Ho parlato con Lozowski e Lynagh della selezione italiana

Kieran Crowley: Ho parlato con Alex Lozowski e Louis Lynagh della selezione italiana

Kieran Crowley dice di aver parlato con Alex Lozowski e Louis Lynagh della possibilità che giochino per l’Italia.

Le nuove regole di ammissibilità internazionale significano che Lozowski, che in precedenza ha giocato per l’Inghilterra, può competere per l’Italia. I giocatori possono cambiare squadra internazionale solo una volta e ci deve essere un periodo di sospensione di tre anni. L’uomo dei Saraceni è in grado di giocare per la Nazionale tramite un nonno italiano.

Mentre parlare con Lynagh della selezione italiana è più semplice. Deve ancora essere convocato a livello internazionale e deve affrontare una scelta poiché si qualifica per l’Inghilterra (tramite la residenza), l’Australia (tramite suo padre) e l’Italia (tramite sua madre). Paolo Odogwu è un altro giocatore che potrebbe potenzialmente giocare per l’Italia in futuro.

“Sono stato in contatto. Non sono stato personalmente in contatto con Paolo ma è stato contattato”, ha detto Crowley al lancio del Sei Nazioni. “Gli altri due [Lozowski and Lynagh] Ho parlato personalmente. Hanno preso decisioni in questo momento che rispetto. Li appoggio. Mi terrò in contatto con loro. Ma certamente se fossero disponibili, certamente li esamineremmo. Sono tutti giocatori di qualità.

“Manterremo aperte le linee di comunicazione. Non solo con quei tre, ma ce ne sono anche molti altri. ”

Cosa ha detto Crowley sulla retrocessione del Sei Nazioni?

Crowley ha anche detto che sarebbe aperto alla retrocessione e alla promozione nel Sei Nazioni. L’Italia ha avuto 32 sconfitte consecutive nel torneo, il che ha portato alla discussione se altri paesi dovrebbero avere la possibilità di giocare nell’evento.

READ  Italian Conflict annuncia l'uscita dalla stagione, prendendo in giro gli eventi ufficiali fuori stagione di Crossfit

Ha aggiunto: “Eviterebbe che le persone parlino della nostra retrocessione, tanto per cominciare. Questa è una visione personale. Potrei essere fuori linea con questo, ma il rugby si sta evolvendo. Aggiungerà un tocco in più alla concorrenza? Ha bisogno di spezie extra?

“Cosa farebbe al rugby italiano? Potrebbe aiutarlo. Potresti iniziare a ottenere più vittorie. Improvvisamente prendi più fiducia e vieni promosso di nuovo. Poi perché hai vinto sai come vincere.

“Non puoi vincere se non sai come farlo. L’Italia ha la situazione con risultati che non sappiamo come vincere”.

In un recente podcast per I tempi, Franco Smith, direttore delle prestazioni dell’Italia, ha anche affermato: “C’è una cosa nel rugby: l’orgoglio. E l’Italia è una nazione molto orgogliosa.

“Sappiamo tutti che è una spina dorsale nella nostra carne e posso parlare per tutti in Italia – e include gli allenatori a livello di franchigia, il livello di Top Ten, l’intera Federazione – è davvero difficile sbarazzarsi di questa scimmia sul nostro indietro. “

In seguito ha aggiunto: “Non è una novità che non stiamo vincendo. A volte quella vittoria ogni quattro anni ci ha tolto temporaneamente la scimmia, ma vogliamo essere più coerenti con le nostre prestazioni, vogliamo essere competitivi sul tabellone dei punteggi settimana dopo settimana. L’Italia dominerà il Sei Nazioni? Probabilmente no. Ma possiamo essere molto più competitivi, vincere più partite e costantemente ogni anno essere migliori nel nostro prodotto sul campo e anche nel nostro approccio mentale? Decisamente.

READ  Data della partita, ora del calcio d'inizio, canale TV e pronostico

“C’è un’enorme quantità di crescita che accadrà. Vorremmo vincere due o tre partite. Vorremmo essere la squadra da battere”.

Scarica l’edizione digitale di Rugby World direttamente sul tuo tablet o abbonati all’edizione cartacea per ricevere la rivista direttamente a casa tua.

Segui Rugby World su Facebook, Instagram e Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.