I democratici mantengono il controllo del Senato degli Stati Uniti dopo la prevista vittoria in Nevada – Biden si dice “molto felice” | Notizie dagli Stati Uniti

I Democratici manterranno il controllo del Senato degli Stati Uniti dopo la prevista vittoria in Nevada.

L’attuale democratica Catherine Cortez Masto detiene il 48,7% dei voti, uno stretto vantaggio rispetto all’ex procuratore generale repubblicano Adam Laxalt con il 48,2%.

La signora Cortez Masto, 58 anni, ha condotto una pesante campagna sulla questione dell’aborto e ha criticato il signor Laxalt per i suoi legami con le major petrolifere, che negli ultimi mesi hanno registrato profitti record.

Laxalt ha tentato di collegare Cortez Masto alle politiche economiche del presidente Joe Biden, incolpandole sia per l’inflazione che per gli alti prezzi del carburante.

Il risultato elettorale arriva il giorno dopo che il democratico Mark Kelly ha dichiarato la vittoria in Arizona, sconfiggendo lo sfidante repubblicano Blake Masters, che è stato approvato dall’ex presidente Donald Trump, come Laxalt.

Ciò significa che i Democratici hanno 50 seggi al Senato.

Il vicepresidente democratico Kamala Harris può tagliare i legami nella Camera dei 100 membri, il che significa che il partito può assicurarsi vittorie per il presidente Biden.

Ciò sarà particolarmente importante se negli ultimi due anni di mandato di Biden si aprirà un seggio alla Corte Suprema degli Stati Uniti, che attualmente ha una maggioranza conservatrice di 6-3.

Leggi di più:
Il democratico Mark Kelly vince la corsa al Senato in Arizona, con il controllo generale ancora in bilico
Il crescente sostegno ai repubblicani Trump non riesce a decollare
Donald Trump potrebbe presto essere la notizia di ieri mentre i media di destra americani si rivolgono a Ron Dientis

Parlando ai giornalisti in Cambogia prima del vertice dell’Asia orientale, il presidente Biden si è detto “estremamente soddisfatto” dei risultati delle elezioni.

READ  Lo Sri Lanka affronta altre turbolenze mentre il presidente Gotabaya Rajapaksa fugge senza le sue dimissioni | Sri Lanka

Ha detto: “Ora siamo concentrati sulla Georgia. Ci sentiamo bene con chi siamo. So di essere un ottimista arrogante. Lo capisco”.

“Ancora una volta, non sono sorpreso dall’affluenza alle urne. Sono molto felice. Penso che rifletta la qualità dei nostri candidati”.

“Mi sento bene – ha aggiunto – Non vedo l’ora che arrivino i prossimi due anni”.

Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha dichiarato: “Abbiamo ottenuto molto e faremo molto per il popolo americano.

“Il popolo americano ha respinto – completamente respinto – la tendenza antidemocratica, autoritaria, volgare e divisiva che i repubblicani della MAGA volevano cogliere”.

Fai clic per iscriverti a Sky News Daily ovunque trovi il tuo podcast

L’ultimo paese a decidere è la Georgia, dove il 6 dicembre il senatore democratico Raphael Warnock dovrà affrontare il ballottaggio contro il repubblicano Herschel Walker.

Tuttavia, la Camera dei rappresentanti da 435 seggi rimane in bilico.

I repubblicani sono in vantaggio, ma i voti sono ancora contati in molte gare, comprese molte in California con tendenze liberali.

Se i Democratici possono vincere alla Camera, significherebbe il controllo completo del Congresso per i Democratici – e un’altra opportunità per far avanzare le priorità di Biden.

Al partito mancano ancora i 60 voti al Senato necessari per innescare molti tipi di grandi cambiamenti legislativi.

La performance inaspettata dei democratici lascerà i repubblicani a rivalutare le relazioni con Trump

Si dice che le elezioni di medio termine siano un referendum sul successo o meno del presidente in carica e dei suoi primi due anni alla Casa Bianca.

Il tasso di approvazione del presidente Biden è sott’acqua, l’inflazione è alle stelle e sbaglia quasi ogni volta, quindi il successo dei candidati democratici non ha senso quando si applicano le regole normali.

READ  La Cina ostenta aerei un tempo segreti in una chiara dimostrazione della sua potenza militare | notizie dal mondo

Ma non si trattava di elezioni ordinarie.

Un modo per interpretarlo è vederlo, invece, come un referendum sulla politica di estrema destra dei candidati Make America Great Again reclutati, in alcuni casi, e approvati dall’ex presidente Donald Trump.

Prendiamo, ad esempio, Adam Laxalt, il repubblicano sconfitto nella corsa cruciale per il Senato del Nevada, membro pienamente motivato dalla disapprovazione elettorale promossa da Trump.

Non c’era alcun “metodo di calcolo” che potesse perdere, ha detto il senatore repubblicano Lindsey Graham, e potrebbe aver dimenticato di includere gli elettori privilegiati nella sua equazione.

In tutto il paese e su e giù per le schede elettorali – con poche, ma non molte, eccezioni – gli elettori hanno rimproverato Trump.

Da Mehmet Oz, il famoso medico televisivo che è stato picchiato in Pennsylvania, all’antiabortista Wesley Vega che è stato picchiato in una corsa importante in Virginia, l’onda rossa che il Partito Repubblicano si aspettava non era quella che era stato il Partito Repubblicano in attesa e ora devono decidere se continuare ad allearsi con il presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.