Gli uomini più ricchi del mondo raddoppiano la loro ricchezza in tre anni – Oxfam avverte il primo miliardario | notizie dal mondo

Il capo di Oxfam afferma che è “del tutto inaccettabile” che una persona sia diventata così vicina a diventare schifosamente ricca mentre così tante persone nel mondo vivono ancora in estrema povertà.


Lunedì 15 gennaio 2024 alle 02:41, Regno Unito

Secondo Oxfam, le fortune dei cinque uomini più ricchi del mondo sono più che raddoppiate raggiungendo i 688 miliardi di sterline in tre anni, mentre le fortune del 60% più povero della popolazione sono in calo.

Secondo lei, il primo trilionario potrebbe emergere entro un decennio, ma la povertà non sarà sradicata prima di 229 anni.

Il rapporto dell’organizzazione benefica Inequality Inc, arriva mentre leader politici e imprenditoriali si incontrano al World Economic Forum nella lussuosa località sciistica svizzera. Davos.

Questa occasione viene solitamente utilizzata per evidenziare il divario tra ricchi e poveri, ma quest’anno afferma che il divario è diventato “molto accentuato” dallo scoppio della pandemia.

Patrimonio netto del CEO di Tesla Elon muschioBernard Arnault – proprietario dell'azienda di beni di lusso LVMH, fondatore di Amazon Give BezosSecondo Oxfam, le azioni di Oracle Larry Ellison e dell’esperto di investimenti Warren Buffett sono aumentate del 114% in termini reali dal 2020.

Si dice che la loro ricchezza collettiva sia aumentata da 321 miliardi di sterline a 688 miliardi di sterline.

Si stima che il solo muschio valga circa 180 miliardi di sterline, secondo la lista di Forbes Oxfam utilizzato per i suoi calcoli.

Tuttavia, Oxfam afferma che i 4,7 miliardi di persone che costituiscono il 60% più povero della popolazione mondiale sono diventati più poveri dello 0,2% in termini reali, con molti paesi incapaci di fornire aiuti umanitari. Malattia di coronavirus Sostegno finanziario ai paesi ricchi.



immagine:
Davos ospita ancora una volta il famoso vertice economico annuale

Il capo ad interim dell’ente di beneficenza afferma che la prospettiva di un trilionario nei prossimi 10 anni – quando la povertà potrebbe richiedere più di 200 anni per essere risolta – è “del tutto inaccettabile”.

READ  Volodymyr Zelensky descrive la spedizione di grano come un "segnale positivo", ma fornisce una dura verità

“Questo divario crescente tra i ricchi e il resto di noi non è né casuale né inevitabile”, ha detto Aleema Shivji.

“I governi di tutto il mondo stanno facendo scelte politiche deliberate che consentono e incoraggiano questa distorcente concentrazione della ricchezza, mentre centinaia di milioni di persone vivono in povertà.

“Un'economia più giusta è possibile, e un'economia che funzioni per tutti noi. Ciò che serve sono politiche coordinate che forniscano tasse più giuste e sostegno a tutti, non solo ai ricchi.”

Questa è un'edizione limitata della storia, quindi sfortunatamente questo contenuto non è disponibile.

Sblocca la versione completa

Per saperne di più:
Cos’è Davos e cosa sta succedendo lì?
L’enorme impronta di carbonio dei miliardari spinge ad un invito all’azione

Oxfam spera che il suo rapporto aiuti a fare pressione sui decisori di Davos affinché partecipino al vertice, che si terrà dal 15 al 19 gennaio.

Tra i presenti ci sono il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, il nuovo presidente argentino Javier Miley, il premier cinese Li Qiang e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Oxfam vuole che i governi limitino il potere delle imprese attraverso misure come la rottura dei monopoli, il contenimento dei salari dei datori di lavoro e l’imposizione di tasse più elevate sui profitti e sulla ricchezza in eccesso.

Sta inoltre spingendo per alternative al modello azionario, come forme di azionariato dei dipendenti e società di commercio più equo e solidale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *