I rendimenti italiani scommettono del 4% sul rialzo del tasso della BCE

Una sinfonia di strisce, strisce e cerchi nei colori blu e gialli dell’Unione Europea, sulla facciata sud della sede della Banca centrale europea (BCE) a Francoforte, in Germania, il 30 dicembre 2021. REUTERS/Wolfgang Rattay

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

LONDRA, 1 settembre (Reuters) – Giovedì i rendimenti obbligazionari dell’Eurozona sono aumentati nettamente e il decennale italiano ha superato per breve tempo il 4% per la prima volta da giugno. .

Giovedì i mercati monetari dell’Eurozona stavano scontando una probabilità di circa l’85% di un aumento del tasso di 75 punti base. Questo è in aumento da una possibilità di oltre il 50% prevista mercoledì prima dei numeri di inflazione.

Un aumento delle aspettative sui tassi, in particolare sui 10 anni più lunghi e sulle scadenze, ha spinto in forte rialzo i rendimenti dei titoli di Stato.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“La prospettiva di tassi più elevati e inflazione a lungo termine è più alta di quanto molti pensassero”, ha affermato Rene Albrecht, stratega di DZ Bank. La possibilità di un importante aumento del tasso della BCE di 75 punti base è stata scontata, ha affermato.

Si aspetta che la BCE aumenti di 50 punti base la prossima settimana, con alcuni politici preoccupati per l’allargamento del divario tra i rendimenti obbligazionari italiani e tedeschi.

Il rendimento del titolo decennale italiano è aumentato di 13 punti base al 4,014% da metà giugno. I rendimenti italiani sono saliti al 4,28% a giugno, spingendo la BCE a promettere un nuovo strumento per frenare l’eccessiva divergenza negli oneri finanziari del governo all’interno del blocco valutario a 19 nazioni.

READ  Centinaia sono stati evacuati in Italia a causa dell'incendio

L’aumento di giovedì ha spinto il divario attentamente osservato tra i rendimenti obbligazionari tedeschi e italiani a 243 punti base – il più ampio da fine luglio – prima di ritirarsi.

I rendimenti italiani a 2 e 30 anni sono aumentati brevemente di 10 punti base all’inizio del commercio.

“I dati sull’inflazione europea di questa settimana mostrano che le pressioni sui prezzi nella zona euro rimangono forti”, hanno affermato gli analisti di Mizuho.

“La riunione della BCE dell’8 settembre rimane un invito ravvicinato, ma questi ultimi dati potrebbero essere sufficienti per spostare anche i membri centristi verso un aumento di 75 punti base”, hanno aggiunto.

I dati pubblicati mercoledì hanno mostrato che l’inflazione della zona euro è salita al 9,1% ad agosto, battendo le aspettative e rafforzando la tesi per ulteriori grandi aumenti della BCE.

Il rendimento a 10 anni della Germania è salito di 10 punti base all’1,634%, ma poi è sceso e l’ultimo è salito di 3,5 punti base all’1,57%. I rendimenti a dieci anni in altri paesi sono aumentati di 3-4 punti base.

I rendimenti tedeschi hanno chiuso agosto con il più grande aumento mensile degli ultimi 30 anni.

I mercati obbligazionari in tutta Europa sono saliti con l’aumento dei prezzi del gas, alimentati dalle preoccupazioni sull’offerta russa, alimentando le preoccupazioni sull’inflazione e aumentando le aspettative per tassi più alti anche se sono aumentati i timori di recessione.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reportistica di Tommy Reggio Wilkes; Montaggio di Simon Cameron-Moore, Bernadette Baum e Richard Tsang

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.