Giocare a porte chiuse l’Italia contro l’Inghilterra è una ‘vergogna’, dice Gareth Southgate

Gareth Southgate dice che è una “vergogna” per l’Inghilterra giocare la partita in casa a porte chiuse perché ha ricordato ai tifosi che il loro comportamento è rappresentativo del loro paese e ha avvertito che nessuno vuole entrare nei giorni bui delle recinzioni.

La nazionale è costretta a giocare contro l’Italia in vista delle tribune vuote del Molineux per la partita della Nations League dell’11 giugno a causa del trambusto di Wembley per la finale di Euro 2020 contro la stessa nazione. Southgate ha rivelato che il suo staff ha sofferto quel giorno, riflettendo se la partita ha segnato l’inizio di un periodo post-epidemia che ha visto il rilascio di alcuni comportamenti culminati in “criminalità” sul campo nelle ultime settimane. Settimane”.

L’allenatore dell’Inghilterra ha insistito sul fatto che non c’era alcuna opzione per “tornare alle recinzioni”, ma c’era una chiara opzione da parte degli ufficiali di gara di “proteggere” i campi quando una linea veniva superata.

Southgate ha rifiutato di incolpare il calcio da solo, additando astutamente le cause sociali. L’Inghilterra è “cartellino giallo” dalla Uefa a causa della finale di Euro 2020 e potrebbe affrontare fino a tre partite a porte chiuse se si comporta male.

“Siamo dove siamo e ora è imbarazzante giocare a porte chiuse in casa”, ha detto Southgate. “Quando guardi a cose del genere che di solito accadono all’estero, è un problema di qualcun altro, come gestire questo Paese, ora siamo noi. Ancora una volta, questa non è una buona ottica per il nostro paese.

Quella finale è stata la partita più importante del paese negli ultimi 55 anni, ma Southgate ha rivelato che è stata uno shock per molte persone coinvolte.

READ  Giornata mondiale della libertà di stampa | Ambasciate e Consolati USA in Italia

“Questa è stata una delle cose più importanti che tutto il nostro staff ha lavorato con la squadra, e una delle cose extra che li ha resi molto tristi è stata che abbiamo interrotto la partita, ti sei sentito frustrato per aver perso la partita e poi abbiamo coperto tutte le persone che ha dovuto fare i conti con gli abusi razzisti sui ragazzi e quello che è successo in campo. Lo abbiamo fatto tutti per settimane. Ce l’abbiamo fatta noi, infatti non è stata un’esperienza piacevole per nessuno.

C’è stato un tremito intorno alla Federcalcio e alla squadra inglese nelle ultime settimane per l’invasione del campo. Nonostante la protesta pubblica per queste scene, hanno visto Billy Sharp dello Sheffield United, Patrick Vieira del Crystal Palace e Robin Olsen dell’Aston Villa essere intimiditi o attaccati direttamente. Southgate sente che una linea è stata superata ed è giunto il momento di una nuova regolamentazione. La FA ha annunciato durante il fine settimana che stanno lavorando proprio al gioco più ampio.

“Penso che non dovrebbe succedere nient’altro. Il calcio vede quello che è successo nelle ultime settimane e sente il bisogno di rispondere. Ovviamente le persone gestiscono tutte queste cose in altri incontri e tengono quelle discussioni. So che sicuramente succederà succede con la FA. Non credo che dovrebbe essere più di quello che è, è già dove dovrebbe essere e oltre l’accettabile. C’è questo difficile equilibrio tra ciò che abbiamo storicamente visto tutti nelle invasioni di campo quando Ronnie Radford ha segnato [for Hereford against Newcastle United in the FA Cup], C’è gioia ovunque, ci sono scene meravigliose, ma sfortunatamente, non siamo più come le persone quando andiamo, questo tipo di gioco… è violento. Alcuni di questi sono crimini. Le persone vengono imprigionate, è vero, non dovresti essere sul campo da gioco.

READ  Il nuovo Rappresentante Permanente dell'Italia presso le Nazioni Unite

Southgate ha generalmente indicato un contesto più ampio.

“È un aspetto calcistico, abbiamo la responsabilità di affrontarlo al meglio. Che aspetto ha? Dobbiamo cercare di proteggere i campi. Quello che non vogliamo è tornare tra le recinzioni. È un infatti è molto difficile quindi sta a tutti e come si svolgono le cose nel nostro paese è nelle mani di tutti noi.

“Il calcio è diventato un veicolo per questo in vari momenti della mia vita, persone a cui piace combattere, vogliono fare qualsiasi cosa, non vogliamo tornare lì. Negli ultimi 25 anni ci sono stati ambienti fantastici sul campo, brillantezza del gioco, famiglie, donne che tornano, sentirsi molto a proprio agio, il meglio per il gioco, eppure c’è un ambiente meraviglioso, quindi non abbiamo bisogno di 40.000 giocatori per creare un grande ambiente, ma come Paese siamo in un momento difficile. So che molte persone nella nostra comunità hanno problemi finanziari, forse ha un ruolo, siamo in un’epidemia con grandi restrizioni da molto tempo. Non voglio essere un retto… Non voglio essere un suonatore di esche con questo. Ma so di essere in una posizione di responsabilità, quindi devo parlare come mi sento, questo è quello che penso.

“È il modo giusto per andare dai vertici del nostro Paese, l’unico modo in cui possiamo influenzarlo nelle piccole cose. Perché abusiamo degli altri, o prendiamo in giro gli altri o cerchiamo reazioni, perché le persone gettano spazzatura quando lasciano un servizio stazione, e quelle piccole cose fanno la differenza: è stato dimostrato nel corso di molti anni in contesti diversi.

READ  Il capo cerca investimenti italiani nelle ZES

“Sì, il calcio dovrebbe provare a gestirlo, ma quando le persone entrano in campo lo gestisci meglio che puoi. Ci sono dei comportamenti e sono evidenti ovunque sul campo. Non sono un sociologo. Non lo so Perché ne fa parte, ma accettiamo determinati comportamenti che non sono accettabili, nel senso che tutti ne fanno parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.