I rapporti indicano che la commissione del 6 gennaio prevede di costringere Trump a testimoniare

All’inizio dell’udienza, il presidente Benny Thompson ha accennato al fatto che la sua commissione potrebbe votare su “indagini aggiuntive”.

Ora, a quanto pare, ci sono dettagli su quello che hanno nella manica: una chiamata allo stesso Donald Trump per testimoniare.

Se la commissione, infatti, convocasse l’ex presidente, l’azione sarebbe una drammatica fioritura di quella che è stata annunciata come l’ultima udienza della commissione il 6 gennaio.

Sarebbe certamente un modo efficace per garantire che le azioni della giornata dominino i titoli dei giornali, una preoccupazione costante di un comitato ben consapevole della necessità di mantenere l’attenzione del pubblico.

Tuttavia, sembra estremamente improbabile che l’ex presidente testimonierà effettivamente.

Molti dei suoi massimi consiglieri e membri repubblicani del Congresso hanno deriso le richieste del comitato – ignorando le citazioni in giudizio o affermando protezioni costituzionali contro l’autoincriminazione – e Trump ha ripetutamente affermato che l’indagine è di per sé illegittima e un inganno di parte.

Ma se tutte queste udienze equivalgono a una vera causa contro Trump, il comitato potrebbe ritenere che il modo migliore per concludere che sia consentire all’uomo sotto i riflettori investigativi di prendere posizione e difendersi.

READ  Meteo tracker: un temporale mortale colpisce Creta | cattive condizioni meteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.