Gli antichi umani addomesticavano le volpi?

Immagine per l'articolo intitolato Gli antichi umani addomesticavano le volpi?

Nell’ultimo decennio, gli archeologi hanno portato alla luce prove che le volpi potrebbero essere state animali domestici migliaia di anni fa – o almeno, erano tollerate a rimanere negli insediamenti umani.

Per saperne di più sulla relazione tra le volpi ei nostri antenati, ho parlato con un archeologo e zoologo delle ultime scoperte scientifiche e di cosa significano per la nostra comprensione dell’addomesticamento degli animali nella storia umana.

seppellire la volpe

L’ultimo studio sui siti di sepoltura archeologici in cui sono stati trovati sia volpi che umani È successo in Spagna. Il sito appartiene a una comunità agricola, che coltiva orzo e legumi e si prende cura del bestiame come pecore e bovini.

Ricercatori di diversi istituti e università hanno analizzato le ossa raccolte nel luogo di sepoltura. Hanno studiato gli analoghi trovati nel collagene conservato nelle ossa, che possono fornire informazioni sulla dieta degli individui. Nelle ossa umane, possiamo conoscere la dieta di un adulto negli ultimi cinque-dieci anni di vita. Nei cani adulti, i dati sulla dieta vanno da sei mesi a tre anni.

La prima scoperta importante è stata il numero di ossa di volpe che i ricercatori hanno trovato ed è stata spiegata Aurora Grandal-d’AngladeRicercatore principale e docente presso l’Università di A Coruña.

“La volpe è stata davvero una scoperta straordinaria, poiché nelle sepolture di Can Roquita c’erano solo animali domestici”, ha detto. “Più tardi, quando hanno collaborato con ricercatori di altri siti, hanno visto che c’erano più casi, e questa è stata la chiave per considerare che le volpi hanno un valore particolare”.

I risultati hanno mostrato che le volpi stavano seguendo una dieta simile a quella di alcuni umani e cani. Ciò indica un livello di interazione più elevato rispetto a quanto precedentemente ipotizzato tra tQueste società hanno volpi 4000 anni fa.

Illustrazione che mostra una donna che cammina con un cane e una volpe.

Inoltre, il team ha trovato qualcosa di sorprendente: una delle quattro volpi, che mangia una dieta simile a quella umana (grandi quantità di proteine ​​vegetali), ha guarito le ossa rotte. Il modo in cui l’osso è guarito è compatibile con la fissazione delle ossa rotte, molto probabilmente da parte dell’uomo.

“La frattura guarita dell’artiglio della volpe è stata una scoperta che ha attirato l’attenzione del team di Can Roqueta dal momento in cui è stata scavata”, ha detto Grandal-d’Anglade. “Quando sono arrivato a collaborare con gli zoologi attraverso analisi isotopiche, ci aspettavamo che la volpe avesse una firma isotopica leggermente diversa da quella di un carnivoro selvatico, ma si è rivelata più specifica del previsto”.

Oltre a trovare somiglianze tra la dieta delle volpi e quella degli esseri umani e dei loro cani, i ricercatori hanno scoperto che nel caso della volpe colpita, la sua dieta conteneva una quantità significativa di proteine ​​vegetali. Questa dieta è simile alla dieta per cani di piccola taglia del sito, che è ricca di cereali. Ciò potrebbe indicare che la volpe è stata nutrita dagli umani, almeno per un po’ prima di morire. Tuttavia, la firma dell’isotopo non è sufficientemente specifica per verificarlo.

Sebbene sia stata studiata una sepoltura molto più antica, di circa 15.000 anni, Uno studio simile in Germania e Svizzera Sono state trovate differenze anche tra la dieta delle volpi che circondano gli insediamenti umani e le volpi selvatiche. Tuttavia, in quello studio, la dieta della volpe era ancora abbastanza diversa da quella degli umani, suggerendo una relazione simbiotica, in cui le volpi ottengono gli avanzi degli umani, in un modo o nell’altro.

più o meno nello stesso periodo 13.000 anni fa nel LevanteFu eseguita un’accurata sepoltura: un essere umano seppellito con una volpe. Entrambe le loro ossa sono state trattate con ocra rossa (il trattamento non è stato riservato ad altre ossa rinvenute nel luogo di sepoltura), indicando una sorta di importanza della volpe a differenza di altri animali. Inoltre, la sepoltura è stata successivamente riaperta e le ossa sono state portate altrove, ma l’uomo e la volpe sono stati tenuti insieme da queste diverse sepolture.

Questo studio, pubblicato 10 anni fa, ha analizzato la composizione del luogo di sepoltura. In particolare, la storia di questa sepoltura di volpe umana unica è antecedente alla comparsa di cani domestici nell’area. Naturalmente, capire i significati sociali di una società umana che esiste da migliaia di anni è un compito complesso. Tuttavia, non è difficile immaginare che a un certo punto le volpi potrebbero essere viste come analoghi dei cani e come potenziali benefici per gli spostamenti.

animali adattabili

Come notato prima gatto neroD., assistente insegnante di biologia alla Radford University che ha studiato le volpi che vivono dentro e intorno alle aree umane, le volpi sono altamente adattabili.

“In quanto carnivore opportuniste, le volpi hanno una dieta molto flessibile e possono trarre vantaggio dalle risorse alimentari umane come avanzi di immondizia non protetti, cumuli di compost, cibo per animali domestici, ecc.”, ha spiegato Black. “Possono anche trarre vantaggio dall’elevata densità di specie da preda, come topi e ratti. A differenza di alcune specie che richiedono grandi aree di foreste secolari o zone umide incontaminate per prosperare, le volpi rosse utilizzeranno prontamente una varietà di tipi di habitat e sembreranno particolarmente come gli habitat marginali e le aree in cui sono presenti diversi tipi di habitat nelle immediate vicinanze.

Indipendentemente dal fatto che le volpi in passato vivessero vicino agli insediamenti umani o fossero intenzionalmente tenute (o autorizzate) in giro, le volpi urbane sono un fenomeno per il quale possiamo trovare analoghi in tempi recenti.

Esistono registrazioni di volpi nelle aree urbane nel XIX e XX secolo. Le registrazioni delle volpi urbane si trovano sia nelle aree in cui sono autoctone sia in quelle in cui sono state introdotte: Melbourne negli anni ’40, periferia di Stoccolma negli anni ’60 e Bruxelles all’inizio degli anni ’70, ad esempio.

Di solito, queste volpi urbane non erano ampiamente accolte. Come ha spiegato Black, vivere accanto alle volpi non è necessariamente facile.

“Per le persone, le volpi rosse possono diventare una seccatura quando le loro attività sono in conflitto con gli ideali umani”, ha detto. “Sbattere le lettiere, fare irruzione nei giardini, passeggiare sotto i portici e i capannoni e defecare nei cortili è un comportamento normale per una volpe rossa, ma non tutti sono disposti a sopportare i vicini così indisciplinati. Le persone potrebbero anche essere preoccupate per gli effetti della volpe sulla salute e sicurezza di esseri umani e animali domestici. “Gli attacchi di volpi a persone, cani e gatti sono rari, ma le volpi possono essere portatrici di rabbia e altre malattie che possono essere trasmesse alle persone e agli animali domestici di cui si prendono cura”.

Tuttavia, ci sono registrazioni di volpi addomesticate e tenute come animali domestici. In Finlandia, un paese con molti record di volpi che vivono dentro o intorno ai centri urbaniCi sono anche segnalazioni di alcune volpi addomesticate urbane catturate e poi tenute come animali domestici. Ad esempio, nel 1921, una volpe fu catturata nelle baracche della città di Turku e tenuta come animale domestico.

È tempo di rivisitare gli antichi siti di scavo

Non è difficile immaginare come si siano verificate situazioni simili nel corso della storia quando qualcuno ha deciso di tenere una volpe come animale domestico (o forse voleva la sua pelliccia dopo essere cresciuto). Purtroppo, c’è ancora molto che non sappiamo.

Per rispondere alla domanda sul perché i nostri antenati non addomesticassero le volpi come facevano i cani, abbiamo ancora molta strada da fare. Tuttavia, è possibile che alcuni resti critici siano già stati sepolti, in attesa di essere analizzati con nuove tecniche e una mente aperta, ha osservato Grandal-d’Anglade.

“È del tutto possibile che i resti scheletrici di volpi che potrebbero essere stati trovati in contesti archeologici siano stati classificati direttamente come quelli di animali cacciati senza considerare altre ipotesi. L’idea che una volpe fosse solo un animale selvatico è diffusa tra gli archeologi, ma nel mio opinione è un preconcetto. “Se solo gli animali domestici fossero inclusi nelle strutture funerarie, la presenza di una volpe potrebbe indicare una stretta relazione con un essere umano sepolto… Ma quando ci si avvicina a un contesto archeologico, è necessario prestare attenzione a diversi tipi di prove. Abbiamo ha studiato la dieta di queste volpi e ha scoperto che è simile al sistema dei cani, e anche simile a quello dei bambini. Da qui il nostro suggerimento che queste volpi non fossero animali del tutto selvatici. Forse se esaminiamo più siti da questo punto di vista, potremmo trovare casi simili”.

Maria Gatta è un’ecologista e scrittrice scientifica con la passione per le relazioni tra piante, animali e esseri umani. È anche consulente di biologia per società di videogiochi. Seguitela su Twitter: Incorpora il tweet

READ  Lo studio afferma che i bambini che seguono una dieta a base vegetale possono soffrire di crescita stentata e altri problemi di salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.