I rendimenti dell’Eurozona salgono mentre l’Italia e il Regno Unito rimangono preoccupati Da Reuters


© Reuters. FOTO DEL FILE: In questa illustrazione, scattata il 9 novembre 2021, si vedono monete da un euro. REUTERS/Dado Rovich/Illustrazione

LONDRA (Reuters) – I rendimenti dei titoli di Stato della zona euro sono saliti ai massimi pluriennali martedì mentre gli investitori si preparavano a ulteriori aumenti dei tassi di interesse e l’impatto del “mini-budget” britannico ha continuato a riverberarsi sui mercati finanziari.

I Treasury statunitensi hanno esercitato un’ulteriore pressione al rialzo, con il rendimento delle obbligazioni a 10 anni che ha raggiunto il massimo degli ultimi 12 anni del 3,97%.

Il rendimento delle obbligazioni tedesche a 10 anni ha raggiunto il nuovo massimo da 11 anni al 2,228%, in rialzo di 14 punti base.

I rendimenti italiani sono aumentati in particolare con il rendimento delle obbligazioni a 10 anni che ha raggiunto il livello più alto da giugno 2013 al 4,75%, dopo i grandi movimenti di lunedì dopo che una coalizione di destra ha ottenuto una netta maggioranza alle elezioni di domenica.

Giorgia Meloni sembra destinata a diventare la prima donna premier italiana alla guida del suo governo di estrema destra dalla seconda guerra mondiale, ereditando uno dei debiti più pesanti dell’eurozona in un momento di aumento dei tassi di interesse e rallentamento della crescita economica.

“L’incertezza politica continuerà a essere il motore principale qui. Nei prossimi giorni, ci aspettiamo che altri leader di partito sostengano Meloni. Questo darebbe l’impressione di calma (ad esempio, spread sproporzionatamente inesplosi) in vista del bilancio 2023”, ha affermato. Gli analisti di Mizuho hanno affermato che la tempesta di discussione “è probabile che si svilupperà nel mese di ottobre”.

READ  Papa Francesco: Il mondo ha bisogno di un nuovo modello economico cristiano

Lo spread attentamente osservato tra i rendimenti italiani e tedeschi si è ampliato a 265 punti base nel trading iniziale prima di scendere a 250 punti base entro le 1521 GMT, ancora vicino al livello più alto da luglio.

I mercati seguiranno da vicino la posizione della Banca Centrale Europea sul rialzo dei rendimenti italiani. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha dichiarato lunedì che la banca non utilizzerà il suo ultimo piano di emergenza per acquistare obbligazioni di paesi che commettono “errori politici”, rispondendo a una domanda sul possibile prossimo governo italiano.

Relatori della Banca centrale europea

Mario Centeno, visto come il piccione della BCE, ha affermato che l’inflazione sarà più alta e meno transitoria di quanto inizialmente pensato e che il ciclo di rialzo dei tassi continuerà a cercare di domarla.

Il vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Guindos ha affermato che le banche della zona euro sono pronte a soffrire per il rallentamento dell’economia e l’aumento dei tassi di interesse di alcune società in acque calde.

Lunedì, i funzionari della Federal Reserve statunitense hanno lanciato un’altra nota aggressiva, affermando che la loro priorità rimaneva il controllo dell’inflazione interna, anche se la volatilità è aumentata.

Gli investitori erano anche di umore nervoso dopo il sell-off dei titoli di stato britannici innescato da una serie di tagli fiscali che il governo ha annunciato venerdì avrebbe spinto verso un maggiore indebitamento pubblico. La prospettiva di un aumento dell’indebitamento di decine di miliardi di sterline ha scosso i mercati e spinto la sterlina ai minimi storici.

Il capo economista della BoE How Bell ha affermato martedì che la Banca d’Inghilterra probabilmente fornirà una “risposta politica significativa” all’annuncio della scorsa settimana di tagli alle tasse.

READ  L'Italia afferma che le offerte per un centro cloud nazionale sono attese questo mese - cloud - storage

Negli ultimi giorni sono aumentate le aspettative di un rialzo dei tassi.

“Vediamo una ragionevole possibilità che gli investitori considerino quei livelli massimi come paria e ci sono pochi incentivi a valutare aspettative più alte a questo punto”, hanno affermato gli analisti di UniCredit. “Le preoccupazioni sulla crescita sembrano essere state completamente ignorate negli ultimi giorni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.