I cubani protestano contro le interruzioni di corrente quattro giorni dopo l’uragano Ian | Cuba

Quattro giorni dopo l’uragano Ian di categoria 3, le proteste sono scoppiate in vari punti Cuba A causa della mancanza di elettricità dopo il temporale.

Alex Bandrich, 35 anni, un grafico con un Chihuahua, Ritchie in mano, sabato sera era a una protesta con più di 100 persone su una strada principale nel quartiere dei tacchi alti del Vedado.

“Non ho avuto una luce in casa mia negli ultimi cinque giorni”, ha detto. Ho perso il cibo, anche se ne ho tenuto un po’ a casa di un amico [with power]Ho dovuto portare mia figlia a casa di mia suocera.

A causa della tensione in cui si trovano le persone senza potere, l’atmosfera alla protesta del Vedado era calma. La polizia non ha interferito con la manifestazione e non ci sono stati arresti. Invece, lo stato ha scelto di inviare funzionari, accompagnati da membri del partito, a parlare con i manifestanti.

Maria Perez, che sapeva di essere una cittadina qualunque, ha detto di essere venuta a parlare con i manifestanti per difendere la “rivoluzione”. “Ogni volta che penso che il progetto sociale che abbiamo creato sia in pericolo, sarò qui”, ha detto.

Le tattiche dei manifestanti rimangono creative, creando un dilemma per lo stato: ci sono state segnalazioni di persone in fila per strada per bloccare il traffico fuori dal principale stadio di baseball della capitale; A East Havana, altri hanno posizionato massi fuori da una fermata dell’autobus, dicendo che non lasceranno passare il trasporto fino a quando non verrà ripristinata l’energia elettrica.

Le autorità statali affermano che l’autorità – che è emersa dopo Cuba L’uragano Ian La maggior parte di loro è tornata nella capitale a partire da venerdì pomeriggio.

READ  Nikki ha accusato Haley di ipocrisia per aver pubblicato una foto sul lungomare dopo l'attacco del Memorial Day a Kamala Harris

Dopo l’uragano, sono state segnalate proteste nella città occidentale di Matanzas e nella città orientale di Holguín.

Il giovedì e il venerdì sera a Cuba non c’era Internet. Non è chiaro se questo sia stato coordinato dal governo per rendere più difficile l’organizzazione delle proteste (come in precedenza) o se l’interruzione di Internet sia stata causata dal blackout della tempesta. Internet funzionava principalmente il sabato sera.

Il governo cubano cerca regolarmente di distinguere tra le proteste “legittime” dei cittadini onesti, e le proteste “controrivoluzionarie”, solitamente sostenute dagli Stati Uniti, che impongono sanzioni al Paese. Mentre il primo è sancito dalla costituzione del paese del 2019, il governo afferma che non tollererà il secondo. La discriminazione, tuttavia, spesso si rompe nella pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.