Gli scienziati hanno rivelato che la Terra ha una nuova “luna” ed è qui per rimanere per almeno 1.500 anni

Un nuovo studio rivela che la Terra ha una luna nuova, o almeno una semiluna.

Una quasi-luna è una roccia spaziale che orbita attorno alla Terra, ma è legata gravitazionalmente al Sole.

Questo quasar, denominato 2023 FW13, è stato scoperto da esperti utilizzando il telescopio Pan-STARRS in cima al vulcano Haleakala alle Hawaii, ed è uno dei pochi quasar conosciuti.

Gli esperti ritengono che l’antico compagno cosmico sia stato intorno alla Terra dal 100 a.C. e continuerà a orbitare attorno al nostro pianeta per almeno altri 1.500 anni, fino al 3.700 d.C.

Fortunatamente, non si ritiene che 2023 FW13 o una quasi-luna simile chiamata 469219 Kamoʻoalewa rappresenti un pericolo per le persone sulla Terra.

Gli astronomi hanno scoperto una nuova “luna vicina”, una roccia spaziale che orbita attorno alla Terra ma è legata gravitazionalmente al Sole. Sono stati proposti diversi candidati per la seconda luna della Terra, ma nessuno è stato confermato

Cosa sono i quasi-satelliti?

2023 FW13 è una quasi-luna, una sottoclasse di asteroidi vicini alla Terra che orbitano attorno al Sole ma rimangono vicini alla Terra.

Le quasi-lune seguono orbite ellittiche (non perfettamente circolari) attorno al Sole molto simili a quelle della Terra.

Spesso sembrano orbitare attorno alla Terra, come la Luna, ma in realtà rimangono legati gravitazionalmente al Sole piuttosto che alla Terra.

Le quasi-lune, note anche come “quasi-satelliti”, spesso sembrano orbitare attorno al nostro pianeta come un satellite naturale (noto come “Luna”).

Ma hanno il prefisso “semi” perché sono legati gravitazionalmente al Sole piuttosto che alla Terra, e non viceversa come nel caso della Luna.

READ  Jupiter is bigger than some stars, so why haven't we got a second sun?

2023 FW13 differisce dalla nostra Luna perché orbita ben al di fuori del “ridgeball” della Terra, la regione attorno a un corpo planetario in cui la sua gravità è la forza dominante che attira i satelliti.

Il raggio della sfera del tumulo terrestre è di 932.000 miglia (1,5 milioni di km), mentre il raggio di 2023 FW13 dalla Terra è leggermente più grande, circa 1,6 milioni di miglia.

“La dimensione dell’anello – circa 0,18 unità astronomiche di raggio – è così grande che la Terra non gioca un ruolo fondamentale nel suo movimento”, ha detto Alan Harris, ricercatore senior presso lo Space Science Institute di Boulder, in Colorado. Cielo e telescopio.

“[2023 FW13 is] Non è in alcun modo collegato alla Terra se non per caso.

Diagramma schematico di un'orbita quasi satellitare generale.  Il satellite orbita sia attorno al Sole che al pianeta vicino, ma è legato gravitazionalmente al Sole, non al pianeta

Diagramma schematico di un’orbita quasi satellitare generale. Il satellite orbita sia attorno al Sole che al pianeta vicino, ma è legato gravitazionalmente al Sole, non al pianeta

Un simulatore online che mostra l'orbita di 2023 FW13 in relazione al satellite, al sole e ad altri pianeti del sistema solare

Un simulatore online che mostra l’orbita di 2023 FW13 in relazione al satellite, al sole e ad altri pianeti del sistema solare

È stato scoperto utilizzando il telescopio Pan-STARRS, situato in cima a Haleakala, un vulcano spento sull'isola hawaiana di Maui.

È stato scoperto utilizzando il telescopio Pan-STARRS, situato in cima a Haleakala, un vulcano spento sull’isola hawaiana di Maui.

2023 FW13 è stato avvistato per la prima volta il 28 marzo da PanSTARRS prima che la sua esistenza fosse confermata da diversi altri telescopi.

Dopo la conferma, è stata la FW13 del 2023 incluso dal Minor Planet Center dell’Unione Astronomica Internazionale (IAU).

Sebbene le dimensioni di 2023 FW13 siano incerte, lo specialista di asteroidi Richard Penzel stima che abbia un diametro compreso tra 10 e 15 metri.

READ  La NASA pianifica il suo primo volo di prova in elicottero su Marte per lunedì - Spaceflight Now

Questa è solo una piccola frazione del diametro della nostra Luna, che è di 2.159 miglia (sebbene la Luna sia classificata come tale per le sue caratteristiche orbitali piuttosto che per le sue dimensioni).

L’orbita di 2023 FW13 attorno al Sole impiega all’incirca lo stesso tempo di quella della Terra: 365,42 giorni (1,0005 anni terrestri).

Mentre gira intorno alla Terra nel suo viaggio orbitale, questa orbita è così allungata che arriva a metà strada verso Marte e arriva a metà strada verso Venere.

La Terra ha Molti noti compagni cosmiciMolti di loro sono quasi-satelliti, anche se 2023 FW13 mostra che è probabile che ne vengano scoperti altri.

I quasi-satelliti tendono a seguire una traiettoria “stabile” attorno alla Terra per più di qualche decennio prima di lasciare l’orbita del pianeta.

La FW13 2023 è speciale perché sarà nelle stesse condizioni per secoli e rimarrà tale “per i secoli a venire”. L’astronomo dilettante Tony Dunn.

Kamo'oalewa, il cui nome si riferisce alla prole che viaggia da sola, è stata scoperta dal telescopio PanSTARRS alle Hawaii nel 2016. La sua orbita rispetto alla Terra e al sole è ripresa

Kamo’oalewa, il cui nome si riferisce alla prole che viaggia da sola, è stata scoperta dal telescopio PanSTARRS alle Hawaii nel 2016. La sua orbita rispetto alla Terra e al sole è ripresa

Quello Simulazione online Creato da Dunn che mostra l’orbita del 2023 FW13 in relazione alla Luna, al Sole e agli altri pianeti del Sistema Solare.

Un altro popolare quasi-satellite noto come 469219 Kamoʻoalewa o 2016 HO3 è stato scoperto da PanSTARRS nell’aprile 2016.

469219 Kamoʻoalewa, che ha un diametro di 330 piedi, rimarrà in questa orbita per circa 300 anni nel futuro, secondo Renu Malhotra, un esperto dell’Università dell’Arizona.

Malhotra è autore di un recente studio che ha scoperto che 469.219 Kamoʻoalewa potrebbero essere una parte antica della nostra luna.

READ  La scienza dei fiocchi di neve - BBC Ideas

L’analisi della luce riflessa dalla roccia spaziale ha suggerito che fosse fatta dello stesso materiale dei minerali trovati nelle rocce lunari delle missioni Apollo della NASA.

Spiegazione: la differenza tra un asteroide, un meteorite e altre rocce spaziali

Quello asteroide È un grande pezzo di roccia rimasto dagli impatti o dal primo sistema solare. La maggior parte di essi si trova tra Marte e Giove nella fascia principale.

UN cometa È una roccia ricoperta di ghiaccio, metano e altri composti. Le loro orbite li portano lontano dal sistema solare.

UN meteora È ciò che gli astronomi chiamano un lampo di luce nell’atmosfera mentre i detriti bruciano.

Questo stesso relitto è noto come a meteora. La maggior parte è così piccola che si prosciuga nell’atmosfera.

Se uno di questi meteoriti raggiunge la Terra, viene chiamato a meteora.

Meteore, meteoroidi e meteoroidi di solito provengono da asteroidi e comete.

Ad esempio, se la Terra passa attraverso la coda di una cometa, gran parte dei detriti brucia nell’atmosfera, formando una pioggia di meteoriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *