I 5 migliori posti dove mangiare pizza a Napoli, Italia

La pizza ha una lunga storia a Napoli, in Italia. C’è una famosa leggenda sulla regina d’Italia durante la visita nel 1889. La regina Margherita si fermò in una pizzeria e Pizza (Pizzaiolo) voleva impressionarlo. Prepara una pizza con i colori della nuova bandiera italiana: salsa di pomodoro rossa, mozzarella bianca e foglie di basilico verde condite con olio d’oliva. Fu un grande successo e nacque la Pizza Margherita.

Dopo la seconda guerra mondiale, la pizza era un lusso che pochi potevano permettersi. Durante la guerra a Napoli i forni per pizza furono distrutti o demoliti per essere rottamati e la legna era difficile da reperire. Ma l’olio d’oliva era abbondante. Un’altra tradizione della pizza, la pizza frita, è diventata popolare. La pizza fritta è un impasto per pizza che viene fritto in olio bollente e farcito o ricoperto di ingredienti.

Vedrai la pizza in tutta Italia oggi, ma la pizza napoletana è in un campionato a parte. È uno degli alimenti più popolari nel paese. Si stima che gli italiani consumino la pizza almeno una volta alla settimana. posso vedere perché; È un pasto delizioso ed economico.

In una grande città come Napoli non è difficile trovare pizzerie. Ho parlato con uno chef locale che mi ha consigliato cinque ristoranti tra i migliori della città – e ovviamente li ho provati. Non è in un ordine particolare, ma i visitatori a Napoli, in Italia, non dovrebbero perderlo.

Fatti importanti su Napoli e la pizza Fritta

La Pizza Napolitana ha dal 2010 un rating speciale. È certificata STG (specialità tradizionale garantita, o “specialità della tradizione garantita”), ovvero gli ingredienti, la forma e la preparazione dell’impasto sono soggetti al controllo di legge. L’Associazione Verace Pizza Napoletana garantisce standard elevati, garantendo la qualità della sua classificazione di pizza napoletana.

READ  WWE SmackDown Scores, Summary, Scores: Roman Reigns, Jey Uso Continue Attacks on Kevin Owens

La pizza napoletana inizia con pomodori San Marzano locali e mozzarella fresca (o fior di latte o mozzarella di bufala), basilico e olio extravergine di oliva. Vengono cotti in un forno per pizza napoletano a legna per 60-90 secondi. La crosta dovrebbe essere gommosa, gonfia e avere una bella carbonella. Gli ingredienti freschi tendono ad essere acquosi, quindi mangia al ristorante per la migliore esperienza. La pizza viene servita su un piatto e non è pretagliata; Usa un coltello e una forchetta per tagliare o affettare i pezzi e piegarli a metà per gustarli.

La pizza fritta è un impasto per pizza che viene fritto e poi farcito o ricoperto. Le dimensioni variano da piccoli o grandi dischi sporgenti a una massiccia mezzaluna che si sovrappone a una lamina. La forma a metà è caricata con formaggio e carni opzionali.

1. Antica Pizza Fritta da Zea Estrina Sorbillo

questo è Pizza Antica La vetrina di solito ha delle file che si estendono all’esterno del piccolo negozio in Piazza Trieste e Trento. E’ in attività dal 1935 ed è ancora famosa per la sua tradizionale pizza frita. Quando entri nel negozio, noterai la pizza che fa gli ordini da zero, friggendola dietro una vetrata. I clienti leggono la shortlist (cinque articoli), ordinano e pagano all’interno. Quindi aspetti fuori, seduto a un tavolo, oppure puoi stare vicino al negozio per prendere una pizza fritta calda al volo.

Onestamente, abbiamo provato pura gioia quando abbiamo ricevuto questa calda mezzaluna di bontà. È arrivato in un foglio in modo da poter gestire la pizza frita, che si accende quando esce dall’olio (ma non è unta). Ne abbiamo diviso uno (la quantità perfetta) perché avevamo programmato di mangiare la pizza tutto il giorno.

READ  Date del tour di Bruce Springsteen nel Regno Unito: come ottenere i biglietti per il tour di Bruce Springsteen nel Regno Unito, inclusa Edimburgo

La nostra scelta è stata farcita con pomodorini, ricotta, mozzarella affumicata, pepe nero e ciccioli di maiale. C’è anche manzo, salame, maiale o vegetariano (solo formaggio). Abbiamo pagato circa quattro dollari per una pizza frita, il che era fantastico. Abbiamo anche peroni, una birra italiana, da portare con il nostro cibo.

Pizzaioli al Ristorante Starita

Il pizzaiolo sta lavorando sodo davanti al forno a legna del Ristorante Starita

Credito immagine: Janine Consoli

2. Starita

starita È una pizzeria, ma nasce come azienda vinicola nel 1901 dal fondatore Alfonso Staretta. Negli anni ’40 sotto Giuseppe Starita il locale era una trattoria/pizzeria/frigittoria. Frigitoria è un ristorante che prepara fritti. Negli anni ’50 era meglio conosciuto come l’ambientazione (anche i pizzaiolo erano attori) per un film italiano interpretato da Sophia Loren, Loro di Napoli. Nel film, Lauren interpreta un adorabile pizzaiolo pazzo.

Il film ha reso il ristorante un punto di riferimento, ma il proprietario di terza generazione, Antonio Staretta, ha spostato l’attenzione sulla produzione della migliore pizza napoletana. Questa tradizione continua ancora oggi con il figlio Giuseppe, quarta generazione della famiglia Starita. La pizza napoletana tradizionale e la pizza speciale sono disponibili con molti condimenti nel menu e ora è disponibile una crosta senza glutine.

Questa pizzeria si trova nel quartiere Materde ed è molto frequentata. Potresti dover aspettare un tavolo, ma ordina la pizza da portare via; Chiedi loro di tagliarlo per te. Starita è nota per la sua ottima pizza così come per i suoi antipasti, come i fiori di zucca ripieni. I fiori sono tradizionalmente ripieni di ricotta, immersi nella pastella e fritti.

Da quando è entrato in carica, Giuseppe ha continuato la tradizione della pizza fritta. Ha creato una specialità fatta in casa in cui la pizza viene fritta e poi infornata con condimenti. Abbiamo dovuto provarlo, così abbiamo ordinato una margherita con mozzarella di bufala. Sembrava una piccola pizza rotonda e la crosta era croccante e gonfia allo stesso tempo. La salsa e la mozzarella erano molto fresche, il tocco unico di frittura e cottura era delizioso.

Pizza Margherita al Da Michele, calda dal forno a legna

Pizza Margherita al Da Michele, calda dal forno a legna

Credito immagine: Janine Consoli

3. L’antica Pizzeria Da Michele

La pizza di Da Michele In Via Cesare Sersale si trova la pizzeria napoletana più autentica della città. Via Cesare Sersale è la seconda location dalla sua fondazione nel 1870. Viene chiamato il “Tempio della Pizza” ed è l’ambientazione della scena della pizza con Julia Roberts nel film Tutti pregano amore. I ritratti di lei e di altre celebrità adornano le pareti all’interno.

Quando vai, preparati ad aspettare, ma ne vale la pena. Cammini verso l’host, dai loro il tuo nome e ti danno un biglietto e un tempo di attesa stimato. Se non vedi l’ora di un tavolo, ordina la tua pizza, poi mangiala stando in piedi a uno dei tavoli fuori. Qui assaporerete la pizza margherita e marinara sapientemente preparata. Nessun altro articolo di pizza servito.

Da Michele ha una stella Michelin perché questo locale ama la tradizione. Questa azienda familiare di cinque generazioni prende molto sul serio il suo mestiere. Gli ingredienti provengono dai migliori fornitori campani e le tecniche sono state apprese dal fondatore, Michel Kondoro, un maestro pizzaiolo che ha trasmesso queste abilità a lui e ai loro figli. Il ristorante produce solo due tipi di pizza napoletana per garantire che la qualità degli ingredienti e delle tecniche soddisfino gli standard STG. Siamo arrivati ​​proprio all’ora di pranzo in un giorno feriale e la coda era lunga. Abbiamo ordinato dei pancake da mangiare in piedi ai tavoli fuori. Ho guardato all’interno della piccola sala da pranzo e ho spiato il forno originale e l’esperto pizzaiolo. Le frittelle esterne erano meravigliose. Quando abbiamo ricevuto i nostri pancake, ci siamo subito immersi per non lasciarli riposare troppo a lungo. È stato all’altezza del clamore e abbiamo mangiato ogni fetta. È il paradiso della pizza in questo tempio.

Salvatore Olivia fa la pizza a Napoli

Salvatore Olivia prepara la pizza marinara nella sua pizzeria a Napoli

Credito immagine: Janine Consoli

4. La pizza di Oliva da Carla e Salvatore

Pizza Oliva da Carla e Salvatore È uno dei locali preferiti dall’altra parte della strada rispetto alla Chiesa della Salute di Santa Maria e vicino alle Catacombe di San Gaudioso. L’azienda a conduzione familiare offre una varietà di diversi tipi di pizza, comprese le opzioni vegetariane. Salvatore ei suoi due figli adolescenti lavorano con lui e insegnano loro come fare un’ottima torta.

Oliva’s Pizza è un ristorante informale con molti posti a sedere. Quando siamo arrivati ​​nel tardo pomeriggio non c’erano code e Salvatore stava facendo la pizza dietro il bancone. Abbiamo deciso di confrontare la versione marinara con la versione Da Michele e l’abbiamo messa al lavoro. Una torta alla marinara contiene pochi ingredienti: pomodori San Marzano freschi schiacciati in una salsa o condimento, olio d’oliva e basilico. Il risultato è stato delizioso e semplice e la crosta era sottile e croccante all’Oliva’s Restaurant. Non c’è nessun posto dove nascondersi con questa torta, quindi tutto deve essere perfetto, ed è stato.

Stracciata Pizza Fritta della Cucina Moderna di Isabella De Cham

Stracciata Pizza Fritta della Cucina Moderna di Isabella De Cham

Credito immagine: Janine Consoli

5. La pizza di Isabella de Cham Fritta

Isabella de Cham Si è diplomata in cucina nel 1993. Dopo aver collaborato con alcune delle migliori pizzerie, ha aperto il suo locale nel 2018. Non tradizionale, ha trasformato nel suo negozio la scena della pizza napoletana in un mondo moderno. Il menu offre un’interpretazione della classica pizza fritta e al forno e comprende opzioni vegetariane e vegane. Ha un secondo sito senza glutine.

Isabella impiega prevalentemente donne nella sua moderna pizzeria. Sono conosciuti per le loro pizze frita ripiene e coperte ma fanno anche pizze tradizionali. Dovevamo provare la Stracciata: una pizza frita con prosciutto, stracciatella di bufala e parmigiano su un disco fritto. E abbiamo ordinato la pizza Nirano, che consisteva in crema di zucchine sulla crosta e zucchine fritte e provolone sopra. Entrambi erano eccezionali e abbiamo apprezzato ogni boccone elevato dell’insolita versione dello chef del moderno cibo di strada napoletano.

Suggerimenti professionali: Abbiamo visitato Napoli due volte, una nei giorni feriali e una la domenica. Napoli è una città frenetica durante la settimana, quindi la domenica è un giorno perfetto per godersi il girovagare per le strade e cenare nel tempo libero.

Ecco di più per la tua vacanza italiana:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.