I polpi si tormentano e si mangiano dopo l’accoppiamento e gli scienziati finalmente sanno perché

Se acquisti un prodotto o servizio recensito in modo indipendente tramite un collegamento sul nostro sito Web, BGR potrebbe ricevere una commissione di affiliazione.

La natura è composta da alcune creature sorprendenti e interessanti. Octopus è forse una delle cose più interessanti. Anche alcuni Pensano di poter essere alieni. Uno dei misteri che gli scienziati hanno evitato da tempo è l’autodistruzione del polpo dopo l’accoppiamento. Per anni, gli scienziati si sono chiesti perché i polpi si torturano dopo l’accoppiamento.

Ora, dopo tutto questo tempo, i ricercatori potrebbero finalmente avere la risposta.

Le migliori offerte di oggi

non perdere: Offerte di oggi: $ 150 per AirPods 3, un raro affare AirTag, prese intelligenti da $ 4, borracce sportive da $ 3 e altro ancora

rilascio di sostanze chimiche

Polpi sul fondo dell'oceano

Polpi sul fondo dell’oceano

Sappiamo da tempo che le polpi si tormentano e talvolta mangiano se stesse quando le loro uova stanno per schiudersi. Sebbene non siano le uniche creature allo stato brado a morire dopo l’accoppiamento, hanno uno degli approcci più raccapriccianti al processo.

Per anni, gli scienziati hanno cercato di scoprire perché i polpi si comportano in questo modo dopo l’accoppiamento. Ora, un nuovo studio pubblicato sulla rivista biologia attuale Potrebbe fornire le risposte che tutti stavamo cercando. I ricercatori affermano che le madri polpi si tormentano dopo l’accoppiamento a causa dei cambiamenti chimici che si verificano nel periodo in cui la madre depone le uova.

Uno studio del 1977 ha scoperto che un gruppo di ghiandole vicino all’occhio del polpo era responsabile del meccanismo che ha causato l’autodistruzione. I ricercatori hanno scoperto che queste ghiandole secernono ormoni steroidei nei polpi. E quando la madre depone le uova, queste ghiandole si sviluppano eccessivamente. Si ritiene che questi stimolanti siano ciò che induce i polpi a torturarsi.

READ  Giunone fornisce la prima vista 3D dell'atmosfera di Giove

Perché i polpi si tormentano dopo l’accoppiamento?

Sottocapo

Sottocapo

In tutto, i ricercatori hanno scoperto tre cambiamenti chimici separati che si verificano nello stesso momento in cui una piovra depone le uova. In primo luogo, c’è un picco nell’ormone pregnenolone e progesterone. Questi due ormoni sono solitamente associati alla riproduzione in un gruppo di organismi. Quindi, non sorprende vederli qui.

Poi, hanno visto un secondo cambiamento quando il polpo ha iniziato a produrre livelli più elevati di 7-deidrocolesterolo o 7-DHC. Questo è l’elemento costitutivo del colesterolo e anche gli esseri umani lo producono nel processo di produzione del colesterolo. Tuttavia, potrebbe essere uno dei cambiamenti chimici che ha causato la tortura dei polpi dopo l’accoppiamento.

Il 7-DHC può essere un composto tossico. Ecco perché gli esseri umani non lo tengono a lungo nei loro sistemi. I ricercatori hanno anche notato che le ghiandole ottiche hanno iniziato a produrre più componenti utilizzati negli acidi biliari. I polpi non usano lo stesso tipo di acidi biliari degli esseri umani e di altri animali, ma costituiscono gli elementi costitutivi di quegli acidi.

I ricercatori ritengono che questi cambiamenti chimici si combinino e facciano tormentare i polpi. Tuttavia, il motivo esatto per cui si sono verificati questi cambiamenti o perché il corpo del polpo è stato progettato in questo modo rimane poco chiaro. Z ha detto. Yan Wang, professore associato all’Università di Washington scienze vive Potrebbe essere un modo per proteggere i polpi più giovani.

I polpi sono creature cannibali per natura. In quanto tale, la tortura e la successiva morte causate da questi cambiamenti potrebbero essere un modo per abbattere naturalmente le generazioni più anziane per proteggere le più giovani prima che vengano uccise e mangiate dal polpo più anziano.

READ  C'è ancora molto da fare

Clicca qui per leggere l’articolo completo.

Aspetto La versione originale di questo articolo è su BGR.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.