Gli Stati Uniti sconfiggono l’Italia e conquistano il primo trofeo dello United

stagione aperta:
Dopo aver terminato una serie di sconfitte nelle finali con la vittoria su Noskova ad Adelaide, la numero 5 del mondo Sabalenka si è detta “pronta a combattere alla grande” a Melbourne.

Il numero 9 del mondo, Taylor Fritz, ieri ha sfidato l’italiano Matteo Berrettini con una prestazione formidabile, guidando gli Stati Uniti al loro primo titolo a squadre miste della United Cup a Sydney.

Frances Tiafoe e Jessica Pegula hanno entrambe vinto il loro singolare portando il loro paese in vantaggio per 2-0 in un pareggio al meglio delle cinque con Fritz che ha vinto 7-6 (7/4), 7-6 (8/6) .

“È fantastico che la squadra abbia vinto questo evento, siamo venuti con grandi speranze”, ha detto Fritz. “Sono davvero felice di poter decidere la partita. Le sensazioni quando vinci sono incredibili”.

Foto: Reuters

“Abbiamo avuto molti legami di gruppo questa settimana”, ha aggiunto. “Quando uniamo ragazzi e ragazze degli Stati Uniti, andiamo più in profondità nella classifica e questo rende la squadra molto più forte”.

Gli Stati Uniti hanno battuto 5-0 la Polonia dominatrice di Iga Swiatek diventando la squadra decisiva del nuovo torneo – che è iniziato con 18 nazioni che si sono affrontate nei gironi all’italiana a Perth, Brisbane e Sydney – mentre l’Italia ha battuto la Grecia di Stefanos Tsitsipas 4-1.

Pegula, numero 3 del mondo femminile, entrata nella top 10 l’anno scorso con una vittoria al Guadalajara Open di Akron, ha vinto 6-4, 6-2 contro Martina Trevisan.

Foto: AFP

Tiafoe ha poi condotto nel primo set 6-2 contro Lorenzo Musetti prima che l’italiano si ritirasse per un infortunio alla spalla destra.

READ  Napoli-Liverpool: Arthur si prepara all'esordio dei Reds nel Gruppo A di Champions League

“Sicuramente molto rilassato, prima partita della giornata, prima partita della finale”, ha detto Pegula.

Tiafoe ha ripreso da dove Pegula aveva interrotto, rompendo il servizio di Musetti all’inizio, salvando tutte e tre le palle break che ha affrontato.

Foto: Reuters

L’italiano si è sempre più toccato la spalla destra con l’usura prima di ricevere il trattamento e lo ha descritto come un giorno alla fine del set.

“Ho pensato che fosse un livello davvero alto… ovviamente alla fine ho potuto vedere che si stava toccando molto la spalla”, ha detto Tiafoe. “Non volevo vincere così. Spero che Lorenzo si senta meglio”.

Adelaide Internazionale

Foto: Reuters

AFP, Adelaide, Australia

Aryna Sabalenka ha dichiarato ieri di essere pronta per una “grande lotta” agli Australian Open dopo aver sparato un colpo di avvertimento vincendo il suo primo titolo dal 2021 all’Adelaide International.

La numero cinque del mondo ha messo fine a una serie di tre sconfitte consecutive nelle finali WTA con una vittoria per 6-3, 7-6 (7/4) sull’astro nascente ceco Linda Noskova in condizioni afose di 36°C.

Il doppio fallo bielorusso ha sbagliato il primo dei suoi tre match point, ma ha servito più di un servizio vincente nel secondo per concludere il pomeriggio.

L’ultima volta ha vinto un trofeo al Madrid Masters nel maggio 2021 ed è ottimista riguardo alle sue possibilità agli Australian Open dopo la sua settimana nel South Australia.

“Mi sento pronta a dare il massimo. Sono pronta a fare una grande battaglia”, ha detto.

Nel frattempo, la testa di serie Novak Djokovic ha salvato un match point ed è stato costretto al limite mentre ha tenuto a battere Sebastian Korda 6-7 (8/10), 7-6 (7/3), 6-4.

READ  I marcatori africani guidano il campionato italiano

Il 21 volte vincitore del Grande Slam ha avuto bisogno di più di tre ore per imporre la sua autorità sul suo avversario americano non classificato, il figlio dell’ex numero due del mondo Petr Korda.

In tal modo, Djokovic ha esteso la sua striscia di imbattibilità in Australia a 34 partite consecutive e ha vinto la sua quinta finale consecutiva a Tel Aviv lo scorso anno.

Classico di Oakland

AFP, Auckland, Nuova Zelanda

Ieri la testa di serie Coco Gauff ha unito la sua pazienza con il suo potere commerciale per vincere la finale dell’Auckland Classic sotto la pioggia contro la spagnola Rebecca Masarova, in vista dell’Australian Open.

La teenager americana Gauff ha negoziato due lunghe soste prima di battere Massarova nelle qualificazioni spagnole 6-1, 6-1 per completare una settimana dominante in cui è stata difficilmente sfidata.

La numero sette del mondo non ha perso un set nel torneo e ha facilmente superato la 130esima testa di serie Masarova aggiudicandosi il suo terzo titolo WTA e il suo primo in quasi due anni.

Gauff stava servendo a un set point nel primo set quando un acquazzone li ha costretti a superare le due ore.

La partita della maratona è sembrata estenuante per la 23enne Masarova, il cui debutto nella finale WTA è stata la sua settima partita in otto giorni, qualificazioni comprese.

I commenti saranno moderati. Mantieni i commenti pertinenti all’articolo. I commenti contenenti linguaggio volgare o volgare, attacchi personali di qualsiasi tipo o promozioni verranno rimossi e l’utente bannato. La decisione finale sarà a discrezione del Taipei Times.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.