Gazprom riprende le esportazioni di gas verso l’Italia attraverso l’Austria

MILANO (Reuters) – Il colosso energetico russo Gazprom ha ripreso mercoledì le esportazioni di gas verso l’Italia attraverso l’Austria dopo aver risolto un problema con le garanzie che ha bloccato i flussi nel fine settimana.

Gazprom ha affermato che la società e i suoi clienti italiani hanno trovato una soluzione dopo le modifiche normative in Austria che hanno interrotto i flussi in Italia attraverso un gasdotto che attraversa Tarvisio, nel nord-est del paese.

Il gruppo energetico italiano Eni ha confermato in una dichiarazione sulla piattaforma italiana GME che le forniture sono riprese, anche se ha affermato di aspettarsi che solo parte del gas necessario arrivi mercoledì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“La ripresa delle forniture è stata resa possibile dalla decisione assunta da Eni e dai soggetti interessati dalle restrizioni causate dalla nuova normativa introdotta dalle autorità di regolamentazione austriache”, ha affermato la società italiana in un separato comunicato sul proprio sito web.

Non ha menzionato altri dettagli.

L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha affermato lunedì che la sospensione dei flussi non è dovuta a “fattori geopolitici”.

“Ciò è dovuto al fatto che Gazprom dovrà pagare una garanzia in contanti per il trasporto di gas dall’Austria all’Italia che prima non esisteva”, ha affermato, aggiungendo che la garanzia ammontava a 20 milioni di euro (19,6 milioni di dollari).

Mosca e diversi paesi europei, inclusa la Germania, sono in disaccordo sulle forniture di gas naturale dalla Russia dall’invasione dell’Ucraina da parte del paese a febbraio.

La società controllata dal Cremlino ha dichiarato sabato che il transito del gas attraverso l’Austria è stato sospeso. Il governo austriaco ha affermato che Gazprom non aveva firmato i contratti richiesti.

READ  La rappresaglia della banca centrale tedesca causa seri problemi all'Italia

Eni ha affermato che il gas russo rappresenta ora solo il 10% circa delle importazioni di gas italiane, in calo rispetto a circa il 40%, mentre è aumentata la quota dell’Algeria e dei paesi nordici.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Copertina di Francesca Landini a Milano; Montaggio di Keith Weir e Jane Merriman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.