Gli ucraini si stanno preparando per una feroce battaglia per riprendere il controllo di Kherson

Il barman in prima linea si è rivelato Mykolaiv Dovrebbe essere scaduto ore fa.

Il soldato ucraino, vestito con una tuta di gelatina mimetica e armato con un AK-47, è rimasto al suo posto per 24 ore.

I proiettili russi cadono su Lyubomyrivka, a nord-est di Mykolaiv, tre o quattro volte al giorno. Il caldo estivo è rigido.

Ma la carenza di soldati e il pericolo di spostarsi avanti e indietro lasciano il 31enne, noto come il segnale di chiamata, in prima linea giorno e notte.

In queste condizioni stressanti, Barman ei suoi colleghi della 63a Brigata hanno condotto operazioni per scacciare la Russia, mentre si preparavano per un contrattacco in cui l’Ucraina avrebbe dovuto spostarsi su Kherson, la sua prima grande città situata. Mani russe.

“La situazione è molto difficile e il bombardamento è intenso qui”, ha detto Barman, 31 anni.

Stiamo combattendo l’artiglieria. L’artiglieria ci bombarda e basta, è così che combattiamo. Non si avvicinano al combattimento ravvicinato, ma sparano con l’artiglieria. ”

A causa della natura delicata dell’operazione a Mykolaiv, i soldati erano limitati ai dettagli che potevano condividere con i giornalisti.

Nelle ultime settimane, le spedizioni di artiglieria a lungo raggio fornite dall’Occidente hanno aiutato le forze ucraine a riconquistare il territorio nella regione meridionale di Kherson.

READ  L'eruzione del vulcano La Palma dichiarata terminata dopo tre mesi di distruzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.