Gli Stati Uniti modificano le regole sull’Ucraina che lancia missili a lungo raggio contro la Russia

Giovedì il Pentagono ha affermato che l’esercito ucraino potrebbe utilizzare missili a lungo raggio forniti dagli Stati Uniti per colpire obiettivi più profondi all’interno della Russia se agisse per legittima difesa.

Gli Stati Uniti avevano precedentemente mantenuto una politica che non permetteva all’Ucraina di usare armi per colpire obiettivi all’interno della Russia per paura di un’escalation della guerra con la Russia.

Ma Joe Biden aveva precedentemente allentato tali restrizioni per aiutare Kiev a difendere la città orientale di Kharkiv dal continuo bombardamento missilistico russo.

Il maggiore generale Pat Ryder, addetto stampa del Pentagono, ha affermato che Mosca sta sparando contro obiettivi ucraini all'interno dei suoi confini, che considera una “zona sicura”.

“Quando vediamo queste forze condurre questo tipo di operazioni transfrontaliere, abbiamo chiarito che l'Ucraina può e ha il diritto di rispondere al fuoco per difendersi”, ha detto Ryder.

Ciò avviene mentre l’Ucraina ha lanciato un importante attacco con droni contro “obiettivi militari” sul territorio russo, prendendo di mira raffinerie di petrolio, strutture di droni e stazioni radar.

Tuttavia, la Russia continua a reagire e si dice che stia lanciando “attacchi frontali su larga scala” attorno alla città di Chasiv Yar, secondo un generale militare ucraino che ha descritto la situazione come “estremamente difficile”.

Chasiv Yar è diventato un punto critico sulla linea del fronte di Donetsk perché la sua cattura potrebbe accelerare l’avanzata russa nella regione industriale.

READ  L'uragano Lee si sta dirigendo verso il New England e il Canada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *