Guerra in Ucraina: Onu, Croce Rossa chiedono indagini sui decessi dei prigionieri di guerra, secondo la Russia | notizie dal mondo

La Russia ha chiesto alle Nazioni Unite e alla Croce Rossa di indagare sulla morte di decine di prigionieri di guerra ucraini.

I separatisti sostenuti da Mosca stavano tenendo prigionieri in una prigione nella città orientale di Olinivka, a Donetsk, quando è stata colpita da razzi all’inizio di venerdì.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che 50 prigionieri sono stati uccisi e 73 feriti, aggiungendo di voler lavorare “per un’indagine obiettiva” sull’attacco.

Sostiene che i soldati ucraini abbiano utilizzato un sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS) di fabbricazione statunitense per prendere di mira la prigione.

“La responsabilità politica, penale e morale ricade sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky, sul suo regime criminale e su Washington, che li sostiene”, ha affermato il portavoce del ministero, il tenente generale Igor Konashenkov.

Ma l’Ucraina ha detto che l’artiglieria russa era dietro l’attacco e l’ha usata per nascondere i maltrattamenti dei prigionieri.

“E’ stato un deliberato crimine di guerra russo, l’omicidio di massa premeditato di prigionieri di guerra ucraini”, ha detto Zelensky.

“Ci dovrebbe essere un chiaro riconoscimento legale della Russia come stato sponsor del terrorismo”.

Iscriviti al diario di guerra in Ucraina su Podcast di AppleE il google podcastE il spotify E il Altoparlante

Le Nazioni Unite e la Croce Rossa sono pronte a recarsi sul luogo dell’attacco al carcere

Secondo i rapporti, tra i morti c’erano soldati ucraini che sono stati catturati a maggio in seguito La caduta di MariupolÈ una città portuale del sud dove sono famosi per aver resistito all’assedio russo durato mesi.

Le Nazioni Unite avevano detto in precedenza di essere pronte a inviare esperti per indagare sull’attacco al carcere se le due parti fossero d’accordo.

READ  L'incendio di Caldor in California brucia 100.000 acri mentre prende d'assalto le piccole città | Crisi climatica nel West americano

Il Comitato internazionale della Croce Rossa ha affermato di aver chiesto l’ammissione in carcere “per accertare la salute e le condizioni di tutte le persone presenti sul luogo al momento dell’attacco”.

“La nostra priorità ora è garantire che i feriti ricevano cure salvavita e che i corpi di coloro che hanno perso la vita siano trattati in modo dignitoso”, ha aggiunto.

attacchi notturni

Nel frattempo, la Russia ha lanciato attacchi notturni su diverse città ucraine.

I missili hanno colpito una scuola a Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, con un altro attacco circa un’ora dopo.

Il sindaco Ihor Terekhov ha detto che non ci sono notizie di feriti.

L’amministrazione distrettuale ha detto che una persona è stata uccisa e sei feriti nel bombardamento di una zona residenziale a Mykolaiv, nel sud.

Secondo il sindaco della città, Vadim Lyach, è stata bombardata anche una stazione degli autobus a Sloviansk.

Leggi di più:
Zelensky ordina l’evacuazione obbligatoria della regione di Donetsk mentre i combattimenti si intensificano

Le forze russe si impossessano della principale centrale elettrica e spingono più truppe a sud
Ex giornalista televisivo condannato per “diffamazione” delle forze armate russe

Grazie a coloro che hanno ospitato i profughi ucraini

Nel frattempo, le persone nel Regno Unito che hanno ospitato più di 100.000 ucraini durante il conflitto riceveranno una lettera di ringraziamento dai governi ucraino e britannico.

I messaggi arriveranno dall’ambasciatore dell’Ucraina nel Regno Unito Vadim Prystaiko e dal ministro per i Rifugiati Lord Harrington, elogiando le famiglie per il loro contributo alla “più grande offerta del Regno Unito per aiutare le persone in fuga dalla guerra dal 1945”.

READ  Incendio traghetto filippino: almeno sette morti, oltre 120 soccorsi dopo l'incendio | notizie dal mondo

Circa 104.000 persone sono arrivate in Gran Bretagna dal lancio dei programmi di visto per l’Ucraina a marzo – 31.300 nell’ambito del programma per la famiglia e 72.700 nell’ambito del programma di sponsorizzazione domestica per l’Ucraina.

Ci sono state quasi 200.000 domande, il che significa che più della metà di coloro che hanno presentato domanda sono arrivate nel Regno Unito.

Il messaggio dovrebbe dire: “Avete salvato vite, dato speranza e fornito rifugio ai più bisognosi.

Questa rappresenta la più grande offerta di assistenza del Regno Unito alle persone in fuga dalla guerra dal 1945”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.