“Fast & Furious”, una scheda di produzione di Michael Mann promuove il territorio torinese

Quest’anno il territorio torinese ha ospitato due grandi blockbuster hollywoodiani, Michael Manne il film “Ferrari” e “Fast X” di Louis Leterrier, il decimo film di “Il veloce e il furioso‘, così come le principali produzioni televisive, come la serie HBO “L’amica geniale”. Le produzioni locali sono state proiettate ai Festival di Cannes e Venezia, e questa settimana Festival del Cinema di Torino Sei titoli nazionali in rosa. diversi Beatrice Borgia, presidente della Film Commission di Torino Piemonte, e il suo direttore, Paolo Manera, si sono incontrati al festival per confrontarsi sullo stato di salute del settore produttivo della regione.

“Scegliere il Piemonte non è solo una questione di location, incentivi o il nostro lavoro di intermediari. […] Abbiamo creato un sistema organizzato con migliaia di professionisti altamente specializzati e molti attori oltre a produttori di servizi e società di post-produzione”, ha affermato Borgia.

La serie italiana “Il Nostro generale” proiettata al Torino Film Festival (Courtesy of Maria Vernetti)

Borgia ha aggiunto che il Piemonte, dopo il Lazio, è la regione italiana con il maggior numero di professionisti e aziende a pieno titolo occupati nel settore audiovisivo. Compresi video musicali e spot pubblicitari, ogni anno nella regione vengono girate più di 200 produzioni.

Manera ha riconosciuto che la regione si aspetta che vengano raccontate più storie locali. Nuovi progetti di questo tipo includono la serie poliziesca prodotta da Gronlandia “La Legge di Lidia Poeta”, con Matilda de Angelis nel ruolo del primo avvocato italiano a Torino nel 1880, e “La bella Estate” di Laura Luchetti, tratto dal romanzo di Cesare Pavese . Con lo stesso nome, che è stato girato pochi giorni fa.

Il Torino Film Festival prevede la proiezione di produzioni locali. “I film selezionati dal festival riflettono la grande diversità del nostro lavoro, in quanto includono film d’autore come “La Memoria del mondo” di Mirko Locatelli, diversi documentari e una serie, come Lucio Pellegrini e “Il Nostro generale” di Andrea Joplin, interpretato da Manera, ha detto Manera.

“La Memoria del mondo” in scena al Torino Film Festival (Courtesy of Stranifilm)

Borgia ha aggiunto: “Questo festival è la conclusione perfetta di un anno di successi iniziato a Cannes con ‘Le otto montagne’ e proseguito a Venezia. [with Carolina Cavalli’s debut ‘Amanda’ among the local productions] e Roma”.

Parlando di come la Film Commission punta a crescere nel medio-lungo termine, Manera ha elencato tre pilastri: internazionalizzazione, qualità e responsabilità. Il terzo non significa solo responsabilità nei confronti dell’ambiente, ma implica “un interesse a 360 gradi per scelte che possono portare cambiamenti sia sul territorio che a livello globale”.

“Amanda” di Carolina Cavalli è stato presentato in anteprima al Festival del Cinema di Venezia
Per gentile concessione di Sciarade

Manera e Borgia hanno rivelato che il sostegno alle produzioni della Film Commission verrà rafforzato e nuovi finanziamenti arriveranno in soccorso del settore espositivo.

Il duo ha affermato che le sfide future includono il rafforzamento delle infrastrutture di produzione nella regione e la creazione di legami più forti con altri settori, come il turismo, l’istruzione e il pubblico.

La Film Commission sta anche cercando di rafforzare i suoi legami con altri enti cinematografici regionali. “E’ ora di entrare a far parte del Museo del Cinema, del Torino Film Festival, del Torino Film Laboratory e di tutti i protagonisti che rappresentano il panorama cinematografico torinese a livello nazionale e internazionale”, ha detto Borgia.

L’ente collabora anche con il Salone del Libro, la Fiera Internazionale del Libro di Torino, per rafforzare i rapporti tra il settore dell’editoria ei produttori interessati all’adattamento dei romanzi.

READ  Crescere con Clelia: Comportamento scorretto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.