FG continuerà la causa da 3,5 miliardi di dollari di Eni/Shell mentre l’Italia abbassa le commissioni

La Nigeria fa causa a Shell ed Eni per l’accordo sul giacimento di petrolio

Un avvocato che rappresenta il più grande produttore di petrolio dell’Africa ha affermato che la Nigeria perseguirà una causa civile da 3,5 miliardi di dollari contro Shell Plc ed Eni SpA dopo che i pubblici ministeri italiani hanno archiviato il procedimento penale contro le due società.

Bloomberg ha riferito martedì che il Paese dell’Africa occidentale, che si è unito alla causa come parte civile nel 2018, ha ancora intenzione di appellarsi contro la sentenza del marzo 2021 di un tribunale di Milano.

Olabod Johnson, un avvocato del governo nigeriano, ha affermato che un tribunale di Milano ha assolto i giganti dell’energia e molti dei loro attuali ed ex amministratori delegati dalle accuse di corruzione, secondo Bloomberg.

I pubblici ministeri, che martedì hanno dichiarato che non avrebbero presentato ricorso contro la decisione, hanno affermato che i dirigenti coinvolti nell’accordo del 2011 per un permesso petrolifero offshore sapevano che gran parte degli 1,1 miliardi di dollari versati su un conto di deposito a garanzia controllato dal governo nigeriano sarebbero stati erogati come tangenti.

Shell ed Eni hanno accolto favorevolmente la decisione dell’accusa.

“Abbiamo sempre sostenuto che l’accordo del 2011 fosse legale e siamo lieti che, nel 2021, il tribunale abbia concluso che non c’era alcun caso per rispondere a Shell o ai suoi ex dipendenti”, ha detto via e-mail una portavoce di Shell.

Eni ha detto in un comunicato che le sentenze di assoluzione sono diventate “complete e definitive”. Bloomberg ha affermato che il caso ha provocato “un danno grave e ingiusto alla reputazione dell’azienda” e alla sua gestione.

Leggi anche: Buhari svela NNPCL, una società per fornire valore a oltre 200 milioni di azionisti

READ  L'Italia consolida l'accordo sul gas con il Congo mentre boicotta le importazioni russe

Johnson ha detto che la Nigeria chiedeva 3,5 miliardi di dollari di danni perché era il vero valore della licenza che Shell ed Eni avevano acquistato.

La Procura della Repubblica, un organo separato, e il governo nigeriano hanno cercato di impugnare una sentenza del marzo 2021 che ha assolto le due società e gli imputati dopo un processo di tre anni.

Lucio Lucia, un avvocato che rappresenta il governo nigeriano, ha affermato che la decisione di non procedere è stata insolita.

Ha detto che il tribunale di grado inferiore non aveva valutato correttamente le prove documentali contro gli imputati.

La questione principale ruota attorno a un accordo in base al quale Eni e Shell hanno acquisito nel 2011 il giacimento petrolifero offshore OPL 245 per dirimere una lunga controversia sulla proprietà.

I pubblici ministeri hanno affermato che poco meno di 1,1 miliardi di dollari dell’importo totale è stato trasferito a politici e intermediari.

notizie quotidiane sul sole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.