Gli astronomi sono scioccati quando un buco nero “rutta” una stella

Gli astronomi sono rimasti stupiti quando a Buco nero Rutta una stella che l’ha consumata tre anni fa, secondo un nuovo studio che ha analizzato l’evento galattico.

Lo studio, pubblicato su The Astrophysical Journal, la scorsa settimana, ha spiegato in dettaglio come gli scienziati hanno visto un buco nero inghiottire una piccola stella situata a 665 milioni di anni luce dalla Terra. Tuttavia, nel giugno 2021, lo stesso buco nero ha iniziato a espellere materiale che viaggiava con un raggio velocità della luce.

“Questo ci ha completamente sorpreso: nessuno aveva mai visto niente di simile prima”, ha affermato Yvette Sindez, coautrice dello studio e ricercatrice associata al Center for Astrophysics. Harvard e Smithsonian.

“È come se questo buco nero avesse improvvisamente iniziato a ruttare un mucchio di materiale dalla stella che lo ha mangiato anni fa”, ha aggiunto Sindis.

Immagini mozzafiato della Luna Cacciatrice in giro per il mondo

I dati del Very Large Array nel New Mexico hanno informato i ricercatori che il buco nero è ricomparso, ma il team non sa perché il deflusso sia stato ritardato di tre anni. Sendes ha paragonato l’attività dei buchi neri al “ruttare” dopo un pasto.

“Questa è la prima volta che vediamo un ritardo così lungo tra l’alimentazione e il deflusso”, ha affermato Ido Berger, un altro coautore dello studio. “Il prossimo passo è esplorare se questo sta davvero accadendo più regolarmente, e semplicemente non abbiamo esaminato TDE abbastanza tardi nel suo sviluppo”.

Percorso di steroidi rotto lungo oltre 6.000 miglia

I TDE significano Eventi di turbolenza di marea Descrive il processo mediante il quale una stella viene consumata da un buco nero. I ricercatori, che hanno chiamato il buco nero “AT2018hyz”, hanno raccolto le osservazioni utilizzando varie tecniche, tra cui l’ALMA Observatory in Cile, il MeerKAT in Sud Africa, l’Australian Telescope Compact Array in Australia e il Chandra X-Ray Observatory.

READ  I serpenti a sonagli usano trucchi vocali per ingannare le orecchie umane

Si pensa che i buchi neri derivino dai resti di enormi stelle morte. Queste aree hanno la capacità di consumare qualsiasi cosa e di prelevare tutte le sostanze, compresa la luce.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.