I corridori di Sidecar che si sono schiantati ad Ago’s Leap si tenevano l’identità l’uno dell’altro

Ulteriori dettagli vengono aperti sul caso di identificazione errata

Uno dei concorrenti francesi uccisi in un incidente al TT di quest’anno aveva la carta d’identità del suo compagno di squadra quando il loro sidecar si è schiantato.

Il 32enne Cesar Chanal è morto sulla scena dell’Ago’s Leap, in Quarterbridge Street a Douglas, il 4 giugno durante la prima gara laterale; Ha subito più ferite.

Un’inchiesta sulla sua morte è stata aperta e aggiornata oggi alla Douglas Court House (17 giugno) con l’investigatrice investigativa Jane Hughes che descrive come l’identificazione del signor Chanal “non fosse in alcun modo chiara”.

Si segue quindi un caso di errore nell’identificazione Segnalato erroneamente agli organizzatori della gara È stato il passeggero laterale del signor Chanel Olivier Laforel che è morto sulla scena.

La corte ha sentito che i due uomini sono stati portati al Nobel Hospital dopo l’incidente con la bandiera rossa: uno all’obitorio e l’altro al pronto soccorso.

Una dichiarazione dell’operatore funerario che ha aiutato a identificare il defunto ha affermato di aver incontrato qualcuno che aveva subito “traumi catastrofici”.

Dopo aver perquisito le sue pelli, ha trovato un’unica piastrina metallica, nella tasca, che mostrava il nome “Olivier Lavorel” e la scritta “francese” – non c’erano altri riferimenti identificabili.

Una dichiarazione di un consulente che lavora nel pronto soccorso ha affermato che anche il personale medico ha lottato per identificare il pilota che stavano curando per il trauma.

Anche lui non indossava nulla di riconoscibile, ma hanno trovato una medaglietta nascosta nella sua pelle con la scritta “Cesar Chanel”.

L’uomo in condizioni critiche, che in seguito si è rivelato essere il signor Lavorelle, è stato portato in ospedale nel Regno Unito per le cure.

READ  L'ambasciata della tenda indigena condanna i manifestanti che hanno dato fuoco al vecchio edificio del parlamento | Canberra

Tre giorni dopo, un impiegato dello stadio ha espresso preoccupazione per una possibile identificazione errata dopo che un casco è stato recuperato dalla scena e sono state riviste le riprese video dell’incidente.

La corte ha anche sentito come la madre di César Chanal sia andata all’ospedale di Walton per stare con suo figlio solo per scoprire che il paziente affidato alle loro cure era il signor Laforel.

Anche il parente di Lavorel si recò sull’isola e disse alle autorità razziali che avrebbero potuto identificare gli uomini per i capelli poiché il signor Lavorelle aveva i capelli corti mentre il signor Chanal li aveva lunghi.

Entrambi gli uomini avevano gruppi sanguigni diversi.

Sono state effettuate chiamate al Walton Hospital dove il personale medico ha confermato il gruppo sanguigno del paziente e che i suoi capelli erano corti.

La corte ha sentito le piastrine utilizzate a fini di identificazione, devono essere indossate intorno al collo e i cavalieri sono tenuti, secondo il regolamento di gara, a dimostrarlo durante il processo di pagaiata.

Una dichiarazione del meccanico del team francese ha affermato che il duo di sidecar non aveva le catene d’identità, e quindi le ha riposte nelle tasche di pelle, aggiungendo di non averle mai sentite discutere del loro scambio.

La signora Hughes ha detto che identificare i due uomini è stato “estremamente difficile” e che l’identificazione iniziale, sebbene fatta “in buona fede”, era sbagliata.

Ha aggiunto che “non c’erano prove sufficienti”, a questo punto, per determinare il motivo per cui i motociclisti non avevano le loro carte d’identità e ha esortato le persone a non speculare sull’incidente sui social media.

READ  La Grecia non sarà una "porta d'accesso" verso l'Europa per gli afghani in fuga dai talebani, dicono i funzionari | sviluppo globale

Dopo aver consegnato il corpo del signor Chanal alla sua famiglia in modo che potessero essere presi i preparativi per il funerale, ha confermato che un’indagine completa sulla sua morte sarebbe avvenuta in un secondo momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.