I migranti indagano su Genova, in Italia, per false accuse commerciali

175 persone sono indagate a Genova, a nord di Itai, con l’accusa di aver affermato falsamente di gestire una piccola impresa per ottenere un permesso di soggiorno.

La polizia di Genova ha dichiarato martedì (1 marzo) di aver scoperto un’organizzazione che avrebbe aiutato gli stranieri a ottenere permessi di soggiorno illegalmente dicendo che stavano gestendo una piccola impresa dal loro luogo di residenza.

Un totale di 175 persone sono state indagate con l’accusa di falsificazione di documenti.

L’indagine è iniziata dopo che diverse domande per avviare un’impresa sono state respinte perché l’alloggio sembrava essere falso.

La polizia ha detto che diverse persone hanno registrato lo stesso indirizzo per la loro attività. Tra gli indirizzi utilizzati c’erano le posizioni dei centri di accoglienza per immigrati che i richiedenti avevano già lasciato al momento della presentazione delle domande, secondo gli investigatori.

Piccole imprese false per rinnovare i permessi di soggiorno?

La polizia ha detto che la maggior parte delle 175 persone indagate aveva depositato la cosiddetta “Scia”, domanda per avviare un’impresa, presso l’ufficio comunale per le attività produttive e poi ottenuto un codice fiscale a valore aggiunto. Secondo quanto riferito, hanno quindi chiesto di registrare la loro attività a Genova e hanno presentato domanda per qualificarsi come piccoli appaltatori.

Gli investigatori hanno affermato che i permessi di soggiorno inclusi nella domanda “Scia” – che sono stati rilasciati nella maggior parte dei casi per motivi umanitari – sono scaduti prima della presentazione della domanda o stanno per scadere.

Gli investigatori affermano che le società sono state registrate solo affinché gli indagati potessero soddisfare i requisiti per ottenere un lavoro o un’attività in Italia al fine di rinnovare il permesso di soggiorno.

READ  "Il re degli assenti": personale ospedaliero italiano assente dal lavoro da 15 anni, ma pagato mensilmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.