Firmato venerdì l’accordo per riprendere le esportazioni di grano ucraine nel Mar Nero | Ucraina

L’ufficio del presidente turco ha dichiarato che Ucraina, Russia, Turchia e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres firmeranno venerdì un accordo per riprendere le esportazioni di grano ucraine nel Mar Nero.

Sia la Russia che l’Ucraina sono i principali fornitori globali di grano, ma l’invasione del vicino da parte di Mosca ha esacerbato la situazione. Prezzi in rialzo Ha innescato una crisi alimentare internazionale. Le esportazioni di Kiev sono state bloccate, dozzine di navi sono state bloccate e circa 20 milioni di tonnellate di grano sono state bloccate nei silos nel porto di Odessa.

Giovedì sera l’ufficio del presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che durante i colloqui a Istanbul è stato raggiunto un accordo generale su un piano guidato dalle Nazioni Unite e che sarebbe stato redatto per iscritto da entrambe le parti. I dettagli dell’accordo non sono stati immediatamente noti. L’ufficio di Erdogan ha detto che doveva essere firmato venerdì presso gli uffici del Palazzo Dolmabahce alle 13:30 GMT.

Prima discorsi della scorsa settimanaI diplomatici hanno affermato che i dettagli del piano includevano navi ucraine che guidavano le navi di grano dentro e fuori le acque del porto minato. La Russia accetta una tregua durante il trasporto delle spedizioni; E la Turchia – con il supporto delle Nazioni Unite – sta ispezionando le navi per placare i timori della Russia sul contrabbando di armi.

le Nazioni Unite e tacchino Abbiamo lavorato per due mesi per mediare quello che Guterres ha definito un accordo “completo”: riprendere le esportazioni di grano dell’Ucraina nel Mar Nero e facilitare le spedizioni di grano e fertilizzanti russi. Giovedì sera, il Dipartimento di Stato americano ha dichiarato di aver accolto favorevolmente l’accordo “in linea di principio” e si è concentrato sul ritenere la Russia responsabile dell’attuazione dell’accordo.

READ  La sabbia del deserto diventa arancione nel cielo dopo che migliaia di miglia sono volate via dall'Africa - notizie dal mondo

Giovedì sera l’Ucraina sembrava essere in allerta sull’accordo, con il suo ministero degli Esteri che ha affermato che un altro round di operazioni guidate dalle Nazioni Unite si sarebbe tenuto venerdì in Turchia. “In breve, potrebbe essere firmato un documento che obbliga le due parti (a garantire) il funzionamento sicuro delle rotte di esportazione nel Mar Nero”, ha detto a Reuters il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko.

Nikolenko ha affermato che la delegazione ucraina nei colloqui sosterrà solo le decisioni che garantiranno la sicurezza delle regioni meridionali dell’Ucraina, le “posizioni forti” delle forze armate ucraine nella regione di Black Aya e le esportazioni sicure di prodotti agricoli ucraini.

Giovedì scorso, il viceministro dell’agricoltura ucraino, Taras Vysotsky, ha affermato che il paese potrebbe riprendere rapidamente le esportazioni.

“La maggioranza di [Odesa port] Le infrastrutture … rimangono, ha detto alla televisione ucraina, quindi è questione di diverse settimane se sono in atto adeguate garanzie di sicurezza.

Mosca ha negato la responsabilità di esacerbare la crisi alimentare, incolpando le sanzioni occidentali per aver rallentato le sue esportazioni di cibo e fertilizzanti e incolpando l’Ucraina per l’estrazione mineraria dei suoi porti del Mar Nero.

Un giorno dopo i colloqui di Istanbul della scorsa settimana, gli Stati Uniti hanno cercato di facilitare le esportazioni russe di cibo e fertilizzanti assicurando a banche, compagnie di navigazione e compagnie assicurative che tali transazioni non avrebbero violato le sanzioni di Washington contro Mosca per l’invasione dell’Ucraina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.