I prezzi dell’energia nordica stanno scendendo a livelli che non si vedevano dal 2020

Mentre Germania e Francia sono alle prese con prezzi record dell’elettricità tra il calo delle forniture di gas dalla Russia e il calo della produzione di energia nucleare francese, i paesi nordici, per lo più dipendenti dall’energia idroelettrica ed eolica, stanno registrando un calo significativo dei prezzi nei prossimi giorni.

La riduzione della domanda dovuta alle vacanze estive, ai serbatoi d’acqua e alle tempeste in questi giorni ha portato a un calo dell’80% dei prezzi giornalieri dell’energia nel nord venerdì. Secondo quanto riportato dal Guardian, i prezzi medi dell’elettricità in tutto il nord Europa sono scesi sabato a $ 4,24 (€ 4,17) per megawattora alla Borsa del Polo Nord di Oslo. Stime Bloomberg.

Per fare un confronto, le tariffe giornaliere in Francia erano di $ 338 (€ 333) per MWh e $ 150 (€ 148) per MWh in Germania.

I prezzi del giorno precedente nei paesi nordici hanno raggiunto il livello più basso da novembre 2020, sulla scia di una combinazione di diversi fattori. Questi includono una maggiore produzione di energia eolica, persone che partono per le vacanze estive e acqua sufficiente per generare energia idroelettrica.

Argomenti correlati: L’OPEC+ è ancora 2,5 milioni di barili al giorno al di sotto del suo obiettivo di produzione

Anche i prezzi dell’elettricità per il 2023 sono significativamente più bassi in Scandinavia che in Germania, ad esempio. I prezzi nordici l’anno prossimo hanno raggiunto $ 112 (€ 110) per megawattora giovedì, rispetto al record di $ 377 (€ 371) per megawattora in Germania, secondo Bloomberg.

Tuttavia, i serbatoi d’acqua della Norvegia erano pieni del 59,2% alla fine della scorsa settimana, al di sotto della media ventennale, secondo i dati della Direzione norvegese delle risorse idriche e dell’energia (NVE). I produttori di energia idroelettrica sono stati scoraggiati nelle ultime settimane a sfruttare più acqua per generare energia idroelettrica e fornire acqua per l’inverno. Agli operatori è stato inoltre chiesto di non esportare molta elettricità nel resto d’Europa perché i serbatoi non sono pieni come lo erano negli anni precedenti, e di non fare affidamento sulle importazioni dall’Europa, che è alle prese con gli approvvigionamenti energetici.

READ  Il principe Carlo benedice le nazioni del Commonwealth tagliando i legami con la famiglia reale

Di Michael Kern per Oilprice.com

Altre letture principali da Oilprice.com:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.