Gli italiani usano metodi di cottura antichi per far fronte all’aumento dei costi del gas

Mentre le famiglie italiane lottano con l’aumento dei prezzi dell’energia, gli abitanti dei villaggi toscani stanno tornando alle antiche tecniche di cucina utilizzate dai loro antenati per ridurre i costi.

Invece del gas, usano la lana per preparare pasti succulenti.

A San Casciano dei Bagni, dove vivono appena 1.000 persone tra dolci colline verdi, antiche terme romane e pascoli di pecore, un team di ambientaliste ha scavato nelle cantine per trovare i consigli dei nonni su come costruire e utilizzare la cosiddetta “cucina scatole.”

Metodo di cottura intelligente

Diffusi durante la prima e la seconda guerra mondiale, quando il consumo energetico nelle case fu ridotto al minimo, sono i forni semplici e portatili che sfruttano le proprietà di convezione naturale della lana per rallentare la cottura dei pasti.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, il conseguente aumento dei costi energetici e la necessità di ridurre i consumi di gas ed elettricità hanno reso queste stufe alternative “ecologiche” molto apprezzate dagli chef italiani e persino da alcuni commensali.

All’interno delle “scatole da cucina” viene imbottita di lana che trattiene il calore e termina la lenta cottura di zuppe, carni, yogurt, e anche marmellate. Per avviare il processo di riscaldamento viene utilizzato solo il gas del bruciatore.

Dice Gloria Lucchesi, una delle fondatrici dell’Associazione Eco-friendly Filo & Fibra che ha riportato dalla tomba questa intelligente macchina da cucina.

“Il cibo continuerà a cuocere per diverse ore grazie alla lana che intrappola il calore, e la sera avrete piatti fumanti pronti da assaporare a cena”.

oggetto da cucina moderno

In collaborazione con altri del suo paese, Lucchesi realizza ora “scatole da cucina” personalizzate per i clienti. Hanno anche aperto un negozio a San Casciano dei Bagni, vendendo scatole da cucina con riduzione del gas come strumento di cottura alla moda. La gente chiama giornalmente da tutta Italia per spedirlo.

READ  Programmatori, designer e imprenditori prosperano grazie alla Apple Developer Academy

“Abbiamo calcolato che se cucini per 20-30 ore al mese ogni anno in un box da cucina, risparmierai fino a 50 euro in bolletta e 47 chilogrammi di CO2, consumando meno di un quarto dell’acqua per piatto rispetto al piano cottura cucinare”, dice Lucchesi. .

Le scatole da cucina artigianali sono disponibili in diverse forme, colori e materiali. Il guscio esterno è realizzato in legno proveniente dalle foreste indigene, feltro o cotone mentre l’interno è foderato con lana spessa.

Alcuni anni fa, la Lucchesi ha trovato il vecchio ricettario della nonna nascosto nel cassetto della casa di famiglia. Conteneva le istruzioni su come utilizzare le lattine pubblicate da un giornale locale nel 1941, insieme ad altri utili consigli sul riciclaggio fai-da-te e sui metodi di controllo dei rifiuti.

I suggerimenti includevano indossare vecchi giornali sotto i vestiti per tenersi al caldo dall’umidità e dalla pioggia mentre si pedalava e modellare i giornali in palline come combustibile per il riscaldamento.

Risparmia l’energia (e il tempo) di cui hai tanto bisogno

Il nuovo governo di destra italiano guidato dal premier Giorgia Meloni non ha delineato ulteriori misure a sostegno delle famiglie in difficoltà e delle imprese colpite da bollette energetiche elevate. Più fondi dovrebbero essere stanziati nel prossimo piano di budget.

Nel frattempo, le famiglie italiane hanno adottato abitudini energivore. Molti ora spengono i fornelli non appena l’acqua della pentola della pasta inizia a bollire, spengono le luci non necessarie in giardino, condividono le auto e riscaldano le zone notte chiudendo parti della casa per l’inverno.

I giornali italiani pubblicano anche articoli con consigli su come ridurre i costi energetici, più che triplicati da febbraio. La famiglia media e numerosa potrebbe finire per spendere fino a 1.800 euro al mese questo inverno, secondo alcuni lobbisti dei consumatori.

READ  L'amministratore delegato di Snam vede nel Mezzogiorno il nuovo polo energetico nel piano di ripresa dell'Unione Europea

“I miei nonni stavano vivendo tempi di guerra, carestia e povertà, e in qualche modo il mondo si trova di nuovo ad affrontare circostanze simili. La saggezza e gli insegnamenti del passato sono la chiave per un futuro migliore”, dice Lucchesi.

Le scatole da cucina non solo usano la lana invece del gas per preparare i piatti, ma consentono anche ai cuochi casalinghi di trovare il tempo per altre attività quotidiane mentre aspettano che il pasto sia pronto.

“Più tenero e gustoso”

La chef Tiziana Taki, responsabile de Il Grillo è Buoncantone nel vicino comune di Chiusi, si affida a diversi box cottura dedicati ai piatti del menù.

“La mattina preparo la zuppa di fagioli sul fornello, poi dopo 10 minuti passo al box cottura e lo lascio lì fino a sera, quando apro il ristorante. Il cibo cotto all’interno del box è più gustoso perché non c’è dispersione di vapore e mantiene le sue proprietà nutritive”, afferma Takei.

Cassaforte in legno in stile classico (Foto: Gloria Lucchesi)

Il calore accumulato durante la prima fase di cottura viene mantenuto sul fornello riponendo la pentola in una cassetta di legno o feltro foderata di lana, materiale isolante.

Lucchesi spiega che “l’inerzia termica” della lana permette alla pentola all’interno della scatola di contenere il calore iniziale generato dal fornello e di creare una cottura lenta e costante.

È anche ottimo per mantenere i piatti freddi, dice Tacchi, e ottimo per fare lo yogurt, che richiede ore di incubazione a temperature tiepide.

Salsa all’aglione

In passato si utilizzava paglia, fieno o cera per il rivestimento interno delle scatole, ma il team Lucchesi decise di riciclare la lana avanzata dalla tosatura delle pecore nelle campagne di San Casciano dei Bagni, riducendo così i sottoprodotti e i problemi di smaltimento.

READ  Mezzi di gestione del cyberspazio e dovere di sicurezza

Le pecore domestiche hanno una lana grezza che viene utilizzata raramente nella fabbricazione di vestiti, il che la rende ideale per gli artigiani locali per creare scatole culinarie.

Le scatole non sono solo per i piatti casalinghi. In passato erano molto apprezzati anche dalla borghesia e dall’aristocrazia come teche isolanti per un picnic. Di recente gli italiani hanno riscoperto questa app.

Durante l’estate, molte persone acquistano scatole da cucina per i tour giornalieri in barca dell’arcipelago toscano e per le avventure in camper, dice Luccese.

Tacchi e Lucchesi dicono che all’interno cuociono di tutto, dalle patate ai cereali, dai legumi, alle salse di pomodoro, dalla purea di mais, alla zuppa di fagioli, agli stufati e alle polpette.

Tacchi cuoce anche lentamente la Toscana all’aglione con una notevole riduzione del consumo di gas: appena 15 minuti sul fornello invece delle solite 3 ore.

Vorremmo condividere altre storie su come gli europei hanno trovato modi vecchi o innovativi per far fronte all’aumento dei costi energetici. Contattare a@euobserver.com per suggerimenti o presentazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.