Gli immigrati affrontano tempi duri nell’Italia di Meloni

  • Maloney ha preso impegni contro l’immigrazione durante la campagna elettorale
  • Il suo partito e i suoi alleati vogliono fermare i migranti in barca
  • Meloni dovrebbe chiedere il sostegno dell’Unione Europea
  • I cristiani accolgono gli immigrati “compatibili”.

ROMA, 7 ott. (Reuters) – La vita e’ dura per i richiedenti asilo in Italia: alla maggior parte viene negato lo status di rifugiato, espulso dal lavoro legale e subiscono discriminazioni, secondo i sondaggi. Ora sembra che le cose stiano per peggiorare ulteriormente.

Fresca della sua vittoria elettorale, Giorgia Meloni dovrebbe diventare primo ministro alla fine di questo mese, a capo di una coalizione di destra che ha promesso di reprimere l’immigrazione e restringere i confini dell’Italia.

Le misure promesse includono il rimpatrio accelerato e norme più rigorose in materia di asilo. Meloni ha chiesto un blocco navale del Nord Africa per impedire ai migranti di attraversare il mare e rinnovate restrizioni alle navi di soccorso per beneficenza.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Le prospettive sono molto difficili”, ha affermato Michael Buschhur, fondatore di Sea Eye, un gruppo umanitario tedesco le cui barche hanno salvato la vita a migliaia di migranti nel Mediterraneo centrale negli ultimi sei anni.

Buschheur vede il bando previsto per l’Italia come parte di più ampi sforzi europei per tenere fuori i rifugiati.

“In questo momento, non riesco a vedere una cosa che credo possa migliorare le cose per gli immigrati”.

La velocità e l’entità di un eventuale divieto italiano dipenderanno da chi diventerà ministro dell’Interno.

Matteo Salvini, capo della Lega di destra, principale alleato politico di Meloni, è entrato in carica nel 2018-19 e ha introdotto una serie di misure anti-immigrazione. Alcuni da allora si sono attenuati e Salvini ha affermato di voler riprendere l’incarico per ripristinare i suoi cosiddetti ordini protettivi.

READ  Euro 2020: l'Italia garantisce di consentire ai fan su dispositivi ROM

Ma fonti politiche affermano che Meloni resiste alla sua richiesta e favorisce un approccio meno conflittuale nella speranza di ottenere il sostegno dell’UE.

«Penso che Giorgia Meloni sia più astuta di Salvini», ha detto Andrea Costa, presidente di Baobab Experience, un’associazione umanitaria che aiuta gli immigrati in Italia. “Penso che il nuovo governo starà attento e terrà d’occhio il resto d’Europa”.

Barriera marittima

Un’ondata di richiedenti asilo nel 2014-2016 ha trasformato l’immigrazione in una questione politica scottante e ha alimentato l’ascesa sia della Lega che del partito Fratelli d’Italia di Meloni.

Al suo apice nel 2016, 181.000 migranti hanno raggiunto l’Italia via mare. Le misure di controllo hanno portato a un forte calo e nel 2019 Salvini ha limitato le barche di beneficenza all’Italia, con appena 11.500 arrivi.

Dopo una relativa stasi, i numeri sono di nuovo in aumento, con 72.430 arrivi finora nel 2022, per lo più dal Nord Africa, che dista circa 290 km dall’isola più meridionale d’Italia, Lampedusa.

Secondo gli ultimi dati, in Italia vivono senza documenti 519.000 persone, meno dell’1% della popolazione totale.

Parlando con Reuters prima delle elezioni del 25 settembre, Meloni ha affermato di volere che l’UE paghi le autorità libiche per fermare i migranti diretti in Italia, con pattuglie navali che limitano l’accordo.

Ha messo da parte le preoccupazioni sulle violazioni dei diritti umani in Libia, dicendo che un tale accordo rispecchierebbe un accordo firmato con la Turchia nel 2016 in base al quale Bruxelles paga Ankara per ospitare i rifugiati e impedire loro di andare in Europa.

Secondo le attuali norme dell’UE, i migranti che raggiungono l’Italia devono elaborare qui le loro domande di asilo, un processo che può richiedere mesi o anni.

“Se li lasciamo entrare e non possono andare al nord, l’Italia diventerà il campo profughi d’Europa”, ha detto. “Non è giusto.”

Nel tentativo di scoraggiare i rifugiati, Salvini ha inasprito le regole sulle quali potrebbe essere concesso lo status di asilo.

Secondo i dati ufficiali, nel 2017, l’anno prima dell’insediamento di Salvini, l’Italia ha approvato il 41% delle richieste di asilo. Nel 2019, quando le regole erano in pieno vigore, quel numero è sceso al 19%, ma nel 2021, quando il suo mandato è rimasto alquanto indenne, è salito al 42%.

“Gli ordini di sicurezza torneranno nella prima riunione di gabinetto”, ha detto Salvini prima delle elezioni.

Benvenuti ucraini

Papa Mamquier Wade, 47 anni, senegalese, ha detto a luglio di aver aspettato 11 anni per ottenere un permesso di soggiorno in Italia. Ma è valido solo fino al 2024 e teme che non verrà rinnovato dal nuovo governo.

“Usano l’immigrazione come carburante per le loro campagne elettorali”, ha detto a Reuters nell’appartamento di Roma che condivide con altri sei migranti.

Wade crede che l’Italia stia praticando un doppio standard, osservando che gli ucraini fuggiti dall’invasione russa hanno ricevuto automaticamente permessi di soggiorno di un anno e sono andati in cima alla lista d’attesa per rimanere.

“Le persone muoiono nelle guerre africane, ma (in Europa) non lo vedono. Siamo invisibili. L’ultimo della fila”, ha detto Wade.

L’Italia ha accolto 171.000 ucraini da febbraio, più del numero di migranti in barca negli ultimi tre anni.

READ  A Exmouth apre il nuovo appetitoso Italian Tele

Meloni ha definito gli ucraini “veri rifugiati” e a marzo ha detto al parlamento che il governo dovrebbe “cogliere questo momento” ed espellere tutti gli “immigrati illegali”.

Nella sua autobiografia del 2021 “I Am Georgia”, Meloni ha affermato che la migrazione di massa ha diluito l’identità etnica e che i cristiani e le persone italiane dovrebbero essere accolti “nel modo più armonioso possibile con la nostra stessa comunità nazionale”.

Aboubakar Soumahoro, un musulmano nero della Costa d’Avorio, non corrisponde alla sua identità nazionale. È arrivato in Italia nel 1999, ha lavorato come manovale e ha ottenuto la cittadinanza italiana una decina di anni fa.

È stato eletto in parlamento per un partito di sinistra e giura di combattere qualsiasi tentativo di limitare i diritti di immigrazione.

“Accogliere le persone in base alla loro provenienza o al colore della loro pelle è contrario ai fondamenti della nostra costituzione”, ha detto a Reuters.

“Chi ha bisogno di un bicchiere d’acqua ne ottiene uno.”

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reportage di Crispian Palmer Montaggio di Gareth Jones

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.