I primi richiedenti asilo si sono trasferiti dall’Italia alla Francia attraverso il nuovo meccanismo Ue

Un gruppo di 38 richiedenti asilo ha lasciato l’Italia per la Francia la scorsa settimana. Le prime persone a essere ricollocate nell’ambito del nuovo “meccanismo volontario di solidarietà” dell’UE.

I richiedenti asilo hanno lasciato l’Italia per la Francia giovedì (25 agosto), ha affermato il ministero dell’Interno italiano. I paesi che hanno accettato di accogliere migranti e rifugiati provenienti da paesi europei che registrano un numero elevato di arrivi includono Francia e Italia. La Francia ha accettato di accogliere 3.000 persone all’anno attraverso il nuovo “meccanismo di coesione” dell’UE, ha riferito l’agenzia di stampa ANSA.

Le autorità italiane hanno effettuato l’identificazione e controlli sanitari sui 38 richiedenti asilo prima che partissero per la Francia. Anche l’Agenzia dell’UE per l’asilo ha registrato le loro domande di protezione internazionale, mentre le autorità francesi hanno esaminato i fascicoli personali e hanno intervistato i richiedenti asilo. Tra il 28 luglio e il 2 agosto, funzionari francesi hanno visitato un centro per richiedenti asilo a Bari, nel sud Italia.

Si dice che l’UE e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) abbiano contribuito a organizzare i trasferimenti.

Che cos’è il “meccanismo volontario di solidarietà”?

A giugno, 21 paesi europei hanno deciso di partecipare al “Meccanismo volontario di solidarietà” alla riunione del Consiglio europeo degli affari interni a Lussemburgo.

Il meccanismo mira a fornire agli Stati membri dell’UE “più colpiti dai flussi migratori” l’assistenza di altri Stati attraverso la ricollocazione dei rifugiati e contributi finanziari. Gli Stati che beneficiano di questo accordo sono principalmente i paesi dell’Europa meridionale che si affacciano sul Mediterraneo (come l’Italia e la Grecia) e sull’Atlantico (come la Spagna).

Autorità italiane: 10.000 profughi sfollati all’anno

Secondo le autorità italiane, 10.000 persone saranno ricollocate ogni anno attraverso il meccanismo. Le persone selezionate per la ricollocazione dovrebbero essere principalmente “persone bisognose di protezione internazionale, con priorità data ai più vulnerabili”, Secondo l’accordo firmato dai ministri dell’Interno dei paesi.

READ  La centrocampista canadese Julia Grosso ama la vita in Italia con la Juventus

I paesi che hanno accettato di partecipare al meccanismo sono:

  • 18 dei 27 Stati membri dell’Unione Europea (ovvero Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Croazia, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania)
  • Tre paesi non fanno parte dell’UE, ma fanno parte dell’area Schengen, l’area per lo più senza frontiere in Europa (Norvegia, Svizzera, Liechtenstein).

La Germania accoglie 3.500 richiedenti asilo all’anno

La Germania, il paese più popoloso dell’UE, ha accettato di accogliere il maggior numero di rifugiati, seguita dalla Francia. Secondo il ministero dell’Interno tedesco, un totale di 3.500 persone vengono reinsediate in Germania ogni anno. Una delegazione di funzionari tedeschi dovrebbe visitare l’Italia alla fine di agosto per ispezionare un gruppo da ricollocare in Germania.

L’Italia, situata attraverso il Mediterraneo centrale dalla Libia e dalla Tunisia, è una delle principali destinazioni per migranti e rifugiati che sperano di raggiungere l’Europa dall’Africa. La scorsa settimana più di 1.000 persone sono arrivate sulle coste italiane. Nel 2021 oltre 67.000 persone sono arrivate nel Paese solo via mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.