Gli Houthi nello Yemen affermano di aver preso di mira due navi israeliane nel Mar Rosso: Rapporto | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Nel frattempo, il Pentagono afferma che sono state attaccate anche una nave da guerra americana e diverse navi commerciali, il che potrebbe rappresentare una grave escalation.

Il movimento Houthi dello Yemen ha affermato di aver preso di mira due navi israeliane con un drone armato e un missile navale, secondo un portavoce dell’esercito del gruppo.

Il portavoce ha detto che le due navi, Unity Explorer e Number Nine, sono state prese di mira dopo aver respinto gli avvertimenti della marina del gruppo, ha riferito Reuters domenica.

La società britannica di sicurezza marittima Ambre ha affermato che un’enorme nave mercantile è stata colpita da almeno due droni mentre navigava nel Mar Rosso. Ha aggiunto che un’altra nave portacontainer è stata danneggiata da un attacco di droni a circa 101 chilometri a nord-ovest del porto di Hodeidah, nel nord dello Yemen.

Il Pentagono ha anche affermato che una nave da guerra statunitense e diverse navi commerciali sono state attaccate nel Mar Rosso, il che potrebbe rappresentare una grave escalation in una serie di attacchi navali da quando è iniziata la guerra tra Israele e Hamas il 7 ottobre.

Il Pentagono ha dichiarato: “Siamo a conoscenza dei rapporti riguardanti gli attacchi al cacciatorpediniere USS Carney e alle navi commerciali nel Mar Rosso e forniremo informazioni non appena saranno disponibili”.

Carney è un cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke. Il Pentagono non ha specificato da dove si ritiene provenga l’incendio.


I ribelli Houthi lanciano droni e missili contro Israele mentre bombarda Gaza.

Un funzionario americano, parlando in condizione di anonimato per discutere questioni di intelligence, ha detto all’Associated Press che l’attacco è iniziato intorno alle 10 del mattino a Sanaa, nello Yemen (07:00 GMT), ed è continuato per circa cinque ore.

READ  I detriti di un F-35 sono stati trovati nella Carolina del Sud dopo l'espulsione del pilota americano

Il mese scorso, gli Houthi hanno sequestrato una nave da trasporto di veicoli, anch’essa collegata a Israele, nel Mar Rosso, al largo delle coste dello Yemen. La nave è ancora trattenuta dai ribelli vicino alla città costiera di Hodeidah.

La settimana scorsa i missili sono atterrati anche vicino a un’altra nave da guerra americana dopo che questa aveva aiutato una nave collegata a Israele a prendere brevemente il controllo dei militanti.

Tuttavia, gli Houthi non prendono di mira direttamente gli americani da qualche tempo, aumentando la posta in gioco nel crescente conflitto marittimo.

Nel 2016, gli Stati Uniti hanno lanciato missili da crociera Tomahawk che hanno distrutto tre siti radar costieri nel territorio controllato dagli Houthi, in risposta ai lanci di missili contro le navi della Marina americana, inclusa la USS Mason, in quel momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *