato durante la crisi del debito, vale a dire il programma Outstanding Monetary Transactions (OMT) che consente alla BCE di acquistare quantità illimitate di obbligazioni da Paesi che richiedono un salvataggio da il meccanismo europeo di stabilità. Leggi di più

Martedì, ha aggiunto, le attuali differenze di rendimento sono “fondamentalmente giustificate” fino a prova contraria. Leggi di più

Kazmi di UBP ha affermato: “I commenti di Nagel non aiutano, ma non credo che ci siano notizie reali sullo strumento anti-frammentazione. Se i mercati sono delusi, vedremo spread molto più alti mentre i mercati testano la risoluzione della BCE”.

READ  Odi Cornish, ex conduttore di NPR, si dirige alla CNN+

Nel frattempo, lunedì, il primo ministro italiano Mario Draghi ha incontrato il presidente italiano per discutere del futuro del suo governo tra le tensioni ribollenti con il Movimento 5 stelle, membro dell’alleanza.

Ha aggiunto: “C’è poco rumore politico che influisce sulla sua diffusione con Five Stars che fornisce meno supporto al governo Draghi. Il nostro scenario di base è che Draghi rimarrà primo ministro, senza elezioni anticipate quest’anno”, ha aggiunto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reportage di Stefano Ribaudo), Montaggio di Kirsten Donovan e Raisa Kasulowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.