Gli italiani rendono omaggio ai piloti americani della seconda guerra mondiale | Articolo







Il 24 aprile 2002, i soldati dell’esercito e dell’aeronautica statunitensi hanno rilasciato una targa per i soldati americani che partecipavano all’operazione Herring con gli italiani a Poggio Rusco. Gli ufficiali hanno rimosso la bandiera americana e rimosso le targhe. Immagine, da sinistra; 1° sergente Jonathan Risher, Fabio Sachsi, Bojio Rusco Mayor, CPD. Joseph Hart, US Army Garrison Italy, Maggiore. Eved Barnes, Ufficiale di Stato Maggiore dell’Esercito degli Stati Uniti in Italia.
(Foto cortesia: Randall Jackson, US Army Garrison Italy)

Vedi originale

POGGIO RUSCO, Italia – I soldati della guarnigione dell’esercito americano aiutano le persone delle piccole comunità italiane a identificare i piloti della seconda guerra mondiale durante il servizio funebre del 24 aprile.

Membri del quartier generale e del quartier generale, vestiti in uniforme, si sono uniti ai paracadutisti italiani – attualmente in servizio e veterani – ed è stata svelata una targa in memoria dell’operazione Herring, insieme ad altri membri della comunità. Sotto il cielo grigio, la gente si è radunata in questo piccolo paese a circa un’ora di macchina a sud di Vicenza. Nell’aprile 1945, i leader italiani svelarono una targa in riconoscimento dei piloti americani che avevano pilotato paracadutisti italiani sulla valle del fiume Bo, un’operazione aerea che contribuì ad accelerare la fine della guerra.

“Gli alleati italiani, americani e britannici che hanno partecipato a questo evento hanno aiutato il mondo intero a difendere l’indipendenza”, ha affermato il Cpt. Joseph Hart, comandante dell’HHC. “Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. Sono particolarmente grato a coloro che hanno dato la vita per la libertà di cui godiamo oggi.




Il 24 aprile 2002, i soldati dell'esercito e dell'aeronautica statunitensi hanno rilasciato una targa per i soldati americani che partecipavano all'operazione Herring con gli italiani a Poggio Rusco.  Gli ufficiali hanno rimosso la bandiera americana e rimosso le targhe.  Immagine, da sinistra;  Marco Bertolini, Presidente Nazionale Associazione Italiana Bradroppers, Cpt.  Joseph Hart, guarnigione dell'esercito americano in Italia, maggiore.  Eved Barnes, dirigente italiano della guarnigione dell'esercito americano, Fabio Sachsi, sindaco di Pogio Rusco, cd dell'aeronautica americana.  Michael DeSandre e il primo sergente.  Jonathan Risher.



Il 24 aprile 2002, i soldati dell’esercito e dell’aeronautica statunitensi hanno rilasciato una targa per i soldati americani che partecipavano all’operazione Herring con gli italiani a Poggio Rusco. Gli ufficiali hanno rimosso la bandiera americana e rimosso le targhe. Immagine, da sinistra; Marco Bertolini, Presidente Nazionale Associazione Italiana Bradroppers, Cpt. Joseph Hart, guarnigione dell’esercito americano in Italia, maggiore. Eved Barnes, dirigente italiano della guarnigione dell’esercito americano, Fabio Sachsi, sindaco di Pogio Rusco, cd dell’aeronautica americana. Michael DeSandre e il primo sergente. Jonathan Risher.
(Foto cortesia: Randall Jackson, US Army Garrison Italy)

Vedi originale

Maggiore. Eveth Barnes e il primo sergente. Jonathan Risher ha anche partecipato all’Operazione Herring, un evento che mette in evidenza la caduta aerea della seconda guerra mondiale in Europa. Fu progettato per aiutare ad abbattere la linea difensiva tedesca in modo che gli Alleati potessero occupare l’Italia settentrionale. Dalla fine della seconda guerra mondiale, le truppe americane e italiane si addestrano e prestano servizio insieme. L’Italia e gli Stati Uniti sono due dei 12 membri fondatori della NATO, iniziata nel 1949.

“Oggi è stato un onore per i piloti americani”, ha detto il Mag. Cicero Scolioni, ufficiale italiano e comandante dell’Aeronautica Militare Italiana a Pisa. “È importante ricordare eventi come questo ogni anno per mantenere questa amicizia”.

L’anniversario commemora il 77° anniversario dell’ultima svolta che portò alla liberazione dell’Italia dalle potenze dell’Asse. L’evento è avvenuto un giorno prima della Festa dell’Indipendenza d’Italia, il 25 aprile.

“Per comprendere l’intero quadro dobbiamo ricordare cosa è successo in passato e portare avanti il ​​futuro in un modo più sensato”, ha detto il capitano Michael Deschandre, un pilota di C-130 dell’U.S. Air Force, che attualmente presta servizio in Italia. Divisione dell’esercito.

Generalmente assegnato alla base aerea di Rammstein in Germania, Desantre è stata una delle oltre 100 persone che si sono radunate sotto la pioggia fredda per rendere omaggio ai partecipanti all’operazione Herring, che ha portato alla liberazione e alla fine dell’Italia. La guerra.

“Ricordo come l’esercito italiano ha accolto me e i rappresentanti militari statunitensi e come eravamo tutti nella stessa squadra”, ha detto DeSandre.

READ  L'Italia cancella 500 voli tra ATF, abbandono dei lavoratori - Airways Magazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.